myAXA Login
In viaggio

Infrazioni all’estero: Quali multe sono previste?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Appena varcato il confine di stato, gli svizzeri si sentono al di sopra delle leggi federali sulla circolazione stradale e spesso esagerano nel dare gas. Ma davvero sulle strade di altri paesi europei vige la «legge del far west»?

La riposta è chiaramente «no». Le leggi sulla circolazione stradale in altri paesi europei sono in alcuni casi addirittura più severe che in Svizzera. Ad esempio, in Italia a partire da un tasso alcolemico di 1,5 ‰ l’auto può essere confiscata e messa all’asta. Le inadempienze all’estero possono avere conseguenze anche in Svizzera: il nostro legislatore vuole  infatti evitare che i divieti di condurre esteri risultino infruttuosi.

Multe dall’estero

La legge sulla circolazione stradale prevede quindi che la licenza di condurre venga di regola ritirata se all’estero è stato pronunciato un divieto di circolazione (cfr. art. 16cbis LCStr). Inoltre, oggi la comunicazione tra paesi funziona senza problemi grazie ad accordi internazionali e trattati multinazionali: le multe della circolazione possono essere notificate direttamente ai cittadini svizzeri (indicazioni fedpol; art. 30 OAIMP).

Conoscere le regole della circolazione stradale

In linea di principio è importante informarsi bene sulle regole della circolazione stradale del paese di destinazione. Sotto l’influsso dell’alcol e di sostanze stupefacenti è ovvio che non si debba guidare in nessun posto. Ecco una lista dei casi più frequenti con i quali i nostri clienti sono confrontati regolarmente all’estero.

Francia

Rispettate il limite di velocità. Le multe sono salate e, a partire da un superamento della velocità di 40 km/h in autostrada, gli agenti di polizia sono autorizzati a ritirare immediatamente la licenza di condurre, che viene spedita all’autorità svizzera. Segue un procedimento in Svizzera.

Germania

Rispettate il limite di velocità anche in Germania. Le autostrade non sono dappertutto senza limiti. In Germania vengono effettuate spesso misurazioni della distanza di sicurezza. E inoltre, anche per gli stranieri esiste un sistema a punti (Flensburg). 

Italia

I veicoli esteri possono essere sequestrati sul posto se non si è in grado di pagare la multa. Consigliamo pertanto di rispettare assolutamente le regole. Conservate tutte le ricevute dei caselli autostradali. I caselli spesso non funzionano correttamente e può capitare che, pur avendo pagato, anche dopo diversi anni arrivi una lettera dalle agenzie di recupero crediti. Le pretese del gestore delle autostrade si prescrivono solo dopo 10 anni.

Anche se l’Italia è famosa per i suoi vini, non si dovrebbe circolare sotto l’influsso dell’alcol. Le conseguenze sono molto più severe che in Svizzera. Bisogna inoltre prestare attenzione alle strade nei centri abitati sulle quali possono circolare solo residenti o mezzi pubblici. Spesso in quanto turisti non ci si accorge del cartello e si incorre in multe salate.

Austria

Informatevi sul pedaggio autostradale in Austria. È possibile acquistare una vignetta digitale da Internet (sito ASFINAG). Se si circola sprovvisti della vignetta, viene avanzata prima una pretesa di 120 euro. In caso di mancato pagamento, si rischia una multa da 300 a 3000 euro. La presenza della vignetta viene controllata digitalmente attraverso telecamere e verificando la targa.

Inghilterra

A Londra è presente una «Low Emission Zone» che può essere percorsa solo a pagamento da determinati veicoli diesel, in particolare da camper vecchi. Se non si paga questa tassa sono previste multe da 500 a 1000 sterline. In Internet è possibile verificare se il proprio camper è soggetto alla tassa.

Croazia

Pagate sempre i parcheggi e conservate le ricevute. Altrimenti potreste ricevere posta da studi di avvocatura croati, austriaci o anche da agenzie di recupero crediti. Le pretese si prescrivono di regola dopo 5 anni.

Articolo correlato

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati