Previdenza

Che cosa conta per l'acquisto di proprietà abitativa?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Sévérine e Raphaël hanno costruito un nido a Renens per se stessi e per i loro due figli. Il grazioso appartamento di proprietà crea spazio e tempo per la famiglia e rappresenta contemporaneamente un'oasi di gioco e di tranquillità.

Che cosa significano per la famiglia della Svizzera romanda le sue quattro mura? Le risposte nel filmato:

Potete permettervi la vostra proprietà abitativa? Scopritelo subito!

5 domande sul sogno di un’abitazione propria

Sévérine e Raphaël sono orgogliosi della loro abitazione di proprietà, perché come dice Sévérine «è veramente nostra». Mi domando, cosa si deve fare per le proprie quattro mura, quali condizioni devono essere soddisfatte per l'acquisto di proprietà abitativa?

Markus Kaufmann, specialista in materia di previdenza di AXA Winterthur, a colloquio con Verena Kosheen

Lavorare sodo per potersi costruire una casa – è questo il sogno svizzero?
Sono molti gli svizzeri che quantomeno sognano di costruirsi una casa.

La proprietà abitativa, preferibilmente nella forma di una piccola casa, continua a essere un'importante tappa sul percorso classico, da qualche parte tra formazione, lavoro e famiglia.

Quali requisiti devono essere soddisfatti per ottenere un'ipoteca?
I requisiti che pongono assicurazioni e banche sono fondamentalmente gli stessi. In entrambi i casi, infatti, deve essere garantita la sostenibilità. L'abitazione di proprietà si considera sostenibile se tutti gli oneri generati dall'acquisto di proprietà abitativa possono essere coperti con il reddito e il patrimonio disponibili. Assicurazioni e banche prevedono sempre un elevato margine di sicurezza del 5 per cento. Se si sommano i costi ipotecari, di manutenzione e di ammortamento, le spese complessive non devono superare un terzo del reddito annuo.

Clicca per ingrandire

A cosa si deve prestare attenzione affinché il sogno di un’abitazione propria non sfumi?
Si devono prendere in considerazione tre diverse situazioni: Il finanziamento dell'abitazione propria è garantito in caso di decesso, invalidità e dopo il pensionamento?

Proprio il pensionamento è un tema di grande importanza. L'aspettativa di vita cresce e i 70enni si sentono oggi come se avessero 60 anni. Sono in forma e vitali e naturalmente non vorrebbero rinunciare alla loro abitazione di proprietà. La maggior parte dei pensionati, tuttavia, con la loro rendita non dispongono più del reddito che avevano un tempo. Viste le condizioni di finanziamento restrittive per le ipoteche può dunque accadere che una casa che prima ci si poteva permettere, dopo il pensionamento non sia più sostenibile.

Per questo motivo, già nel periodo in cui si esercita un'attività lavorativa, si dovrebbe costituire un patrimonio aggiuntivo mediante la previdenza, per poter rimborsare l'ipoteca nel lungo termine.

Come può tutelarsi il proprietario di un'abitazione in caso di perdita di guadagno?
Nell'ambito della previdenza individuale, ossia del terzo pilastro, tutte le persone hanno la possibilità di assicurare una rendita integrativa per perdita di guadagno su misura per le loro esigenze. Come base per il calcolo del fabbisogno funge di norma un'analisi previdenziale.

I lavoratori autonomi o gli amministratori possono eventualmente influenzare la rendita in caso di incapacità di guadagno da assicurare anche direttamente tramite la loro cassa pensione.

Nel peggiore dei casi servono prestazioni sovraobbligatorie, assicurate tramite il secondo o il terzo pilastro.

Che consiglio darebbe a Sévérine e Raphaël?
Consiglierei loro di effettuare una chiara analisi previdenziale. Questa dovrebbe chiarire quanto della loro previdenza resterà loro nella vecchiaia e quale sarà la situazione in caso di decesso o invalidità. Un'analisi dettagliata della situazione previdenziale odierna rappresenterebbe ogni scenario e mostrerebbe eventuali lacune.

Dato che Sévérine svolge tre diversi lavori, è molto probabile che i singoli redditi annui siano troppo bassi per raggiungere la soglia d'ingresso delle varie casse pensione e per essere assicurata tramite queste. Nell'ottica della previdenza sarebbe naturalmente consigliabile avere un solo lavoro anziché tre. Spesso, tuttavia, in simili situazioni professionali le persone interessate non hanno altra scelta, a prescindere dalla previdenza.

Ulteriori informazioni sul tema «proprietà abitativa»:

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy