Fondazione e innovazione

Networking mirato: ecco a cosa dovete prestare attenzione

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Il vostro parrucchiere ha il vostro biglietto da visita? Il vostro medico sa che siete un libero professionista? No? Allora è giunto il momento di porvi rimedio al più presto. Qui di seguito troverete altri consigli per un approccio strategico al networking.

Una rete estesa di conoscenze vale oro, soprattutto per i giovani imprenditori. I cosiddetti co-working-spaces rappresentano una soluzione ideale in questi casi: offrono alle start-up la possibilità di incontrarsi, di avvalersi del know-how e dello scambio di esperienze reciproci e chissà, forse in questo modo si possono anche trovare nuovi partner d'affari.

Ma che cos'è il networking?

Il termine networking sta ad indicare l'attività di creazione e di cura di contatti personali e professionali, con l'obiettivo di costituire una rete di persone e di gruppi pronti a sostenersi e ad aiutarsi a vicenda. Grazie alla cura dei contatti nascono relazioni che instaurano la fiducia necessaria per avviare una collaborazione di successo. Con i social media il networking ha raggiunto nuove dimensioni: la generazione attuale infatti è connessa come nessuna mai prima lo era stata.

Contatti primari e secondari

Networking significa dialogare con gli amici e con gli amici degli amici. Analizzate la vostra rete privata. Quanti dei vostri contatti li conoscete personalmente? Ecco, questi sono i contatti primari. Ma non pensate solo nell'ottica del business. Pensate al vostro parrucchiere, al vostro medico, a vostro zio o alla cameriera nel vostro bar preferito. Probabilmente da loro stessi non riceverete mai un mandato. Ma proprio loro sono quotidianamente in contatto con le persone più disparate e potrebbero quindi consigliare a qualcuno la vostra azienda. È così che nascono i contatti secondari per la vostra rete. Lo sapevate che ogni persona in media conosce un'altra qualsiasi persona tramite sei contatti? C'è un detto che recita: «Non importa tanto cosa conosci ma chi conosci!» Esagerato? Forse un po'. Eppure per aver successo nella vita professionale serve sì il know-how, ma soprattutto anche il know-who.

  • Teaser Image
    Aiuto iniziale per la vostra idea commerciale

    Costituire una ditta online e usufruire di numerosi vantaggi

    Pacchetto Start-up di AXA

Networking mirato – preparazione sistematica

Adesso però non andate da una persona a caso per raccontare di voi. Affinché il vostro networking abbia successo è necessaria una preparazione sistematica.

  • Fate una ricerca per scoprire gli eventi ai quali partecipano le persone del vostro gruppo target: relazioni, convegni, incontri di business, aperitivi, assegnazione di premi, associazioni, circoli, organizzazioni di categoria, associazioni di arti e mestieri o corporazioni.
  • Definite prima i vostri obiettivi.
  • Preparatevi come se doveste affrontare un colloquio di lavoro: chi siete, che cosa fa la vostra azienda, quali sono i vostri prodotti in 60 secondi.
  • Prima dell'evento analizzate l'elenco dei partecipanti. Segnatevi le persone che desiderate incontrare e pensate a chi può mettervi in contatto con loro.
  • Andate in modo proattivo dalle persone, anche se vi costa tanto coraggio. La maggior parte delle altre persone è nella vostra stessa situazione.     
  • Assicuratevi di avere abbastanza biglietti da visita con voi per l'evento e annotatevi un paio di parole chiave su quelli che riceverete dagli altri partecipanti.
  • C'è qualcuno che può mettervi in contatto con altre persone ancora?
  • Dopo l'evento tracciate la mappa dei contatti.
  • Pensate sempre che non si tratta solo del fatto che voi volete qualcosa, ma anche che voi potete dare qualcosa.

Utilizzate il social networking

Non esitate a utilizzare anche il social networking per creare e curare la vostra rete. Le piattaforme come Xing o LinkedIn offrono buone opportunità. Tuttavia non basta creare un profilo, poiché i contatti virtuali sono meno vincolanti e meno solidi di quelli reali. Anche qui è importante instaurare un rapporto interpersonale. Fate gli auguri per il compleanno, augurate Buona Pasqua o Buon Natale. Dite che cosa offrite e mettete a disposizione consigli e informazioni, perché anche qui vale il principio che non basta chiedere, bisogna anche dare.

E per concludere

Ricordatevi che al centro dell'attenzione c'è sempre la persona! Sono i contatti interpersonali e la fiducia che vi siete conquistati che vi assicureranno il successo a lungo termine.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati