myAXA Login
A casa

Notifica di disdetta: qual è il momento decisivo?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Dipendenti e aziende partono spesso dal presupposto che, per stabilire se la lettera di disdetta sia stata inviata entro i termini previsti e quindi risulti valida, faccia fede la data del timbro postale. Si tratta però di un errore.

Per l’invio di una lettera di disdetta da parte del datore di lavoro o del dipendente, ad essere determinante non è il timbro postale, bensì la data in cui il destinatario l’ha ricevuta. La disdetta è valida solo dopo che è stata ricevuta dalla controparte (SECO).

È quindi importante che il destinatario della disdetta la riceva l’ultimo giorno del mese. Se la lettera viene recapitata anche con solo di un paio di giorni di ritardo, il rapporto di lavoro prosegue per un altro mese. 

Disdetta a mezzo raccomandata 

Poiché a farsi carico del rischio di un ritardo nel recapito della posta è la parte che ha dato la disdetta, si consiglia di inviare la lettera a mezzo raccomandata . Esiste una seconda possibilità: potete consegnare personalmente la lettera di disdetta facendovi firmare una ricevuta. In questo caso, volendo, potete presentare la disdetta anche l’ultimo giorno del mese.  

  • Teaser Image
    Esempio tratto dalla quotidianità lavorativa

    Lunedì 25 giugno la ditta presso cui è impiegata, invia alla signora Bianchi una lettera di disdetta a mezzo raccomandata. Il termine di preavviso è di due mesi. La signora Bianchi si rifiuta di prendere in consegna la raccomandata recapitata dal postino il 26 giugno, in quanto teme che si possa trattare del suo licenziamento. Nonostante il rifiuto, la disdetta risulta in questo caso spedita e il rapporto di lavoro cessa il 31 agosto.

Posso rifiutarmi di prendere in consegna la lettera di disdetta inviata a mezzo raccomandata?

Non è così semplice, anzi: rifiutare espressamente la raccomandata equivale ad averla ricevuta. In caso di assenza del destinatario la lettera di disdetta per raccomandata sarà considerata consegnata se si trova già in giacenza presso l’ufficio postale competente, secondo l’invito di ritiro. In questo caso il presupposto necessario è che siate in condizione di prelevare la lettera. 

In linea di principio vale quanto segue:

Affinché una disdetta sia effettiva il destinatario deve riceverla e prenderne atto: deve ad esempio trovarsi nella sua cassetta della posta. Il destinatario inoltre deve, in buona fede, poter essere in condizione di conoscere il contenuto della lettera.

Che succede se non ritiro la raccomandata?

Anche chi ignora l’invito di ritiro e «dimentica» di proposito la raccomandata all’ufficio postale, non evita la disdetta che, di norma, viene considerata consegnata a partire dal primo giorno del termine di ritiro.  Anche in questo caso il presupposto necessario è che siate in condizione di prelevare la lettera. Se, ad esempio, siete in ferie la disdetta acquisisce validità solo dopo il vostro rientro. Se siete malati e pertanto non in grado di lavorare, la disdetta è nulla. Dovrete ovviamente dimostrare la vostra incapacità lavorativa, possibilmente presentando un certificato medico. 

  • Teaser Image
    Esempio tratto dalla quotidianità lavorativa

    Il lunedì 25 giugno la ditta presso cui è impiegato, invia al signor Rossi una lettera di disdetta per raccomandata. Il termine di preavviso è di un mese. Il 26 luglio, al momento del recapito, il signor Rossi non è in casa e lo stesso giorno parte per una settimana di ferie. Al suo rientro, il 3 luglio, si reca all’ufficio postale per ritirare la raccomandata. In questo caso la lettera sarà considerata recapitata a partire da questa data. Il rapporto di lavoro pertanto non terminerà il 31 luglio, ma il 31 agosto.

La disdetta può essere anche verbale?

A condizione che non sia stata convenuta contrattualmente o che non sia prevista nel CCL o nel CNL la forma scritta, per entrambe le parti coinvolte è sufficiente una disdetta verbale. Le disdette verbali sono difficilmente dimostrabili, pertanto si consiglia di comunicarle in presenza di un testimone. Anche in questo caso vale la regola: la disdetta deve pervenire entro e non oltre l’ultimo giorno del mese.

Attenzione: le raccomandate non vengono recapitate di sabato

In Svizzera le raccomandate non vengono recapitate di sabato. Se volete ad esempio dare la disdetta nel mese di giugno 2019 con un termine di preavviso di un mese per la fine di luglio, la lettera di disdetta deve pervenire al datore di lavoro entro e non oltre il 30 giugno 2019. Poiché il 30 giugno 2019 è una domenica, la lettera di disdetta va inviata in precedenza. In concreto, ciò significa venerdì 28 giugno 2019 oppure va data verbalmente o personalmente entro e non oltre domenica 30 giugno 2019.

Articolo correlato

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati