Danni causati dal maltempo?

Previdenza per la vecchiaia Pianificare il pensionamento

Siete ultracinquantenni? Allora vi state avviando lentamente verso la terza età. Sia che vogliate concedervi un pensionamento anticipato, smettere di lavorare all’età regolare o continuare la vostra attività professionale, la previdenza esige una buona pianificazione.

Richiedere una consulenza per il pensionamento

Quando si raggiunge l’età di pensionamento si apre una nuova fase di vita, fatta di infinite possibilità entusiasmanti. «Finalmente padroni del proprio tempo!» Liberi di fare vacanze e viaggi, di dedicarsi a hobby e sport, di stare con nipotini e amici e tanto altro ancora. La gioia che si pregusta è grande! Affinché tutto sia perfetto non dovete dimenticare di prendere prima le decisioni giuste. Grazie a una pianificazione accurata della vostra previdenza finanziaria potete guardare alla pensione senza preoccupazioni.

Andare in pensione ben preparati

Vi raccomandiamo di occuparvi attivamente delle questioni legate al pensionamento e alla previdenza cominciando già a 50 anni. Avrete così tempo sufficiente per pianificare il da farsi e sbrigare tutte le incombenze necessarie. 

  • A inizio 50 vi consigliamo di leggere nel dettaglio il regolamento della vostra cassa pensione e raccogliere informazioni sugli aspetti generali, ad esempio sull’età a partire dalla quale la cassa pensione consente il pensionamento anticipato e sulla possibilità di usufruire di un pensionamento parziale. In tal modo vi farete una prima idea delle varie opzioni a vostra disposizione.
  • Verso metà 50 dovreste pensare concretamente al momento più opportuno per uscire dal mondo lavorativo. Soppesate i vantaggi specifici di un pensionamento anticipato, differito o all’età ordinaria. Chiedetevi se preferite andare in pensione al 100% a partire da una data precisa o in modo graduale. Tenete presente che il pensionamento flessibile o il pensionamento parziale è possibile solo nell’ambito delle casse pensione e non dell’AVS. 
  • Attorno ai 60 dovete decidere se ritirare il vostro avere di previdenza detenuto nella cassa pensione sotto forma di rendita, capitale o in forma mista. La risposta dipende dalla vostra situazione personale.  In questo blog trovate un’utile guida. Attenzione: per prelevare il capitale sono previsti termini di preavviso che, a seconda della cassa pensione, possono arrivare a tre anni.

Che cosa riceverò una volta in pensione?

Dopo il pensionamento, le entrate provengono da diverse fonti.

  • Rendita AVS – max CHF 2390 per persone singole / CHF 3585 per coppie sposate (situazione al 2022)
    • il massimale si ottiene solo se sono stati versati i contributi in tutti gli anni (senza lacune dal 21esimo anno fino all’età ordinaria di pensionamento) e
    • il reddito medio annuo è di almeno CHF 86'040 (situazione al 2022)
    • gli accrediti per compiti educativi/accrediti per compiti assistenziali aumentano il reddito medio da lavoro
  • Rendita o capitale LPP in base all’avere di vecchiaia detenuto nella cassa pensione
  • Eventuale capitale accantonato nel 3° pilastro (3a e/o 3b)
  • Eventuali prestazioni sociali/indennità giornaliere
  • Eventuale reddito da lavoro da occupazione (part-time)
  • Eventuale reddito da patrimonio e locazione

Pianificare il pensionamento anticipato: a cosa bisogna prestare attenzione?

Se scegliete di andare in pensione prima del tempo, le vostre rendite subiranno una drastica riduzione. L’AVS permette di anticipare il pensionamento di uno o due anni prima dell'età ordinaria applicando una decurtazione della rendita pari rispettivamente al 6,8% o al 13,6%. Inoltre durante questo periodo continuerete a pagare i contributi minimi AVS. Alcune casse pensione ammettono il pensionamento anticipato già dai 58 anni. Per ogni anno di anticipo, la rendita si riduce da un minimo del 5% a un massimo dell’8%. 

Ottimizzare le imposte al pensionamento 

Ai fini fiscali fa un’enorme differenza come e quando vi vengono versati i soldi della vostra cassa pensione o delle vostre soluzioni 3a. A seconda del momento e dell’ammontare il carico fiscale varia notevolmente. Se percepite il vostro avere LPP dal 2° pilastro scaglionato nel tempo, potete risparmiare alcune migliaia di franchi di imposte. Il prelievo è consentito nei cinque anni che precedono e che seguono l’età ordinaria di pensionamento. Lo stesso principio è applicato anche al 3° pilastro: gli averi possono essere ripartiti su vari periodi fiscali. 

La nostra offerta per essere finanziariamente indipendenti in avvenire

Domande frequenti

  • Che rendita AVS mi verrà versata in pensione?

    L’importo minimo e massimo della rendita di vecchiaia per persone singole e per coppie sposate può variare di anno in anno. La rendita di vecchiaia che verrà corrisposta dipende dal reddito medio e dal pagamento completo o lacunoso dei contributi AVS effettuato tra il 21esimo anno e l’età ordinaria di pensionamento. Anche l’aliquota di conversione vigente al momento del pensionamento incide sull’ammontare della rendita. Essendo il calcolo individuale particolarmente complesso, a partire dai 40 anni si può richiedere ogni cinque anni all’AVS un preventivo della rendita. Per una valutazione approssimativa della futura rendita di vecchiaia basta la stima di rendita online

  • Che cos’è una lacuna previdenziale e come si può evitare?

    Se si vuole mantenere lo stesso tenore di vita anche in vecchiaia è necessario disporre al mese dell’80% circa dell’ultimo salario lordo. Se l’importo mensile erogato una volta in pensione è inferiore, si configura una lacuna previdenziale. Tali lacune possono essere evitate provvedendo alla sicurezza finanziaria in pensione con soluzioni previdenziali private. Queste formule alternative permettono non soltanto di raggiungere gli obiettivi di risparmio personali, ma anche di pagare meno imposte.

  • A partire da quale età è possibile un pensionamento anticipato?

    L’età ordinaria di pensionamento si raggiunge a 64 anni per le donne e a 65 anni per gli uomini. Di solito è possibile andare in pensione anticipatamente uno o due anni prima dell’età ordinaria. Si deve considerare anche quanto stabilito nel regolamento della cassa pensione. In esso sono indicate le possibilità esistenti nella previdenza professionale. Generalmente in questo ambito si può andare in pensione a partire dai 59 anni, ma vi sono delle eccezioni. Per capire con chiarezza le opzioni a disposizione occorre leggere il regolamento della cassa pensione.

  • Quali sono le conseguenze di un pensionamento anticipato?

    In caso di pensionamento anticipato, il capitale di vecchiaia accumulato è inferiore rispetto a quello all’età ordinaria. Per stabilire la prestazione di rendita prevista alla data di pensionamento desiderata si può usare il calcolatore online o chiedere il conteggio al datore di lavoro.

  • Posso differire il mio pensionamento? Se sì, per quanto tempo?

    Per legge, un differimento del pensionamento è consentito fino a cinque anni dopo l’età ordinaria di pensionamento. Anche in questo caso è determinante il regolamento di previdenza. Con il differimento aumenta l’aliquota di conversione e quindi anche la rendita.

  • È meglio che prenda il mio avere della cassa pensione come rendita vitalizia o come capitale una tantum?

    Dipende molto dalle esigenze personali. Chi vuole approfondire questa tematica trova in questo blog molte informazioni utili, incluso un supporto decisionale.

  • Le rendite sono tassate allo stesso modo del capitale di vecchiaia?

    Le rendite sono tassate al 100% come reddito, mentre al capitale di vecchiaia viene applicata un’aliquota ridotta a seconda del cantone. Per informazioni rivolgersi all’autorità fiscale.

Sempre al vostro fianco

Avete domande o desiderate una consulenza previdenziale senza impegno? I nostri esperti saranno lieti di assistervi.

Fissare un appuntamento

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy