Previdenza

Tempo parziale: attenzione alle lacune previdenziali!

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

In Svizzera il numero di coloro che lavorano a tempo parziale è in continuo aumento. Il lavoro a orario ridotto, tuttavia, incide pesantemente sulla cassa pensione e chi non prende in mano la situazione rischia gravi lacune previdenziali. Alla luce di ciò, la previdenza privata diventa più importante che mai.

Fino a qualche anno fa a optare per un grado di occupazione ridotto erano soprattutto le donne con figli. Nel frattempo le cose sono cambiate e oggi la scelta di lavorare a tempo parziale non è più dettata esclusivamente dalla necessità di accudire i bambini. Dietro può esserci per esempio anche il desiderio di dedicarsi a un hobby impegnativo, al volontariato o all’ampliamento di un’attività indipendente svolta in parallelo o, più semplicemente, l’esigenza di conciliare meglio la vita professionale e quella privata. Probabilmente mai prima d’ora così tante persone hanno avuto il privilegio di poter organizzare la vita quotidiana in funzione delle esigenze personali. 

Ma per quanto allettante possa essere la prospettiva di un impiego a tempo parziale, non mancano i risvolti negativi. E questi riguardano soprattutto la previdenza per la vecchiaia. Il sistema previdenziale svizzero è un prodotto della storia e, come tale, è concepito per gli occupati a tempo pieno. Per ora può darsi che quel che guadagnate lavorando a tempo parziale sia sufficiente. Ma, dal punto di vista finanziario, come si prospetta il vostro futuro? Probabilmente i contributi che versate oggi non vi permetteranno di mantenere l’attuale tenore di vita anche da anziani. Verificate quindi oggi stesso su quale rendita di vecchiaia potete contare. Avrete così il tempo necessario per colmare eventuali lacune previdenziali, per esempio costituendo un capitale di vecchiaia supplementare nel 3° pilastro (pilastro 3a o 3b).

Il lavoro a tempo parziale in Svizzera

Oggi in Svizzera quello del lavoro a tempo parziale è un modello molto diffuso. Il 39 per cento degli occupati lavora a tempo ridotto. In fatto di posti di lavoro a tempo parziale, in Europa la Svizzera è dunque seconda soltanto ai Paesi Bassi (51 per cento). Il numero delle donne con un impiego a tempo parziale è di tre volte superiore a quello degli uomini e sei donne su dieci lavorano attualmente con un grado di occupazione ridotto (fonte: Ufficio federale di statistica, 2022). A vedere di buon occhio il lavoro a tempo parziale sono soprattutto le donne con figli: in molti casi, infatti, quella di lavorare a tempo pieno occupandosi nello stesso tempo della famiglia non è una soluzione praticabile.

Perché il lavoro a tempo parziale incide negativamente sulla rendita? 

Chi lavora meno, guadagna meno e versa meno contributi all’AVS (previdenza statale = 1° pilastro) e nella cassa pensione come da LPP (previdenza professionale = 2° pilastro). Più tardi ciò inciderà negativamente sulla rendita. La Conferenza svizzera delle/dei delegate/i alla parità fra donne e uomini raccomanda pertanto di non scendere stabilmente al di sotto di un grado di occupazione del 70 per cento. 

La lacuna previdenziale cresce ulteriormente laddove, per un certo periodo, si smetta di lavorare, per esempio per occuparsi a tempo pieno dei figli per un paio di anni o per girare il mondo. Gli anni di contribuzione che vengono così a mancare si traducono in una sensibile riduzione della rendita.

Che cos’è una lacuna previdenziale?

In Svizzera le persone che svolgono un’attività lucrativa sono tenute a versare dei contributi all’AVS e, nella maggioranza dei casi, anche alla cassa pensione. In cambio, a partire dal pensionamento viene loro erogata una rendita di vecchiaia, la cui entità dipende dai contributi complessivamente versati nel corso della vita lavorativa. Insieme, la previdenza statale e quella professionale devono garantire a chi va in pensione la possibilità di mantenere il tenore di vita abituale. A tal fine occorrerebbe un importo pari all’80-90 per cento del reddito precedente. Oggi, tuttavia, le rendite AVS e LPP coprono solo il 60 per cento circa dell’ultimo salario, in molti casi addirittura meno. La lacuna previdenziale consiste nella differenza tra rendita percepita e costo effettivo della vita.

Che requisiti bisogna soddisfare per ottenere una rendita AVS piena? 

Chi, una volta in pensione, vuole avere a disposizione la rendita massima di CHF 2390 mensili, deve percepire un reddito annuo medio di CHF 86 040. In molti casi, tuttavia, il lavoro a tempo parziale non permette di raggiungere questo livello reddituale. Ancora di più pesano le lacune contributive: per ogni anno di contribuzione mancante viene infatti applicata una riduzione della rendita nell’ordine del 2,3 per cento. Per evitare che ciò avvenga, nei periodi in cui non lavorate dovrete versare di vostra iniziativa il contributo minimo AVS annuo, che attualmente corrisponde a CHF 503. Se lo desiderate, potete chiedere alla cassa di compensazione un estratto del vostro conto AVS. Le lacune contributive possono essere colmate entro cinque anni versando a posteriori il contributo minimo.

Accrediti per compiti educativi e assistenziali

L’accudimento dei figli o l’assistenza a familiari bisognosi di cure possono essere inseriti nel conteggio AVS. Gli accrediti per compiti assistenziali vanno fatti valere annualmente, mentre per quelli per compiti educativi basta una nota all’atto della richiesta della rendita di vecchiaia

In termini di previdenza professionale che svantaggi comporta l’occupazione a tempo parziale?

Se guadagnate più di CHF 21 510 all’anno, il datore di lavoro è tenuto a iscrivervi alla cassa pensione come da LPP (Legge federale sulla previdenza professionale). Chi, tuttavia, non raggiunge questa soglia d’ingresso, non è assicurato nel 2° pilastro. Per i lavoratori a tempo parziale, inoltre, la cosiddetta «deduzione di coordinamento» ha un effetto penalizzante.

  • Teaser Image
    Che cos’è la deduzione di coordinamento?

    La deduzione di coordinamento raccorda le rendite del 1° e del 2° pilastro e garantisce che le singole assicurazioni sociali all’interno del sistema dei tre pilastri siano armonizzate tra loro.

    Per saperne di più

Consigli per i lavoratori a tempo parziale

Consiglio n. 1: per i collaboratori a tempo parziale, il regolamento della cassa pensione di alcune aziende prevede una deduzione di coordinamento ridotta. Se nel vostro caso non è così, chiedete se è possibile adeguare la deduzione di coordinamento al vostro grado di occupazione. Affrontate l’argomento anche al momento dell’assunzione.

Consiglio n. 2: se avete due lavori a tempo parziale, può darsi che la deduzione di coordinamento venga applicata due volte. Appurate se è possibile assicurare entrambi i redditi tramite un’unica cassa pensione, in modo che la deduzione di coordinamento venga computata solo una volta.

Solida previdenza malgrado un lavoro a tempo parziale – sì, ma come? 

Effettuate versamenti nel 3° pilastro. Con un accantonamento mirato di capitale colmerete eventuali lacune previdenziali. Quella della previdenza vincolata (pilastro 3a) è una formula particolarmente azzeccata sia in vista di un processo di risparmio a lungo termine sia ai fini del risparmio fiscale. Gli affiliati a una cassa pensione possono infatti effettuare versamenti volontari annui per un importo massimo di CHF 6883 (dato aggiornato al 2022). Se non siete coperti dall’assicurazione LPP, potete effettuare versamenti nel pilastro 3b.

Iniziate presto. Prima cominciate a risparmiare e meglio è. Con il tempo, rinunciando a piccoli importi riuscirete a predisporre senza troppi sacrifici una solida previdenza privata e raggiungerete i vostri personali obiettivi di risparmio. 

Investite con profitto. Lasciate che il vostro denaro lavori per voi, per esempio investendo in fondi o azioni. Con una diversificazione a largo raggio e un lungo orizzonte d’investimento ridurrete al minimo i rischi. Il nostro consiglio: le soluzioni previdenziali del pilastro 3a come SmartFlex possono essere impostate in maniera tale da soddisfare in pieno le vostre esigenze personali. Stabilite qual è il rapporto sicurezza-opportunità di rendimento a voi più congeniale. E decidete in cosa investire – per esempio solo in imprese sostenibili o solo in aziende svizzere.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy