A casa

Volete accogliere profughi provenienti dall’Ucraina? Ecco cosa è bene sapere

Foto: KEYSTONE-SDA
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Il numero delle persone che dall’Ucraina cerca rifugio in Svizzera aumenta di giorno in giorno. Stando alle ultime cifre della Segreteria di Stato della migrazione (SEM), oltre 18 000 persone sono oggi registrate in Svizzera (situazione al 29 marzo). La disponibilità nei confronti dei profughi è grande, come dimostrato dalle tante persone che mettono a disposizione camere o appartamenti per ospitarli. Abbiamo le risposte alle domande giuridiche più importanti che sorgono prima di accogliere profughi ucraini.

  • Teaser Image
    Kathrin Ramseier

    Kathrin Ramseier, avvocata presso AXA-ARAG vi illustra quali regole e prestazioni si applicano quando si ospitano rifugiati provenienti dall'Ucraina.

Quali costi devo sostenere come privato se ospito dei rifugiati, a prescindere da vitto e alloggio?

In linea generale, tutte le persone titolari di uno statuto di protezione S beneficiano dell’aiuto sociale del cantone, a significare che le spese di sostentamento dei rifugiati sono coperte dal comune o dal cantone. Se dunque si accolgono profughi provenienti dall’Ucraina, non vi sono ulteriori costi da sostenere.

Vorrei offrire il mio appartamento di vacanza a rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina. Devo notificarlo a un’autorità?

Se ai rifugiati non è richiesto un canone di locazione, non sussiste alcun obbligo di notifica. Se si richiede un’indennità per l’alloggio, occorre comunicare l’arrivo dei rifugiati alla competente autorità cantonale. In linea generale, alle persone provenienti dall’Ucraina è consentito soggiornare senza visto in Svizzera fino a 90 giorni, dopodiché devono fare richiesta di un permesso di soggiorno.

Viviamo in un’abitazione in affitto, ma vorremmo accogliere una persona. Il mio locatore può vietarlo?

Come per qualsiasi sublocazione, occorre informare il padrone di casa se si intende ospitare subaffittuari. Il locatore è legittimato a opporre un rifiuto solo in presenza di motivi importanti. Il locatore non è tenuto ad accettare un sovraffollamento dell'abitazione.

Se non si intende chiedere un canone di locazione, ma fornire semplicemente un alloggio gratuito ai rifugiati, non vige alcun obbligo di informare il padrone di casa. Consigliamo tuttavia di farlo comunque.

È necessario un contratto di locazione scritto se ospito gratuitamente profughi di guerra?

Se si accolgono gratuitamente dei rifugiati, sotto il profilo legale non si configura un rapporto di locazione. In altre parole: non è obbligatorio un accordo scritto. Peraltro, ai sensi di legge anche i contratti di locazione sono validi in via informale, ossia verbalmente. Nella realtà pratica è tuttavia consigliabile definire per scritto le convenzioni o gli accordi pattuiti.

A chi devo rivolgermi se voglio accogliere dei rifugiati?

Si può contattare l’l’Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati oppure l’ organizzazione Campax

Quali termini di disdetta vigono per un contratto di subaffitto?

In linea generale si applica un termine di preavviso di almeno tre mesi, come per i normali contratti di locazione residenziale. Se viene stipulato solo un contratto di locazione a tempo determinato, non occorre pattuire un termine di disdetta.

Se viene data in locazione solo una singola camera ammobiliata, il periodo minimo di preavviso è di 14 giorni. È sempre ammissibile concordare per contratto un termine di preavviso più lungo di quello previsto dalla legge. Se non viene concordato altro, si applicano le disposizioni di legge.

Sussiste il diritto a un sostegno finanziario da parte del comune o del cantone?

I cantoni ricevono una somma forfettaria dalla Confederazione per l'alloggio e l’assistenza alle persone accolte. Compete ai cantoni decidere se o cosa versare ai privati per l'alloggio. Per informazioni dettagliate vogliate rivolgervi alle autorità comunali o cantonali.

Gli ucraini hanno ricevuto lo statuto di protezione S. Che cosa significa?

La Svizzera concede ai profughi in fuga dall’Ucraina lo statuto di protezione S per assicurare loro una tutela sollecita e senza complicazioni in Svizzera. In questo caso non occorre infatti espletare una procedura d’asilo ordinaria.

Concretamente, lo statuto di protezione S significa che i profughi ucraini ottengono un diritto di soggiorno, hanno diritto a un alloggio e a cure mediche, possono richiedere un permesso di lavoro e i bambini hanno la possibilità di andare a scuola. 

Come sono assicurati i rifugiati?

Le autorità competenti provvedono a che i rifugiati ricevano un'assicurazione contro le malattie e gli infortuni. Un’assicurazione responsabilità civile non è obbligatoria. Tuttavia, è possibile verificare se le autorità del rispettivo comune stipulano anche un’assicurazione di responsabilità civile per i rifugiati.

Chi si fa carico dei costi se le persone ospitate danneggiano qualcosa nell’abitazione?

Se siete voi stessi inquilini, siete responsabili nei confronti del proprietario di casa per qualsiasi danno causato dalle persone ospitate.

Le persone alloggiate rispondono in ogni caso nei vostri confronti per qualsiasi danno causato. Se avete un’assicurazione responsabilità civile occorre verificare se copre il danno.

Quali diritti ha l’ospitante nei confronti delle persone accolte? Posso esigere in qualsiasi momento che lascino l’abitazione?

No, non si può pretendere dall’oggi al domani che i rifugiati se ne vadano di nuovo. Devono essere rispettati gli accordi contrattuali o i periodi minimi di preavviso previsti dalla legge.

Cosa occorre tenere presente in ordine al COVID-19?

Si applicano le attuali direttive dell'Ufficio federale della sanità pubblica e/o dei cantoni. Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link: Provvedimenti e ordinanze (admin.ch)

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy