Danni causati dal maltempo?

A casa

Risposte alle domande legali in autunno e in inverno

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Devo proprio sopportare il rumore assordante dei soffiafoglie dei vicini? E il mio locatore ha il diritto di decidere quando accendere il riscaldamento? Posso cogliere tutti i funghi che voglio?

  • Teaser Image
    AXA-ARAG

    I giuristi di AXA-ARAG Isabelle Näf, Alexandra Pestalozzi, Kathrin Ramseier e Cyril Senn rispondono a importanti quesiti di natura giuridica legati all’autunno.

Parcheggio la mia auto all’aperto. In inverno devo raschiare ogni mattina il ghiaccio da tutti i vetri?

Il conducente deve avere una visuale a 180 gradi in avanti. In altre parole, il parabrezza e i finestrini laterali anteriori devono essere completamente liberati dal ghiaccio. Per motivi di sicurezza stradale raccomandiamo tuttavia di sbrinare tutti i vetri.

Maggiori informazioni su questo argomento sono disponibili nel nostro blog «Spioncino».

In inverno, le scale che conducono al nostro palazzo sono spesso innevate. Dato che faccio fatica a camminare, questo mi ostacola. È stabilito quante volte un custode deve spalare la neve?

Non vi è alcuna disposizione di legge che regola esplicitamente la materia. In linea di massima vale quanto segue: il proprietario è responsabile dello sgombero della neve e, in quanto proprietario di un’opera, è tenuto a garantire l’utilizzo sicuro del proprio immobile.

Gli obblighi di sgombero della neve sussistono tuttavia di regola soltanto durante le ore di traffico pedonale (tra le 7 e le 21). Inoltre, i pedoni sono tenuti ad adattarsi alle condizioni meteorologiche e a essere prudenti in presenza di neve o di ghiaccio.

Un locatario è responsabile dello sgombero della neve solo se ciò è esplicitamente previsto nel contratto di locazione. Diversa è invece la situazione per le case unifamiliari o i parcheggi: in questi casi lo sgombero della neve incombe ai locatari.

Se scivola davanti alla casa perché non è stato sgomberato correttamente, occorre verificare se il proprietario può essere ritenuto responsabile del danno. In caso di controversia decide un giudice.

Abitiamo in un casale nell’Oberland zurighese. Se ha nevicato di notte, non riesco ad arrivare al lavoro in orario la mattina. Il mio capo non accetta questo ritardo. Devo recuperare le ore di lavoro mancanti?

Sì, deve recuperarle. Il datore di lavoro deve continuare a versare il salario solo in caso di impedimento al lavoro senza colpa, se i motivi sono riconducibili alla persona del dipendente. Ad esempio in caso di malattia, infortunio o adempimento di obblighi legali.

Se il ritardo è dovuto a nevicate, a treni cancellati o simili è lei a doversi assumere i rischi e recuperare le ore perse. Se sono previste nevicate, è consigliabile tenere conto di eventuali ritardi nel tragitto per recarsi al lavoro e partire per tempo per arrivare puntuali.

In autunno il mio acero «sparge» foglie anche nel giardino della vicina, la quale risoffia il tutto sul nostro terreno – insieme ad altre foglie e rametti vari. Devo farmene una ragione?

In questo caso occorre chiarire se le foglie rappresentano o meno un’immissione eccessiva. La valutazione varia a seconda del luogo e della posizione dell’immobile e spetta al giudice. Ai sensi della giurisprudenza del Tribunale federale, in un quartiere residenziale con abitazioni unifamiliari e alberi in abbondanza la caduta di fogliame non è da considerarsi eccessiva. In altre parole, la vicina di casa deve tollerare le foglie cadute a terra e non può risoffiarle nel vostro giardino. Il nostro consiglio è quello di parlarne con la vicina.

Il fogliame che cade dagli alberi dei vicini ostruisce la nostra grondaia. Devo sopportare i costi di una pulizia professionale?

Anche in questo caso si pone la questione dell’eccessività. Laddove si rendano ripetutamente necessari interventi complessi e dunque costosi per la pulizia della grondaia, in un ambiente urbano potrebbe  eventualmente sussistere un’immissione eccessiva – e in tal caso il suo vicino sarebbe tenuto ad accollarsi i costi dell’operazione.

La mia vicina sostiene che non è consentito usare il soffiafoglie a titolo privato. È vero?

No. Anche i privati sono autorizzati a rimuovere il fogliame con il soffiafoglie. Date le emissioni acustiche generate da questi apparecchi, occorre però prestare attenzione agli orari.

Per saperne di più circa immissioni e altre questioni giuridiche legate ai rapporti di vicinato, consulti il nostro blog dedicato al diritto dei rapporti di vicinato. 

Se il melo del vicino ha dei rami che sporgono nel suo terreno, è suo diritto coglierne i frutti e tenerli per sé.

Esistono delle disposizioni che stabiliscono dove posso o devo smaltire il fogliame?

Può destinare il fogliame al compost nel suo giardino oppure – a patto che non rappresenti un problema (pericolo di scivolamento) – lasciarlo a terra, ad es. sotto i cespugli o raccogliendolo in piccoli cumuli affinché funga da rifugio per i ricci. Non è ammesso smaltirlo nel bosco. Se il fogliame è tanto, può smaltirlo nel container per gli scarti vegetali o anche direttamente presso l’impianto di compostaggio regionale.

Il melo del vicino ha dei rami che sporgono nel mio terreno. Posso tenere per me i frutti caduti a terra?

Sì. Se l’albero ha dei rami che sporgono nel suo terreno, può addirittura cogliere e tenere per sé i frutti che ancora si trovano sulla pianta. Si tratta del diritto del proprietario sui frutti prodotti dai rami sporgenti sul suo terreno.

A me e alla mia famiglia piace andare a funghi. Possiamo coglierne a volontà?

Le disposizioni che disciplinano la raccolta di funghi variano da cantone a cantone. In alcuni cantoni è previsto un periodo di protezione (ad es. dal 1° al 10° giorno di ciascun mese o nelle ore notturne). A seconda del cantone, vige inoltre una limitazione – solitamente a 2 kg – della quantità di funghi che una persona può cogliere in un giorno. Nella maggioranza dei cantoni è infine vietata la raccolta professionale organizzata.

Tenga presente che, in generale, nelle riserve naturali non è ammesso cogliere funghi.

  • Teaser Image
    Controllare le spese accessorie

    Vi mostriamo come potete controllare il conteggio delle spese accessorie in sei semplici passaggi, individuare eventuali errori ed evitare indebite richieste di pagamento aggiuntivo.

    Leggete il blog

Con l’autunno, in casa mia arriva anche il freddo. La mia locatrice si rifiuta però di accendere il riscaldamento prima di novembre. Può farlo?

No, non può rifiutarsi a priori. Di giorno in casa dev’essere possibile raggiungere una temperatura ambiente media di 20 °C. In caso contrario, sussiste un vizio. Se in casa sua ci sono meno di 20 °C, può quindi farlo presente alla locatrice e sollecitarla ad accendere il riscaldamento – oppure a predisporne la riparazione qualora sia guasto.

Un’automobilista ha rovinato il mio costoso trench passando ad alta velocità su una pozzanghera e riempiendomi di spruzzi d’acqua sporca. È tenuta ad accollarsi le spese della lavanderia o, eventualmente, a pagarmi addirittura una nuova giacca?

In linea di principio il detentore di un veicolo risponde dei danni causati da quest’ultimo. In questo caso c’è da chiedersi se il danno causato alla giacca dagli spruzzi d’acqua sporca sia annoverabile o meno tra i normali rischi legati alla guida di un’auto. La conducente potrebbe infatti ribattere che la pozzanghera si è formata per effetto di forza maggiore, ossia perché ha piovuto.

Nel traffico stradale vale il principio per cui la velocità va sempre adeguata alle circostanze. Ciò non di meno, i conducenti non sono espressamente tenuti ad andare a passo d’uomo qualora piova o in strada vi siano delle pozzanghere.

In Svizzera finora non sono mai state emesse sentenze circa i «danni da pozzanghera». In Germania, per contro, una coppia di coniugi rimasta «spruzzata» ha fatto causa a un’assicurazione di responsabilità civile per via dei 39,60 euro spesi in lavanderia. La causa è stata però respinta con la motivazione che, se in caso di brutto tempo gli automobilisti fossero tenuti ad andare a passo d’uomo, il traffico stradale finirebbe per bloccarsi.

Nel viale di accesso alla nostra abitazione plurifamiliare in autunno si accumulano grandi quantità di fogliame scivoloso. Chi risponde di un eventuale infortunio?

Il proprietario dell’immobile è soggetto alla responsabilità del proprietario di un'opera. Di conseguenza è chiamato a occuparsi della manutenzione del viale e a fare in modo che il fogliame venga regolarmente spazzato, cosicché nessuno possa scivolare.

All’arrivo dell’autunno, ogni mattino verso le otto il nostro vicino mette in moto il suo rumoroso soffiafoglie. È consentito?

Alle otto del mattino in settimana non vige più l’obbligo di rispetto della quiete pubblica. In questo caso, quindi, è consentito usare apparecchiature tecniche, a patto che non producano eccessivi rumori molesti. A stabilire se le emissioni rumorose sono eccessive o meno sarà il giudice. La domenica, per contro, non è ammesso utilizzare il soffiafoglie. Gli orari di riposo e quelli notturni sono riportati nel regolamento di polizia del suo comune o Cantone.

In Svizzera non sussiste alcun obbligo di guida con pneumatici invernali. Il detentore dell’auto o automobilista è tuttavia tenuto a fare in modo che il veicolo sia sicuro.

Devo per forza montare gli pneumatici invernali entro una determinata data?

In Svizzera non sussiste alcun obbligo di guida con pneumatici invernali. Il detentore dell’auto o automobilista è però tenuto a fare in modo che il veicolo sia sicuro. Chi in inverno circola con gli pneumatici estivi e, data l’insufficiente trazione, finisce per provocare un incidente, va quindi incontro a una multa salata e al ritiro della licenza di condurre.

Cosa succede se circolo con gli pneumatici estivi per tutto l’inverno? Posso incorrere in una sanzione?

Non essendovi alcun obbligo di guida con pneumatici invernali, circolare con le gomme estive durante l’inverno non è di per sé vietato. Le conviene comunque montare gli pneumatici invernali. E questo sia perché lo Stato prevede severe sanzioni, sia perché le assicurazioni possono ridurre le loro prestazioni qualora, in presenza di condizioni invernali, si provochi un incidente durante la guida con gomme estive.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy