Salute

Coronavirus: devo continuare ad andare al lavoro o posso restare a casa?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Anche se il coronavirus si diffonde rapidamente, non potete semplicemente decidere di lavorare da casa. Quali sono i vostri diritti e obblighi come dipendenti? Anche in caso di crisi continuate a percepire il salario? Quando potete rifiutarvi di intraprendere un viaggio di lavoro? Lo abbiamo chiesto ai giuristi di myright.ch. 

Ho paura di essere contagiato dal virus al lavoro. Posso restare a casa? 

No. Fintantoché le autorità non emanano alcuna ordinanza in tal senso, come dipendenti non avete diritto a restare a casa. In questo caso si tratterebbe di un rifiuto immotivato di lavorare, senza diritto alla continuazione del pagamento del salario. Parlate direttamente di eventuali preoccupazioni con il vostro datore di lavoro. 

Quando posso rifiutarmi di lavorare?

Solo se potete motivare il rifiuto in maniera concreta e oggettiva – ad esempio se il vostro datore di lavoro non rispetta le norme igieniche o non adotta misure per la tutela del personale. In questo caso comunicate chiaramente al vostro datore di lavoro i motivi del rifiuto e pretendete che siano prese misure di protezione. Se invece il vostro rifiuto è motivato, il datore di lavoro ha l’obbligo di continuare a versarvi il salario. Attenzione però: in caso di rifiuto perdurante senza motivi validi, potreste rischiare un licenziamento immediato. 

Qual è la situazione con l’home office? 

A condizione che l’home office sia compatibile con le esigenze aziendali, potete presentare la richiesta al vostro datore di lavoro e discutere della possibilità di lavorare da casa. 

Non mi sento bene e temo di contagiare altre persone. Posso assentarmi dal lavoro?

Sì. In un simile caso fatevi visitare da un medico e presentate un certificato. Qui la procedura è la stessa che per altre malattie.

Il datore di lavoro è chiamato a rispondere se sono stato infettato sul posto di lavoro?

È possibile. Sulla base del suo obbligo di assistenza, il datore di lavoro è tenuto ad adottare tutti i provvedimenti realizzabili secondo lo stato della tecnica e adeguati alle condizioni dell’azienda, che l’esperienza ha dimostrato necessari per impedire ad esempio un contagio sul posto di lavoro. L’adempimento di tale obbligo di assistenza deve essere verificato nel singolo caso e può risultare determinante per la responsabilità.

Mio figlio è malato. Devo comunque lavorare? Continuo a percepire il salario

Se presentate un certificato medico, ogni datore di lavoro è tenuto a concedere a uno dei due genitori fino a tre giorni liberi per ciascun caso di malattia, affinché possa accudire il figlio malato. In determinate circostanze, tuttavia, potete essere esonerati dal lavoro anche più a lungo , se ciò è giustificato da ragioni di carattere medico. I genitori devono tuttavia cercare di evitare ulteriori assenze e di organizzare ad esempio un accudimento per il bambino.

Il Consiglio federale ha chiuso scuole e asili: posso restare a casa se ho figli in età scolare? 

In questo caso si tratta di un impedimento al lavoro senza colpa. Voi avete un obbligo di accudimento legale, e il vostro datore di lavoro ha l’obbligo di continuare a versarvi il salario per un periodo limitato di tempo. I genitori devono tuttavia adoperarsi per evitare ulteriori assenze con un’adeguata organizzazione. Tuttavia da ora i genitori possono richiedere un indennizzo alla cassa di compensazione AVS. 

Che cos’è esattamente questo indennizzo per i genitori e chi ne ha diritto? 

I genitori con figli d’età inferiore ai dodici anni che devono sospendere la loro attività lucrativa perché l’accudimento dei figli da parte di terzi non è più garantito hanno diritto all’indennizzo se al momento della sospensione dell’attività lucrativa:

  • sono assoggettati all’AVS (pertanto vivono in Svizzera o svolgono un’attività lavorativa in Svizzera) e
  • esercitano un’attività lucrativa dipendente o indipendente.

Nota: la necessità di accudimento deve essere riconducibile a misure per la lotta contro il coronavirus (chiusura di scuole, nidi, asili o il fatto che l’accudimento non è più possibile perché viene garantito da una persona a rischio, ovvero persone oltre i 65 anni, persone con malattie respiratorie croniche, ecc.). 

Ulteriori domande e risposte sulla chiusura delle scuole sono disponibili sul sito myright.ch.

Nella nostra azienda si discute se spostare temporaneamente alcuni collaboratori in altre sedi a causa del coronavirus. Devo accettare un trasferimento?

In linea di principio il vostro datore di lavoro non può semplicemente spostarvi in un’altra sede se questa è fissata contrattualmente. Se tuttavia sussiste un’ esigenza aziendale urgente, dovete temporaneamente lavorare in un altro luogo di lavoro. È necessario anche tenere conto della personalità dei dipendenti interessati dal provvedimento. 

 

Posso fidarmi che il mio datore di lavoro mi protegga davvero dal coronavirus? 

I datori di lavoro hanno un cosiddetto obbligo di assistenza. Ciò significa che sono tenuti ad adottare misure opportune e proporzionate a tutela dei loro collaboratori, al fine di impedire un contagio o una diffusione del virus. Concretamente possono ad esempio mettere a disposizione sul posto di lavoro disinfettanti per le mani o mascherine igieniche. 

Posso rifiutarmi di intraprendere un viaggio di lavoro?

Come dipendenti dovreste innanzitutto chiarire se per la regione in cui dovrebbe tenersi l’incontro d’affari siano state emanate restrizioni ai viaggi da parte del DFAE. In caso affermativo, potete in linea di principio rifiutarvi di intraprendere il viaggio.

  • Teaser Image
    Protezione giuridica online MyRight

    Semplice, informale e flessibile: MyRight è stipulabile online con pochi clic. Grazie alla struttura modulare potete selezionare i moduli che sono importanti per voi.

    Myright

Cosa accade se l’area in cui abito viene dichiarata «zona rossa»?

Se abitate in un’area che è stata dichiarata «zona rossa», non potete lasciarla per andare a lavorare. Un’assenza dal lavoro in questo caso è giustificata. Ciò vale anche se il vostro posto di lavoro si trova in una «zona rossa». Sarebbe da valutare la possibilità di continuare a lavorare da casa (home office). 

Cosa accade se il mio luogo di lavoro viene messo in quarantena?

Se in un’azienda vengono accertati casi di influenza, il medico cantonale valuta la situazione e adotta misure appropriate. Queste possono comprendere anche misure di polizia sanitaria quali ad es. quarantena o chiusura dell'azienda.

I dipendenti sono tenuti a offrire la propria prestazione lavorativa. Anche qui forme di lavoro flessibile quali l’home office possono alleggerire la situazione. Se non potete accettare il lavoro, di norma subentra una mora del datore di lavoro.  I datori di lavoro hanno l'obbligo di continuare a pagare il salario, poiché sopportano il rischio d’esercizio anche in assenza di colpa. 

Il mio capo può pretendere che lavori da casa?

Se nel vostro contratto di lavoro è presente una simile clausola, l’azienda può chiedervi di lavorare da casa. Eventualmente una simile misura risulta anche opportuna per proteggervi come dipendenti in caso di rischio acuto di contagio da coronavirus.

Se il vostro datore di lavoro è corresponsabile della diffusione del virus, deve continuare a pagare i salari.


Continuo a percepire il mio salario se, per il pericolo rappresentato dal virus, l'azienda in cui lavoro deve essere chiusa dalle autorità?

Bisogna valutare nel singolo caso in quale sfera di rischio rientra la motivazione per cui viene meno la prestazione lavorativa. In base a questo criterio sussiste o meno un obbligo di pagamento del salario. Bisogna anche verificare se il datore di lavoro ha stipulato un’assicurazione contro la perdita di guadagno per un simile evento.

Ho diritto al mio salario se non posso rientrare dalle vacanze a causa della diffusione del virus? 

In un simile caso il datore di lavoro non è tenuto a versare il salario per l’ulteriore assenza.

La mia azienda in caso di pandemia può deliberare vacanze aziendali o cancellarmi ferie già concordate?

No, in linea di massima ciò non è possibile, sebbene secondo la legge il datore di lavoro possa stabilire quando il collaboratore debba godere delle ferie. Deve però ascoltare i dipendenti e tenere conto dei loro desideri. In qualità di dipendenti avete inoltre il diritto a una tempestiva assegnazione delle ferie (in generale con tre mesi di anticipo). La stessa cosa vale per un divieto di ferie: lo spostamento di ferie già pattuite è però giustificato solo per gravi motivi. Se si tratta di un’esigenza aziendale urgente e imprevista, dovete eventualmente accettare una modifica della tempistica delle ferie. Il vostro datore di lavoro deve tuttavia rimborsarvi il danno subito.

Cosa succede se devo restare in quarantena e non posso andare al lavoro? 

I dipendenti che si devono sottoporre a quarantena per prescrizione medica o delle autorità hanno diritto alle indennità giornaliere dell’assicurazione perdita di guadagno (IPG). L’indennità giornaliera ammonta all’80% del salario, ma al massimo a 196 franchi per giorno di lavoro (ferie escluse). I dipendenti devono richiedere autonomamente questa indennità alla cassa di compensazione.

Se presto ci sarà una vaccinazione influenzale contro il coronavirus, il mio datore di lavoro può obbligarmi a sottopormici?

No, in Svizzera non è previsto alcun obbligo vaccinale. Una vaccinazione obbligatoria su richiesta del datore di lavoro non dovrebbe essere applicabile nemmeno in caso di pandemia .

Diritti e obblighi dei disoccupati in relazione al coronavirus

Come disoccupato, durante la pandemia posso essere assegnato a un posto di lavoro ?

Sì, a condizione che il lavoro sia ragionevole e il datore di lavoro ottemperi ai propri impegni in termini di protezione dei lavoratori.

Durante la pandemia devo effettuare ricerche di lavoro?

Sì.

Devo sempre annunciarmi personalmente presso il comune di domicilio o presso l’URC, se divento disoccupato?

Sì. Anziché personalmente, tuttavia, l’annuncio può avvenire per telefono .

Ho rassegnato le dimissioni per paura di un contagio da coronavirus. Posso richiedere l’indennità di disoccupazione ? E devo attendermi una sanzione?

Sì, potete richiedere l’indennità di disoccupazione se siete intenzionati e nella condizione di accettare un lavoro. Vi sarà una sanzione se il rischio si rivela inesistente.

Ho rassegnato le dimissioni perché, a causa della mia assenza dal posto di lavoro , non ricevo più alcun salario. Percepirò una normale indennità di disoccupazione?

Sì, potete richiedere l’indennità di disoccupazione se siete intenzionati e nella condizione di accettare un lavoro. Se durante la vostra assenza dal posto di lavoro avete assolto un obbligo inerente il diritto di famiglia, il datore di lavoro avrebbe dovuto continuare a versare il salario. Si configura così un comportamento scorretto del datore di lavoro, ragion per cui non dovete attendervi sanzioni.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati