Salute

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Volevamo sapere cosa vi ha sempre preoccupato in tema di salute. Adesso, nella serie del blog «Le vostre domande – le nostre risposte», gli esperti AXA rispondono alle dieci più frequenti domande da voi poste. La prima domanda è: «Cosa paga la cassa malati in caso di emergenza all’estero?»

Le vacanze sono il periodo più bello dell’anno. Ma cosa accade se proprio in quel momento ci si ammala o si subisce un infortunio? Questo non solo è spiacevole, bensì può anche rapidamente trasformarsi in un costoso contrattempo, soprattutto se non si dispone della giusta assicurazione. Affinché non dobbiate imbattervi in brutte sorprese in caso di emergenza quando viaggiate all’estero, ci sono alcune cose che dovreste sapere in anticipo.

Assicurazione di base: solo le emergenze sono coperte 

L’assicurazione obbligatoria di base copre all’estero solo i trattamenti d’urgenza dovuti a una malattia o a un infortunio. Una simile emergenza si verifica quando l’assicurato non è in grado di intraprendere il viaggio di ritorno in Svizzera senza un trattamento medico. Gli assicurati dovrebbero dunque contattare preventivamente la cassa malati e verificare eventuali coperture.

L’ammontare dell’assunzione dei costi varia a seconda della meta del viaggio. 

Il risarcimento dell’assicurazione di base dipende dalla destinazione scelta. Chi usufruisce di un trattamento medico d’urgenza all’interno dei paesi UE/AELS ha diritto alle medesime prestazioni che spettano agli abitanti assicurati nel paese in esame.

Anche nei restanti paesi vengono rimborsati i costi delle emergenze mediche. La partecipazione ai costi, tuttavia, può ammontare al massimo al doppio del costo del medesimo trattamento nel cantone di residenza. Per paesi con costi della salute elevati quali USA, Canada, Australia o Giappone, però, spesso il doppio dell’importo non è sufficiente. Le restanti spese devono essere pagate dal paziente di tasca propria.

Vale la pena stipulare un’assicurazione complementare per l'estero

Per non ricevere una fattura spaventosa dopo un trattamento d’urgenza in vacanza, conviene valutare prima della partenza l’idea di stipulare un’assicurazione complementare. Con “Salute PLUS“ e “Salute COMPLET“, AXA offre due assicurazioni complementari malattie che garantiscono la piena copertura delle spese in caso di trattamenti d’urgenza all’estero. Vengono inoltre coperte il 100% delle spese per operazioni di salvataggio e rimpatrio. Sono inclusi anche fino a CHF 20’000.- all’anno per operazioni di ricerca e di recupero. Con queste assicurazioni complementari malattie siete al sicuro in caso di emergenza.

  • Teaser Image
    Emergenza in viaggio – ecco come procedere

    Avete stipulato un’assicurazione complementare malattie di AXA e vi ammalate o subite un infortunio mentre vi trovate all'estero? Allora mettetevi in contatto con il nostro partner, la centrale operativa Medicall al numero +41 58 218 11 11. Per 24 ore al giorno riceverete sostegno e consulenza gratuiti a cura di personale medico esperto. In breve tempo viene disposta l’assistenza necessaria e vengono fornite in tutto il mondo eventuali garanzie di assunzione delle spese per emergenze mediche.

    Per saperne di più

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati