A casa

Coronavirus: chi paga in caso di malattia da COVID-19?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

La diffusione del contagio da coronavirus ha suscitato in molti lavoratori una serie di dubbi di natura legale, in particolare qualora ci si ammali di COVID-19: chi paga se devo restare in quarantena? Continuerò a percepire il salario intero? Come funziona il diritto alle indennità giornaliere in caso di malattia? 

Franziska Venghaus-Eisterer, giurista presso AXA-ARAG, risponde alle principali domande sulle prestazioni dell’assicurazione infortuni, dell’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia e l’assicurazione invalidità se subentra un’infezione da COVID-19.

1. Prestazioni dell’assicurazione infortuni

Un’infezione da COVID-19 è considerata malattia professionale?

Lei può richiedere le prestazioni dell’assicurazione infortuni se, ad esempio, contrae il virus della SARS o dell’Ebola. Queste patologie sono attribuibili inequivocabilmente, sotto il profilo medico, a un determinato gruppo di malattie. Per questo gruppo di malattie occorre che siano soddisfatti anche dei presupposti aggiuntivi: ad esempio, lo svolgimento di un’attività lavorativa in ospedale per quanto riguarda le malattie infettive (SARS) o il soggiorno per motivi professionali in aree tropicali o subtropicali per quanto riguarda le manifestazioni della febbre emorragica (Ebola).

Quali prestazioni vengono riconosciute dall’assicurazione infortuni?

L’assicurazione infortuni copre tutti i costi per gli accertamenti medici necessari, anche se il risultato non conferma la malattia. Nel caso in cui si renda opportuna da un punto di vista medico una quarantena, l’assicurazione infortuni paga delle indennità giornaliere per l’impedimento al lavoro che ne consegue.

Attenzione: non vengono assunti i costi relativi a uno screening di massa o a misure profilattiche per altre malattie senza elementi concreti di sospetto. Questi rientrano nella sfera di competenza della cassa malati.

2. Prestazioni dall’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia

Ho il COVID-19 e sono inabile al lavoro. Ho diritto alle indennità giornaliere?

Sì, se ha contratto il coronavirus riceve le indennità giornaliere.

Rientro nel gruppo a rischio e non posso lavorare perché sono stato messo in quarantena per motivi di salute. Ricevo lo stesso il mio salario?

Nel suo caso, il datore di lavoro deve fare in modo che lei continui ad adempiere l’obbligo lavorativo svolgendo la sua attività da casa. Qualora non sia fattibile, il datore di lavoro deve assegnarle delle mansioni sostitutive equivalenti che possono essere espletate in modalità home office, a salario invariato. 

Il mio datore di lavoro può esigere che mi rechi sul posto di lavoro?

Se per motivi aziendali la sua presenza in loco è parzialmente o totalmente indispensabile, lei può essere occupato nella sua attività abituale solo se sul posto di lavoro è possibile rispettare le apposite misure di protezione. Nel caso in cui non sia possibile predisporre queste precauzioni, essenziali per un soggetto particolarmente a rischio come lei, il datore di lavoro deve esonerarla dalle sue funzioni continuando a corrisponderle il salario.

Quali prestazioni versa l’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia se si contrae il COVID-19?

L’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia copre la perdita di guadagno dovuta a incapacità lavorativa provocata da malattia, ad esempio se un imbianchino accusa forti dolori alla schiena, se un autista professionale non riesce più a muovere una mano per una tendinite o se un impiegato non è in grado di sbrigare il proprio lavoro a causa di disturbi psichici.

Nella prassi dell’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia l’incapacità lavorativa viene interpretata come segue: È considerata incapacità lavorativa qualsiasi incapacità, totale o parziale, derivante da un danno alla salute fisica, mentale o psichica, che impedisce di svolgere un lavoro ragionevolmente esigibile nella professione o nel campo d’attività abituale. 

Quali diritti hanno le persone particolarmente a rischio?

Sul piano giuridico, la questione dell’incapacità lavorativa riconosciuta alle persone particolarmente a rischio che sono sane, ma che per precauzione non sono autorizzate a lavorare in azienda, è ancora aperta. Sicuramente, la prestazione lavorativa non è ragionevolmente esigibile da queste persone. Secondo il Tribunale federale, una persona è considerata inabile al lavoro se, in seguito a problemi di salute non può più svolgere la propria attività abituale, può svolgerla solo in modo limitato o nell’espletamento di tale attività corre il rischio di peggiorare il proprio stato.

Pertanto se a una persona particolarmente a rischio non è consentito lavorare perché un’eventuale infezione la esporrebbe a un decorso con complicanze, tecnicamente sussiste un’incapacità lavorativa dovuta a motivi di salute. È consigliabile, in questo caso, chiedere al datore di lavoro di informare l’assicurazione di un’indennità giornaliera in caso di malattia.

3. Prestazioni dell’assicurazione invalidità

Nel periodo di applicazione dei provvedimenti d’integrazione le indennità giornaliere AI vengono pagate anche durante la crisi del coronavirus?

Sì, le indennità giornaliere AI connesse a provvedimenti d’integrazione continuano a essere corrisposte, indipendentemente dal fatto che l’istituzione d’integrazione – ad esempio un laboratorio protetto – sia chiusa a causa del coronavirus, che l’assicurato sia ammalato o che resti a casa per misura precauzionale.

(N.B.: si tratta di una decisione dell’assicurazione sociale del Cantone di Argovia, non di una direttiva ufficiale).

4. Prestazioni della cassa di compensazione

Quante indennità giornaliere ricevo durante la quarantena?

Se deve restare in quarantena le vengono versate al massimo dieci indennità giornaliere per ogni caso di quarantena. Per ricevere l’indennità di perdita di guadagno Corona deve compilare il modulo Richiesta per l'indennità di perdita di guadagno Corona e inoltrarlo alla sua cassa di compensazione.

Maggiori informazioni sono riportate nell’opuscolo Indennità di perdita di guadagno Corona  pubblicato dall’AVS/AI. 

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati