Previdenza

Rendita o capitale: cos’è meglio?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

In Svizzera molte persone hanno accantonato nella previdenza professionale un vero e proprio «tesoretto». Quando si avvicina il momento di andare in pensione ci si chiede: quale modalità mi conviene scegliere per ritirare il mio avere di vecchiaia dalla cassa pensione? Una decisione cruciale che influisce sulla situazione finanziaria personale dopo il pensionamento.

Il finanziamento della fase postlavorativa è un tema complesso in cui occorre considerare molteplici fattori. Una volta in pensione, non potete più cambiare quanto stabilito. Per questo è importante che vi occupiate per tempo e con calma delle seguenti questioni: di quanto ho bisogno in futuro per vivere? Quali prestazioni AVS (previdenza statale) e LPP (previdenza professionale) mi verranno corrisposte? Dispongo di altre entrate, ad esempio dalla previdenza privata facoltativa del pilastro 3a o 3b? Ho partner o figli a carico? Ho particolari desideri da realizzare, ad esempio un lungo viaggio o una donazione ai miei discendenti? 

Com’è meglio che percepisca il mio avere di vecchiaia dalla cassa pensione?

Riflettete su cosa conta per voi: un reddito sicuro o piuttosto la flessibilità finanziaria? Rispondendo a questa domanda riuscirete a capire se vi conviene percepire il vostro avere previdenziale dalla cassa pensione sotto forma di rendita mensile vitalizia o di liquidazione in capitale una tantum. Eventualmente potete anche suddividere la somma e optare per una forma mista: una parte in rendita e l’altra in capitale. La soluzione ottimale dipende dalle specificità personali. Mediante il nostro supporto decisionale avete modo di verificare rapidamente e con facilità che cosa si adatta di più alle vostre necessità. Per un’analisi dettagliata della vostra situazione, che comprende anche gli aspetti legali e fiscali, vi consigliamo di rivolgervi a un esperto. 

Dati e fatti della cassa pensione

Dati e fatti della cassa pensione

Il sistema previdenziale in Svizzera si basa su tre pilastri: la previdenza statale, la previdenza professionale e la previdenza privata. Nel corso dell’intera vita lavorativa viene trattenuta automaticamente dal salario una quota percentuale versata nella cassa pensione, cioè nella previdenza professionale (2° pilastro). Prima dell’età di pensionamento non è consentito disporre di questo denaro, tranne nel caso di acquisto di un’abitazione, di avvio di un’attività indipendente o di trasferimento definitivo del domicilio all’estero. In genere i contributi restano presso la cassa pensione. L’avere accantonato nel 2° pilastro è destinato a integrare la rendita AVS del 1° pilastro per poter mantenere il tenore di vita abituale. Al momento del pensionamento, gran parte dei lavoratori detiene svariate centinaia di migliaia di franchi nella cassa pensione che appartengono loro di diritto. La decisione della modalità con cui disporne spetta al singolo assicurato che può scegliere tra una rendita mensile vitalizia o una liquidazione in capitale una tantum. Entrambe le varianti presentano vantaggi e svantaggi. È possibile anche combinare il percepimento di una rendita con il prelievo del capitale.

Quali vantaggi e svantaggi presenta la rendita?

Pro: il vantaggio principale della rendita è rappresentato dalla sicurezza di avere per il resto della vita un reddito regolare garantito. In caso di vostro decesso, a vostra moglie/vostro marito sarà versata una rendita vedovile. I figli in formazione ricevono una rendita per figli. Inoltre la variante «rendita» è quella più semplice: non richiede conoscenze finanziarie o in investimenti poiché la cassa pensione si occupa di tutte le incombenze.

Contro: lo svantaggio maggiore è dovuto al fatto che la rendita vitalizia dipende dall’aliquota di conversione applicata dalla cassa pensione. Le aliquote di conversione in continuo calo portano a rendite sempre più ridotte rispetto all’avere di vecchiaia. A ciò si aggiunge l’effetto dell’inflazione che nel tempo ne intacca il potere di acquisto e la tassazione al 100% come reddito. In caso di vostro decesso, il resto dell’avere di vecchiaia è incamerato dalla cassa pensione e non viene devoluto ai vostri eredi.

Aliquota di conversione: che cos’è esattamente?

L’aliquota di conversione è determinante per ottenere, sulla base dell’avere di vecchiaia accantonato, l’ammontare della rendita. Esempio: la signora F. va in pensione a 64 anni. L’aliquota di conversione della sua cassa pensione per la previdenza nel regime obbligatorio è del 6,8%. La signora F. ha un avere di vecchiaia di CHF 300 000. Ogni anno riceverà il 6,8% di questa somma, cioè CHF 20 400 che divisi per 12 corrispondono a una rendita mensile di CHF 1700.

Nel regime sovraobbligatorio (per salari superiori a CHF 86 040) l’aliquota di conversione è di solito più bassa. Negli ultimi anni le casse pensione hanno dovuto diminuire le proprie aliquote di conversione in seguito ai bassi tassi d’interesse e all’allungamento della speranza di vita. In futuro si prevedono ulteriori riduzioni delle aliquote di conversione. 

Quali vantaggi e svantaggi presenta il prelievo del capitale?

Pro: il prelievo del vostro avere di vecchiaia sotto forma di capitale vi dà una flessibilità totale. Ad esempio, potete investire il denaro come meglio credete, ammortizzare un’ipoteca o realizzare alcuni desideri tenuti in serbo da tempo. In caso di vostro decesso, il resto del capitale viene interamente versato ai vostri eredi. A lungo termine risparmiate sulle imposte: infatti il capitale di vecchiaia viene tassato al momento della corresponsione, separatamente dagli altri redditi, a un’aliquota fiscale ridotta (normalmente al 5-15%). A seconda degli investimenti effettuati con il capitale, potete anche compensare l’erosione causata dall’inflazione, ad esempio attraverso proventi più elevati.

Contro: il maggiore svantaggio del prelievo del capitale è l’assunzione dei rischi in prima persona. Se collocate i soldi in investimenti, la sicurezza e l’ammontare del vostro reddito dipende dalla strategia di allocazione che avete adottato. Inoltre non potete sapere per quanti anni dovrà bastare il capitale disponibile. Può succedere anche che commettiate errori di previsione, ad esempio calcolando rendimenti troppo alti. Per scegliere questa variante dovete avere un’innata propensione al rischio, tempo per pianificare e un buon fiuto per gli investimenti oppure un’ottima consulenza in materia.

  • Teaser Image
    Piano di prelievo EasyInvest

    Con il piano di prelievo EasyInvest investite il vostro patrimonio e allo stesso tempo fruite a cadenza regolare di una parte di quanto collocato, come reddito extra. Tutto questo senza particolari conoscenze tecniche, a condizioni convenienti e con la massima flessibilità.

    Piano di prelievo EasyInvest

Quand’è opportuno combinare rendita e capitale? 

Spesso gli averi previdenziali minimi vengono percepiti come capitale, quelli medi come rendita e quelli elevati in forma mista. La legge prevede che ogni cassa pensione debba concedere la liquidazione in capitale di almeno il 25% dell’avere nel regime obbligatorio. A volte è consentito prelevare il 50% o addirittura l’intera somma accumulata sotto forma di capitale. Con la forma mista unite le opportunità e i rischi di ognuna delle due opzioni: il capitale vi consente di realizzare desideri accarezzati da tempo, la rendita regolare vi garantisce un reddito fisso. La maggior parte delle casse pensione accetta la suddivisione voluta dall’assicurato tra rendita e capitale. Esistono diverse strategie per trovare il rapporto giusto per voi. 

Esempio 1: dopo il suo pensionamento il signor B. vuole trascorrere i mesi invernali nel sud dell’Europa, un desiderio che comporta spese supplementari. Per vivere il signor B. ha bisogno in generale di CHF 2000 al mese, vale a dire CHF 24 000 all’anno dal suo 2° pilastro. Ipotizzando un’aliquota di conversione del 5% dovrebbe avere un avere previdenziale di CHF 480 000. Ma il signor B. dispone di una somma ben superiore presso la cassa pensione, pari a oltre CHF 600 000. Può quindi permettersi di richiedere il versamento di CHF 100 000 in capitale.

Esempio 2: il signor e la signora K. hanno un avere previdenziale che ammonta rispettivamente a CHF 500 000 e a CHF 300 000. Intendono utilizzare una parte di questi soldi per rimborsare la loro ipoteca. Dato che la cassa pensione del marito applica un’aliquota di conversione più favorevole, egli decide di percepire i suoi CHF 500 000 sotto forma di rendita mentre la moglie ritira i suoi CHF 300 000 sotto forma di capitale. Nel caso in cui il signor K. venisse a mancare prima della signora K., quest’ultima riceverebbe una rendita vedovile, corrispondente a circa il 60% della rendita di vecchiaia della cassa pensione percepita in vita dal marito.

Perché si raccomanda di pianificare il pensionamento con largo anticipo?

Ciò che decidete prima del vostro pensionamento ha grosse ripercussioni su tutta la vostra vita successiva. Un motivo più che valido per considerare la pianificazione del pensionamento un compito piacevole e proficuo, non una seccatura. Date corpo ai vostri sogni, togliete dal cassetto i vostri progetti e colorate la vostra ritrovata libertà! Non appena sapete quali saranno le vostre priorità finanziarie potete cominciare a programmare concretamente il futuro. Grazie al nostro supporto decisionale ricavate un primo quadro della situazione. Se iniziate a occuparvi della previdenza per la vecchiaia verso i 50-55 anni vi resterà abbastanza tempo per fare tutto con calma. Una buona preparazione vi farà pregustare la gioia della vostra terza età allegra e spensierata.

Rendita o capitale? Un supporto decisionale

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA Contatto & FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy