In viaggio

Conchiglie, coralli, articoli di pelletteria: cosa è bene sapere prima d’importare dei souvenir

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Quella di rientrare dalle vacanze portando con sé dei souvenir è una bella tradizione. Conchiglie, vasi e tappeti risvegliano la nostalgia di paesi lontani e accendono la voglia di partire per il prossimo viaggio. Come se ciò non bastasse, spesso nei luoghi di vacanza molti articoli altrimenti introvabili in patria costano poco. Ma attenzione: non tutte le merci acquistabili all’estero possono essere importate in Svizzera. 

  • Teaser Image
    Corinne Simon

    Corinne Simon – giurista ed esperta di diritto contrattuale, successorio, di famiglia e delle persone – vi dà utili consigli su come procedere in maniera giuridicamente corretta se avete acquistato un prodotto difettoso o nel caso di un'eredità.

Quando l’acquisto di souvenir si fa rischioso

Soprattutto nelle regioni turistiche la vendita di souvenir rappresenta una componente consistente dell’economia locale. L’offerta di ricordini è onnipresente, sia con i venditori ambulanti su spiagge e mercati, sia negli appositi negozi. Nell’euforia della vacanza è facile dimenticare che la responsabilità per le merci introdotte è del viaggiatore e che le violazioni possono comportare gravi sanzioni. Ecco a cosa prestare attenzione quando si fa shopping all’estero.

Sulla protezione delle specie non si discute

A livello mondiale vi sono infatti oltre 33 000 specie di piante e animali soggette alla Convenzione di Washington sulla protezione delle specie (CITES). L’importazione di tali piante, animali e i relativi manufatti sono in larga misura proibiti o in casi speciali hanno bisogno di un’apposita autorizzazione. Spesso i commercianti locali fanno finta di ignorare le leggi come pure i problemi a cui l’acquirente dovrà confrontarsi alla dogana svizzera. Per questo è essenziale che il viaggiatore si informi prima di partire presso gli uffici preposti. Per l’importazione di merci è responsabile unicamente il compratore e l’ignoranza non tutela da una sanzione.

La Svizzera vieta l’importazione dei seguenti prodotti di origine animale e vegetale:

  • Avorio e tutti gli altri prodotti ricavati da elefanti (p. es. oggetti intagliati, monili ecc.)
  • Prodotti ricavati da tartarughe (strumenti musicali, maschere ecc.)
  • Corni di rinoceronte
  • Lana di antilope tibetana
  • Pelliccia di gatto selvatico
  • Muschio e bile d’orso
  • Prodotti in legno di palissandro Rio

Anche dai seguenti prodotti è bene stare alla larga:

  • Piante vive protette (p. es. cactus e orchidee) 
  • Strombi giganti, tridacni
  • Diversi tipi di coralli (p. es. madrepore, coralli blu e coralli neri)
  • Pelli, prodotti in pelle (cinture, portachiavi ecc.), pellicce (anche pezzi piccoli) di specie protette, soprattutto di rettili
  • Quantità di caviale superiori a quelle consentite (max. 125 g a persona)
  • Preparati zoologici di specie protette (farfalle, serpenti, scorpioni imperatore, cavallucci marini, coccodrilli ecc.)
  • Denti, piume, ossa, peli e lane di specie animali protette
  • Bastoncini d’incenso realizzati con particolari tipi di legno
  • Oli essenziali (p. es. di legno di sandalo e di rosa)

In Svizzera dal 1° luglio 2014 sono in vigore le nuove disposizioni sull'importazione di merci. Particolare attenzione va rivolta ai prodotti sensibili quali contraffazioni, generi alimentari, piante e animali. Per evitare situazioni spiacevoli alla dogana e sanzioni di natura penale, si raccomanda un attento studio delle relative leggi. Tutte le indicazioni sono fornite senza garanzia.

Di norma l’importazione dei seguenti souvenir non comporta particolari problemi:

  • Monili in vetro o pietra
  • Prodotti in filo metallico o lamiera 
  • Oggetti in legno certificato FSC
  • Manufatti intrecciati (cinture, braccialetti, centrini ecc.)
  • Sculture in pietra
  • Tessuti di seta greggia o fibre vegetali
  • Teaser Image
    Opuscolo sull'importazione di merci contraffatte

    Sul nostro blog legale gratuito MyRight.ch, vi diciamo quali rischi correte quando comprate un articolo di marca contraffatto e lo importate in Svizzera.

    Per saperne di più

Di cosa devo tenere conto quando raccolgo conchiglie all’estero?

Estate, sole, spiaggia – chi non vorrebbe rientrare dalle vacanze portandosi dietro un po’ dell’atmosfera dei luoghi visitati? Bastano un paio di conchiglie, una bottiglia di plastica piena di sabbia o qualche bel sasso. Ma attenzione: in molti paesi è vietato prelevare dalle spiagge sabbia e conchiglie. In alcune regioni italiane, per esempio, chi viola questo divieto va incontro a sanzioni di anche 3000 euro.

Importando delle conchiglie si possono incontrare problemi alla dogana svizzera?

Poiché i molluschi sono già morti, normalmente non dovrebbero esserci problemi. Se invece si torna in patria portando con sé dei souvenir realizzati con parti di specie animali protette, occorre fare attenzione. L’importazione di questi articoli è infatti vietata, o comunque soggetta ad autorizzazione.

Vi sono paesi in cui è vietato raccogliere conchiglie?

Sì, in molti paesi – p. es. Italia, Francia, Grecia, Islanda e Gran Bretagna – è vietato prelevare dalle spiagge conchiglie o sabbia. Per andare sul sicuro, conviene informarsi in loco circa quel che è permesso o meno: in molti casi, infatti, le sanzioni sono salatissime.

In Sardegna, per esempio, raccogliere conchiglie o sabbia da portare a casa può avere pesanti conseguenze: in questa regione, infatti, per qualsiasi alterazione delle spiagge sabbiose sono previste multe che vanno dai 500 ai 3000 euro.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy