A casa

Lite con i vicini? I vostri diritti e doveri

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Escrementi di gatto nella sabbiera dei bambini, fumo di sigaretta o rumore dell’aspirapolvere – tra vicini sorgono puntualmente litigi e questioni relative alle responsabilità che non di rado finiscono in tribunale. Come risolvere i conflitti in modo da poter continuare a vivere fianco a fianco?

Alexandra Pestalozzi, avvocato presso AXA-ARAG ed esperta in questioni di diritto immobiliare, illustra i vostri diritti e doveri in tema di liti di vicinato.

Il signore che abita nell’appartamento in locazione accanto al mio minaccia di denunciarmi perché a volte la domenica faccio il bucato e lo stendo sul balcone ad asciugare. È davvero vietato?

In un rapporto di locazione le norme per il bucato si basano sul regolamento interno o della lavanderia. Se fare il bucato di domenica è vietato, dovete attenervi a questa regola. Tuttavia, oggi più nulla vieta di stendere la biancheria sul balcone.

Nel nostro giardino abbiamo una piscina molto apprezzata anche dai figli dei vicini. Se succede qualcosa a uno dei bambini ne sono responsabile io?

Sì, è ipotizzabile sussista una responsabilità. Un’esclusione integrale della responsabilità non è possibile, poiché quella del proprietario dell’opera è una responsabilità causale. Vi raccomandiamo vivamente di mettere in sicurezza la piscina al fine di precludere per quanto possibile incidenti. Apporre semplicemente un cartello indicando che si declina qualsiasi responsabilità non è sufficiente per evitare di essere chiamati a rispondere.

A volte, quando esco la sera, metto in funzione il robot aspirapolvere. I vicini del piano di sotto si lamentano per il rumore. Quali sono le regole vigenti per passare l’aspirapolvere?

In generale, gli orari di riposo indicati dal regolamento di polizia prevedono il divieto di svolgere attività rumorose, come ad esempio passare l’aspirapolvere, nelle ore serali. Gli orari di riposo e quelli notturni esatti sono riportati nel regolamento di polizia del vostro comune o Cantone. Il nostro consiglio: non azionate il robot aspirapolvere la sera, ma solo di giorno.

La coppia nell’appartamento accanto tiene sempre la televisione ad altissimo volume e spesso la guarda fino a tarda notte. Posso fare qualcosa?

In linea di principio guardare la televisione è consentito; tuttavia di notte il volume dovrebbe essere moderato. Gli orari di riposo locali devono essere rispettati. Consigliamo, se possibile, di cercare il dialogo con i vicini. Nel caso di un appartamento in locazione potete anche richiedere l‘aiuto del locatore. 

Spesso la sera la mia vicina parla per ore al telefono ad alta voce sul suo balcone, quando io gradirei rilassarmi e leggere. Come posso agire?

Lunghe conversazioni al telefono a volume normale sono consentite anche sul balcone. Tuttavia gli orari di riposo, nei quali le conversazioni possono avvenire solo a volume moderato, devono essere rispettati. 

Abito al pianterreno e il mio appartamento comprende un posto a sedere e una piccola superficie erbosa. Il mio vicino la utilizza sempre come scorciatoia per raggiungere il suo parcheggio. Ha diritto di farlo? 

No. Sarebbe diverso se vi fosse un diritto di passo sul vostro terreno o si trattasse di una porzione di prato ad uso comune dell’immobile. 

È importante sapere che le controversie tra vicini che approdano in tribunale richiedono tempi lunghi e l’esito è incerto, non da ultimo perché il giudice dispone di un ampio potere discrezionale. Consigliamo pertanto di parlarne in prima persona tra vicini e di cercare una soluzione consensuale.

Alexandra Pestalozzi, avvocato presso AXA-ARAG

Il mio vicino fuma sul balcone e il fumo entra nel mio appartamento. In quanto non fumatore mi dà molto fastidio. Come posso oppormi?

In linea generale, fumare – come peraltro anche grigliare o telefonare – è lecito e consentito. Tuttavia, se il vostro vicino fuma un sigaro dopo l’altro da mattina a sera, questa consuetudine può essere valutata come un’immissione eccessiva contro la quale potete tutelarvi in sede giudiziaria.

I nostri vicini tosano puntualmente l’erba del prato il sabato pomeriggio, proprio quando vorrei rilassarmi in giardino. Normalmente impiegano più di un’ora. Devo necessariamente tollerare questa situazione? 

Se i vostri vicini rispettano gli orari di riposo (riposo meridiano e notturno), tagliare l’erba con un dispositivo facilmente reperibile in commercio per un’ora alla settimana è ragionevolmente accettabile. Anche in questo caso conviene dapprima intavolare un colloquio chiarificatore, nell’ambito del quale potreste proporre una fascia oraria più consona.

Ho una campanella a vento sul mio balcone. La mia vicina è infastidita dai suoni e vuole che la tolga. Devo farlo?

No. Una piccola campanella a vento solitamente non provoca immissioni foniche eccessive.

  • Teaser Image
    Possibili motivi di litigio: le immissioni nei rapporti di vicinato

    I giuristi distinguono varie tipologie di immissioni: materiali (ad es. rumore o fumo), negative (ad es. privazione di luce solare per la presenza di un albero oppure ostruzione della vista panoramica a causa di un muro) o ideali (ad es. se nei dintorni viene edificato un mattatoio e questo provoca un disagio psichico). In ordine alle immissioni si pone in ogni caso il quesito della discrezionalità: il rumore o l’odore molesto è eccessivo e quindi inammissibile oppure no? Questo interrogativo va sempre chiarito nel contesto specifico, in quanto un’immissione può essere considerata eccessiva in un dato luogo e consueta altrove.

Il mio vicino di balcone è un appassionato di grigliate: d’estate salsicce, bistecche o pesce sfrigolano quasi ogni sera sul suo grill elettrico. Devo davvero sopportare questo odore fastidioso?

In linea generale, fare una grigliata sul proprio balcone è consentito. Resta tuttavia da vedere se un intenso sviluppo di fumo e odori equivale a immissioni eccessive. Nell’eventualità di una controversia, il caso viene deciso da un giudice. Forse il grill potrebbe essere collocato altrove, in modo che il fumo non dia più fastidio o comunque molto meno. Anche concordare determinati giorni per le grigliate può aiutare a evitare dispute.

I nostri vicini sono soliti pulire il loro grill elettrico la domenica sera tardi, quando noi arieggiamo prima di andare a dormire. È consentito? Il lavoro di pulizia dura una mezz’ora circa e l’odore è terribile. 

Anche in questa fattispecie occorre valutare se l’intenso sviluppo di fumo e odori corrisponde a immissioni eccessive. In tal caso la decisione spetta al giudice. Poiché il tutto dura solo una mezz’ora e il grill deve essere pulito regolarmente per motivi igienici, è presumibile che il comportamento sia consentito. A tale riguardo è del tutto ininfluente che la pulizia avvenga di domenica. 

I miei vicini hanno costruito uno stagno da giardino. Ora però abbiamo il timore che nostra figlia di due anni possa caderci dentro e, nella peggiore delle ipotesi, affogare. Possiamo, in quanto genitori, esigere misure di protezione? 

Sì. Il proprietario dello stagno è tenuto ad adottare le necessarie misure protettive. In caso contrario, potrebbe intervenire la cosiddetta responsabilità del proprietario dell’opera.

I nostri vicini hanno acquistato un bull terrier. Il cane è indisciplinato e i nostri giardini sono separati solo da una recinzione in legno. Ho paura che possa fare del male al nostro bebè. Quali sono i miei diritti in questo caso?

Il detentore del cane è responsabile del comportamento del suo animale. Se succede qualcosa, subentra la responsabilità del detentore di animali. Affinché non si verifichi una simile evenienza, proponiamo di cercare un dialogo con i vicini.

La convivenza tra vicini è davvero serena se si comunica apertamente mostrando una certa tolleranza. Una regola generale per avere rapporti di buon vicinato? Evitate di fare ciò che disturberebbe anche voi.

Alexandra Pestalozzi, avvocato presso AXA-ARAG

 

Nel nostro vicinato una famiglia ha un recinto con quattro mastini, che di giorno abbaiano per i più futili motivi. Noi vicini dobbiamo accettarlo?

Un abbaiare continuo per ore e durante la notte dovrebbe essere classificato come immissione eccessiva. Un’abbaiare occasionale pone di nuovo un punto di domanda circa il carattere eccessivo delle immissioni. Inoltre andrebbe verificata la conformità della zona per la detenzione di cani.

Per i suoi bisogni il gatto dei nostri vicini predilige la sabbiera dei nostri bambini. Cosa posso fare sotto il profilo legale?

Contrariamente alla detenzione di cani, per il comportamento dei gatti non esiste sostanzialmente una responsabilità del detentore dell’animale, in quanto i gatti non possono essere vigilati continuamente. Coprire la sabbiera dopo averci giocato dovrebbe bastare per ottenere l’effetto desiderato. Oppure informatevi sugli appositi apparecchi idrici e acustici che spaventano i gatti. 

I nostri vicini hanno installato un tappeto elastico in giardino. È enorme e rosso acceso e ci copre la vista. Posso oppormi?

Nelle zone residenziali i tappeti elastici sono molto comuni. Occorre verificare nello specifico se sussiste un’immissione non consentita (rumore eccessivo, proiezione di ombre, ostruzione della vista panoramica ecc.). Idealmente si dovrebbe concordare in precedenza tra i vicini il punto in cui collocare il tappeto. In un rapporto di locazione un tappeto elastico di grandi dimensioni non può essere installato contro la volontà del locatore. 

L’edera dei miei vicini del seminterrato si arrampica fino al mio appartamento. Posso reciderla di persona?

In linea di principio no. Nel caso di un’abitazione in locazione, l’edera appartiene al locatore. Nella proprietà per piani l’edera, se cresce dal terreno, è solitamente di proprietà della comunità dei condomini.

Altrimenti vale quanto segue: se temete un danno eccessivo, indicate ai vicini una data entro la quale eliminare le piante che crescono sul vostro fondo. Se i vicini non danno seguito alla vostra richiesta entro il termine, avete la facoltà di esercitare il cosiddetto diritto di taglio. I costi per il taglio (professionale) delle piante sono a vostro carico. Un taglio non autorizzato equivarrebbe a un danneggiamento di cose.

Cliccate qui per saperne di più sul diritto di taglio.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati