Evitare lo stress e il burnout mediante la prevenzione Prevenzione del burnout sul posto di lavoro

Ogni anno le assenze dovute a stress e burnout causano costi altissimi alle aziende svizzere. Attraverso una strategia efficace per la gestione dello stress potete tutelare i vostri collaboratori da un sovraccarico fisico e psichico, prevenire un’eventuale sindrome da burnout e favorire sul lungo periodo la salute all’interno della vostra azienda.

Richiedete ora una consulenza

Vantaggi della prevenzione del burnout

  • Protezione dei collaboratori dalle malattie provocate dallo stress
  • Aumento del benessere sul posto di lavoro
  • Costi ridotti al minimo per assenze da malattia

In che cosa consiste la prevenzione del burnout?

La prevenzione del burnout comprende tutte le misure atte a prevenire l’insorgenza di questa sindrome. Sempre più aziende svizzere sono impegnate nella prevenzione del burnout sul posto di lavoro allo scopo di proteggere i propri collaboratori da patologie fisiche e psichiche generate dallo stress. Un’azione preventiva ottiene un duplice risultato: da un lato migliora in modo duraturo la salute e la soddisfazione del personale, dall’altro abbassa i costi per assenze conseguenti a stress e burnout.

Quali sono i sintomi di un burnout?

Il burnout è l’esito patologico di un’escalation che può intervenire quando una persona vive in uno stato di stress cronico in ambito privato o professionale. La sindrome si manifesta con vari «campanelli d’allarme»: disturbi gastrointestinali, lombalgie, ma anche insonnia, spossatezza fino ad arrivare a vere e proprie depressioni. Le possibilità di cura sono molteplici e devono essere applicate in funzione delle esigenze del paziente. A seconda della diagnosi si può ricorrere, ad esempio, a un trattamento psicoterapeutico o a una terapia di tipo comportamentale. 

Tra le finalità della prevenzione del burnout vi è anche quello di individuare i rischi psicosociali e predisporre sul posto di lavoro strutture e processi idonei a riconoscere tempestivamente i collaboratori a rischio, offrendo loro il supporto necessario affinché i sintomi non si tramutino in patologie.

Stress correlato al lavoro e sindrome da burnout in forte aumento

Si parla molto di burnout, e l’interesse è più che giustificato. Dal 2014 Promozione Salute Svizzera conduce periodicamente un sondaggio presso la popolazione elvetica attiva per rilevare gli effetti prodotti dallo stress su salute e produttività. In base ai dati che emergono nella nostra Bussola dell’ambiente di lavoro, quasi un terzo degli intervistati dichiara di sentirsi emotivamente logorato. Le cause principali vengono attribuite al ritmo incalzante al lavoro e alla mole crescente di incombenze da sbrigare. A questo contribuisce anche la digitalizzazione, che impone ai collaboratori uno sforzo incessante di adeguamento a nuove realtà e di acquisizione di capacità sempre diverse: una sollecitazione che può aumentare ulteriormente la pressione sul posto di lavoro. 

Quali sono le conseguenze per l’azienda?

Gli ingenti costi derivanti dallo stress in ambito lavorativo vengono spesso sottovalutati. I collaboratori sotto continua pressione possono sviluppare forme depressive o altre patologie, forniscono prestazioni inferiori o si assentano per periodi più o meno lunghi. Se i casi si moltiplicano, a lungo termine l’azienda può risentirne pesantemente. I possibili effetti negativi sono:

  • calo della produttività dovuto ad assenze di personale (assenteismo)
  • calo della produttività dovuto a collaboratori presenti, ma non performanti (presentismo)
  • maggiore rischio di infortuni
  • elevata fluttuazione
  • oneri più sostenuti per il reclutamento del personale
  • perdite di fatturato per clienti insoddisfatti che si rivolgono altrove

Perché per le aziende la prevenzione del burnout è così importante?

La sindrome da burnout rappresenta un rischio enorme per l’azienda. Il danno economico causato complessivamente in Svizzera dallo stress ammonta a CHF 7,6 miliardi all’anno. Ma c’è una buona notizia: il costante malessere provocato dal carico lavorativo eccessivo o demotivante può essere evitato in modo altrettanto sistematico di altri rischi nell’ambito della sicurezza sul lavoro. Maggiore è il grado di conoscenza del fenomeno dello stress da parte del personale, minori sono le probabilità che questo si verifichi. Se i vostri collaboratori sanno mettere in atto opportune strategie per una gestione efficace dello stress, possono superare con più facilità le fasi critiche sul posto di lavoro.

Contrastare la sindrome da burnout

Per proteggere in modo concreto i collaboratori da patologie ascrivibili allo stress − come depressioni o burnout − occorre far rientrare questa tematica tra i compiti del governo aziendale e ancorare stabilmente le misure per la gestione dello stress nella cultura d’impresa. La prevenzione del burnout svolta all’interno dell’azienda aiuta a identificare le fonti di stress in azienda e a supportare attivamente i collaboratori nella gestione dello stress. Inoltre, il personale viene sensibilizzato sulla problematica del burnout e sulle possibilità di profilassi e cura al fine di cogliere tempestivamente i sintomi e considerarli con serietà. 

L’offerta di AXA per la prevenzione del burnout

La prevenzione di stress e burnout è parte integrante del management della salute in azienda di AXA. Il suo obiettivo è quello di dotare dipendenti e superiori di strategie efficaci nel confronto quotidiano con il carico di lavoro. In una prima fase, esperti qualificati identificano le possibilità di riduzione dello stress nella vostra azienda. Successivamente vengono formulate apposite misure per creare e fissare stabilmente le necessarie competenze di gestione dello stress. Mediante workshop e perfezionamenti professionali il vostro personale riceve consigli e suggerimenti per affrontare i momenti di stress.

Sondaggio sulla salute

Per poter affrontare efficacemente lo stress e le sue ripercussioni in un’organizzazione è essenziale conoscere i maggiori potenziali di promozione della salute e le cause a monte dello stress conseguente a un carico lavorativo eccessivo o demotivante. Tramite un sondaggio online sulla salute vengono raccolte, in forma anonima e nel pieno rispetto della protezione dei dati, informazioni utili a questo scopo. In tal modo è possibile determinare concretamente quali sono le situazioni in cui i collaboratori raggiungono i propri limiti personali di resistenza e si sentono stressati.

Misurazione del livello di stress

Per mezzo di un’analisi vengono identificate le maggiori potenzialità di promozione della salute e le cause a monte dello stress conseguente a un carico lavorativo eccessivo o demotivante.

  • Sondaggio online sulla salute concernente il comportamento e l’atteggiamento individuale
  • Condizioni di lavoro (stressori/risorse) e aspettative nei confronti dei singoli collaboratori
  • Accertamento dell’incidenza sulla prestazione lavorativa e pianificazione delle misure

Formazione per i quadri dirigenti

Nella prevenzione dello stress, i dirigenti assumono un ruolo importante in quanto con il loro comportamento influiscono direttamente sui rischi psicosociali. Impartendo ai superiori una formazione completa sull’argomento, essi imparano a riconoscere tempestivamente i collaboratori affetti da burnout e le situazioni potenzialmente perturbanti, a condurre colloqui con i soggetti colpiti e a offrire l’aiuto necessario. Ciò consente di ridurre in modo duraturo il rischio di una pressione continua sui collaboratori.

Relazioni e workshop

AXA mette a disposizione un’ampia gamma di perfezionamenti professionali sul tema della prevenzione e della gestione dello stress che hanno lo scopo di sensibilizzare il personale della vostra azienda sui temi del sovraccarico lavorativo, della sindrome da burnout e della gestione delle risorse. Con esempi tratti dalla realtà vengono fornite informazioni fondamentali sul mantenimento e sulla promozione della salute. I collaboratori ricevono inoltre suggerimenti pratici per affrontare con maggiore resistenza il peso delle incombenze quotidiane.

Partenariato con Pro Mente Sana

Se avete bisogno urgente di un aiuto, chiamate Pro Mente Sana al numero 0848 800 858. La nostra partner Pro Mente Sana offre consulenze gratuite a persone che accusano disagi psichici, ai loro familiari o ai loro referenti. 

Supporto e domande frequenti

  • Perché lo stress cronico è pericoloso?

    Le situazioni temporanee di stress non comportano particolari complicazioni, se però il collaboratore si sente ininterrottamente schiacciato dal peso del lavoro, il suo meccanismo interno di autoregolazione s’inceppa. Questo favorisce l’insorgere di una serie di malattie fisiche e psichiche:

    • esaurimento lavorativo (burnout)/depressione
    • demenza
    • ipertensione
    • lombalgia

    Attenzione:  le malattie croniche legate allo stress, come il burnout, non sono diagnosticabili sulla base di un solo sintomo. Le manifestazioni sono diverse da persona a persona. Attualmente sono noti, ad esempio, 130 segnali che, in sede di diagnosi, possono ricondurre a un burnout (in tedesco)

  • Cosa posso fare per contenere lo stress sul posto di lavoro?

    Capita a tutti, prima o poi: la lista delle cose da fare si allunga sempre di più e quindi anche il tempo passato al posto di lavoro. Chi è perennemente sotto pressione, deve fare attenzione ai segnali lanciati dal proprio corpo e dalla propria mente e intervenire attivamente per porvi rimedio. Una strategia aziendale tesa a evitare un carico lavorativo eccessivo o demotivante non basta; per ridurre lo stress occorre anche uno stile di vita sano.

    Le tecniche di rilassamento, quali il training autogeno, e i metodi basati sulla consapevolezza servono a prevenire e a rinforzare la resilienza nelle situazioni stressanti. Anche i contatti sociali e l’attività sportiva sono, in molti casi, degli strumenti validi per sentirsi più sereni al posto di lavoro. È importante ascoltare il proprio corpo quando reclama un riequilibrio della bilancia lavoro-vita privata. Chi prende sul serio i sintomi di burnout è in grado di reagire prima che sorgano danni fisici o psichici e che la qualità della propria vita si deteriori. 

  • Quali sono i motivi più frequenti di stress sul posto di lavoro?

    La causa scatenante è uno scompenso che si viene a creare tra le aspettative nei confronti di una persona e le risorse messe a sua disposizione per corrispondervi.

    Classici motivi che possono portare a un burnout sono i ripetuti cambiamenti nel mondo del lavoro, i tempi stretti per sbrigare gli incarichi assegnati e le esigenze sempre più stringenti da soddisfare. Anche i margini di autonomia pressoché inesistenti, lo scarso supporto da parte di superiori o colleghi, gli episodi di discriminazione o violenza, la paura di perdere il posto di lavoro possono accentuare il malessere.

  • Com’è possibile evitare la sindrome da burnout nella mia azienda?

    Un burnout non compare all’improvviso, ma emerge lungo un processo articolato in varie fasi. Se si colgono i primi «campanelli d’allarme», si può evitare la cronicizzazione a lungo termine in forme depressive o reazioni psicosomatiche. Con un’azione preventiva del burnout svolta all’interno dell’azienda è possibile sensibilizzare i collaboratori sul tema dello stress e aumentare le loro competenze nell’affrontare situazioni delicate in questo ambito. Così viene ridotto durevolmente il pericolo di burnout e di assenze dovute allo stress. 

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA Contatto & FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy