A casa

Tubature dell’acqua gelate: come evitare i danni causati dal gelo

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

La forte ondata di freddo invernale lascia le sue tracce anche negli edifici. Nei locali non riscaldati o nelle case di vacanza non abitate, infatti, le tubature dell’acqua possono gelare e scoppiare. Ma è soltanto in primavera che se ne scoprono gli effetti, quando i tubi danneggiati si scongelano e l’acqua fuoriesce senza controllo. Quale assicurazione copre le spese consequenziali e cosa si può fare prima dell’arrivo dell’inverno per evitare dei danni in casa causati dal gelo?

Se in un edificio inutilizzato la temperatura rimane sotto zero per parecchio tempo, il danno è presto fatto: le tubature dell’acqua gelano e il volume all’interno delle stesse aumenta – generando una pressione che i tubi spesso non riescono a sopportare, per cui scoppiano. Nella maggior parte dei casi, i danni da gelo non si scoprono all’istante. La brutta sorpresa arriva soltanto in primavera, quando il ghiaccio si scioglie e le perdite d’acqua si fanno evidenti. A essere soggetti ai danni da gelo sono soprattutto edifici, come case o appartamenti di vacanza, che rimangono chiusi per parecchio tempo nonché magazzini e cantine.

Che cosa fare in caso di sinistro?

I tubi gelati non andrebbero mai scongelati di propria iniziativa dal proprietario dell’abitazione. Altrimenti – se sono effettivamente danneggiati – l’acqua finisce per fuoriuscire liberamente e causare ulteriori danni. Chiudete invece il rubinetto principale e contattate la vostra assicurazione. Quest’ultima vi saprà consigliare sui passi successivi o indicare uno specialista, ad esempio un idraulico.

Quale assicurazione di stabili paga i danni da gelo?

I danni da gelo non sono provocati da eventi naturali quali uragani, piene o caduta di sassi, per cui l’assicurazione cantonale degli stabili non copre questo tipo di sinistro. Serve un’assicurazione danni delle acque per stabili, che può essere stipulata a titolo facoltativo. Da un lato si fa carico dei costi per lo scongelamento e la riparazione delle tubature danneggiate, dall’altra copre il danno che, generalmente, è di gran lunga maggiore: quello causato dalla fuoriuscita d’acqua nell’edificio.

Se una conduttura perdente danneggia mobili, tappeti o altri arredi, entra in gioco l’assicurazione mobilia domestica, che si fa carico della riparazione o sostituzione degli oggetti danneggiati nonché dei costi per lo sgombero e lo smaltimento di quanto è andato distrutto. Se il danno da acqua è grave a tal punto che i locali sono diventati inutilizzabili, l’assicurazione mobilia domestica copre persino le spese supplementari per un alloggio sostitutivo.

Consigli: come evitare i danni causati dal gelo? 

La maggior parte dei danni da gelo e dei danni tardivi può essere evitata. Anche chi ha una buona copertura assicurativa deve adottare determinati provvedimenti e rispettare gli obblighi di diligenza e i propri altri obblighi. Ecco i nostri consigli: 

  • Tenere acceso il riscaldamento al minimo o svuotare l’impianto: anche quando l’immobile è disabitato o temporaneamente inutilizzato non dovreste mai spegnere del tutto il riscaldamento. Per evitare i danni causati dal gelo non è sufficiente impostare il termostato sulla temperatura antigelo: in quel caso, infatti, proteggete i radiatori ma non le condutture. Regolatelo almeno sul livello 1. Se l’immobile rimane vuoto per un periodo di tempo prolungato, bisognerebbe svuotare tubature, installazioni e apparecchi. 
  • Installare un dispositivo antigelo: per proteggere le tubature esposte a temperature inferiori allo zero sono disponibili speciali dispositivi antigelo. I tubi possono essere coperti, ad esempio, con materiale isolante termico. Se le condutture si trovano in un locale non riscaldabile, può essere utile ricorrere a un tracciamento dei tubi con un cavo elettronico di riscaldamento. Questo si attiva automaticamente quando la temperatura scende al di sotto di un determinato livello, proteggendo così le condutture in modo particolarmente affidabile dal gelo.
  • Chiudere l’acqua: anche se in un immobile inutilizzato tenete il riscaldamento acceso, dovreste chiudere il rubinetto principale dell’acqua in cantina. A quel punto aprite tutti i rubinetti per far uscire l’acqua rimasta nell’impianto. Così facendo si evita che, in caso di guasto al riscaldamento, l’acqua fuoriesca in maniera incontrollata e geli.  
  • Tubi dell’irrigazione, apparecchi, piscine e pompe dell’acqua: svuotate i tubi dell’irrigazione e utilizzate rubinetti da esterno a prova di gelo. Pensate anche a dispositivi e apparecchi come ad esempio l’idromassaggio o l’idropulitrice, che funzionano ad acqua, e custoditeli in luoghi riparati oppure svuotateli completamente per evitare danni causati dal gelo.
  • Tenere sotto controllo: soprattutto per le case e gli appartamenti di vacanza, ma anche per altri immobili vuoti o solo parzialmente abitati, può valere la pena installare un sistema elettronico che monitori il funzionamento del riscaldamento e dei termostati. Altrettanto utili sono i cavi elettrici di riscaldamento antigelo.
  • Per gli inquilini: anche se l’appartamento rimane vuoto per parecchio tempo, tutti i locali devono continuare a essere riscaldati. Si consiglia di segnalare le assenze al locatore.
Tre tubi di rame, di cui due crepati

Crepe in tubi di rame causati dal gelo.

Ben assicurati come inquilini

Se siete in affitto e causate o siete corresponsabili di un danno da gelo, l’ assicurazione responsabilità civile privata  copre le conseguenze finanziarie, ad esempio se violate il vostro obbligo di manutenzione o non rispettate l’obbligo di diligenza. 

Assicurazione contro i danni da gelo per imprese

In genere, un’ assicurazione di cose per imprese  completa è sufficiente per essere coperti anche in caso di danni da gelo. Oltre a incendio, eventi naturali, furto e danni da acqua, l’assicurazione di cose per imprese copre anche le perdite di reddito. In caso di macchinari costosi che d’inverno rimangono esposti al freddo, è opportuno stipulare anche un’assicurazione rami tecnici. 

Altre assicurazioni contro i danni causati dal freddo 

Il freddo eccessivo non mette solo a dura prova le tubature dell’acqua, ma può anche causare altri danni. Per assicurarsi contro tali danni, vi sono le seguenti possibilità: 

  • Tecnica: un’ondata di freddo può colpire anche i macchinari, soprattutto nelle imprese. In questo caso è opportuno stipulare un’assicurazioni rami tecnici
  • Piante: per le piante da giardino private, come rose o arbusti, non esistono purtroppo coperture assicurative. 
  • Colture: i danni da gelo alle colture, ossia ad esempio ad alberi da frutto, bacche e viti, possono essere coperti con l’Assicurazione Grandine Svizzera

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonarsi alla newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy