Sicurezza e diritto

Assunzione di profughi provenienti dall’Ucraina: cosa tener presente

Foto: KEYSTONE-SDA
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Contratto di lavoro, permessi, protezione dal licenziamento: quali aspetti giuridici deve considerare un datore di lavoro svizzero per poter procedere all’assunzione di profughi ucraini nel modo più rapido possibile e senza intoppi? Nel nostro blog trovate le risposte alle principali domande circa l’assunzione di profughi provenienti dall’Ucraina.

  • Teaser Image
    Céline Degen

    Céline Degen, giurista presso AXA-ARAG ed esperta di diritto del lavoro, risponde a una serie di quesiti giuridici legati all’assunzione di cittadini ucraini.

Per poter procedere all’assunzione devo richiedere un permesso di lavoro?

Sì. Pur potendo ora svolgere un’attività lucrativa senza osservare un periodo d’attesa, chi beneficia dello statuto di protezione S ha comunque bisogno di un permesso di lavoro. L’autorizzazione allo svolgimento temporaneo di un’attività lucrativa dipendente può essere conferita non appena il profugo ottiene lo statuto di protezione S. L’autorizzazione viene conferita dai cantoni e deve essere inoltrata dal datore di lavoro. 

A chi posso rivolgermi se decido di assumere un profugo ucraino?

Può rivolgersi all’autorità cantonale preposta al mercato del lavoro del luogo di attività e richiedere un permesso di lavoro. Alla richiesta vanno allegati una fotocopia del passaporto del profugo, una copia del libretto per stranieri (statuto di protezione S) e un contratto di lavoro sottoscritto da entrambe le parti nonché rispondente alle condizioni salariali e lavorative normalmente vigenti a livello locale e nel settore di riferimento. 

Posso assumere temporaneamente dei cittadini ucraini?

Anche come agenzia di lavoro temporaneo, se desidera assumere dei cittadini ucraini da concedere in prestito a un’impresa acquisitrice per un impiego a tempo determinato, deve rispettare le condizioni salariali e lavorative normalmente vigenti a livello locale e nel settore di riferimento. Ha inoltre l’obbligo di osservare le disposizioni generali stabilite dalla legge sul collocamento e le disposizioni del contratto collettivo di lavoro dichiarato d’obbligatorietà generale per il settore del prestito di personale. Per il resto, non vi sono restrizioni. 

Per permettere ai cittadini ucraini di trovare rapidamente lavoro, l’URC riserva loro un trattamento privilegiato?

Coloro che beneficiano dello statuto di protezione S hanno il diritto di svolgere un’attività lucrativa. Possono pertanto rivolgersi agli uffici regionali di collocamento e richiedere il sostegno necessario per la ricerca di un impiego pur non percependo un’indennità di disoccupazione. Queste persone non godono tuttavia di un trattamento privilegiato. In linea con il principio di parità di trattamento, valgono i criteri normalmente applicati ai rifugiati riconosciuti e ammessi provvisoriamente. 

L’URC propone corsi e programmi per i profughi provenienti dall’Ucraina?

L’organizzazione degli uffici regionali di collocamento ha luogo a livello cantonale. Di conseguenza la situazione è eterogenea. Nei cantoni Zurigo e Basilea Città, per esempio, vengono offerti corsi per l’accesso al mondo del lavoro, programmi occupazionali in vari settori e corsi di tedesco. 

Il neoassunto può iniziare a lavorare entro breve tempo?

L’obiettivo è quello di esaminare rapidamente le richieste di permesso di lavoro. Per l’evasione di ciascuna pratica sono previsti pochi giorni a partire dall’inoltro della richiesta accompagnata dalla documentazione completa.

  • Teaser Image
    Consigli giuridici per aziende

    MyRight propone tanti articoli e consigli su questioni giuridiche di attualità, modelli utili e un generatore di certificati di lavoro.

    MyRight

Posso chiedere a un potenziale dipendente quanto intende rimanere in Svizzera?

Sì, anche se difficilmente un profugo sarà in grado di rispondere a questa domanda. Quello di protezione S è uno statuto orientato al ritorno nel Paese d’origine. L’intenzione è quella di garantire temporanea protezione e aiuti a coloro che ne hanno bisogno e creare i presupposti per un rientro sicuro in patria. 

Per quanto riguarda il contratto di lavoro, di cosa devo tenere conto?

Il contratto di lavoro deve soddisfare le condizioni salariali e lavorative normalmente vigenti a livello locale e nel settore di riferimento. In particolare, non è ammesso allineare i salari agli standard di retribuzione ucraini. Per il resto, valgono le consuete disposizioni del diritto svizzero, più precisamente il Codice delle obbligazioni, la legge sul lavoro e i contratti collettivi di lavoro eventualmente applicabili.  

Per i lavoratori dipendenti ucraini vale una particolare protezione dal licenziamento?

No, vigono le consuete disposizioni in materia di disdetta previste dal diritto del lavoro svizzero.

Il contratto di lavoro deve essere redatto in ucraino o russo?

No. In generale il contratto di lavoro non deve necessariamente essere redatto in forma scritta: può anche essere perfezionato oralmente. A fini probatori e onde evitare fraintendimenti, è tuttavia sempre consigliabile optare per la forma scritta. Nel caso specifico, inoltre, la presentazione di un contratto di lavoro sottoscritto da entrambe le parti rappresenta un presupposto necessario per l’ottenimento del permesso di lavoro.

Il contratto deve essere redatto in una lingua che entrambe le parti comprendono. Si può dunque ricorrere all’italiano oppure all’inglese. È però anche possibile redigere il documento in due lingue. In tal caso occorrerà tuttavia stabilire anche contrattualmente quale delle due faccia testo in caso di dubbi interpretativi. 

  • Teaser Image
    Pagina di servizi per rifugiati dall’Ucraina

    AXA si impegna a favore delle persone che sono dovute fuggire dall’Ucraina. La nostra pagina di servizi offre loro gratuitamente: consulenza giuridica, copertura di mobilia domestica e responsabilità civile se abitano presso clienti AXA nonché interlocutori che parlano ucraino e russo.

    Per saperne di più

Cosa significa statuto di protezione S?

  • Con lo statuto di protezione S i profughi provenienti dall’Ucraina ottengono un permesso S. Quest’ultimo comporta un diritto di soggiorno in Svizzera della durata di un anno , che però può essere prorogato.
  • Con lo statuto di protezione S i cittadini ucraini possono viaggiare entro lo spazio Schengen dopo 90 giorni e svolgere un’attività lucrativa già dopo un mese.
  • Lo statuto di protezione S rende possibile anche il ricongiungimento familiare.

Esistono degli incentivi che posso richiedere per i lavoratori dipendenti provenienti dall’Ucraina?

Oltre all’assistenza sociale, i cantoni hanno la facoltà di erogare altre prestazioni in materia d’integrazione. Per il periodo 2021-2023, inoltre, la Segreteria di Stato della migrazione ha promosso il programma pilota «Contributi finanziari all’integrazione nel mercato del lavoro dei rifugiati e delle persone ammesse provvisoriamente». Nel quadro di quest’ultimo, i datori di lavoro che assumono a condizioni di lavoro usuali i rifugiati bisognosi di un’introduzione specifica nella professione ricevono incentivi finanziari per un periodo di tempo limitato. Anche coloro che godono dello statuto di protezione S hanno accesso a questo programma pilota. 

Che fare se, con il nuovo collaboratore, le cose non funzionano come dovrebbero, per esempio perché la barriera linguistica si rivela invalicabile?

Nell’ambito del diritto del lavoro svizzero vale il principio di libertà di disdetta. Ai fini di un licenziamento nel rispetto del termine di disdetta ordinario non occorrono dunque particolari motivazioni.

Si applicano invece alcune restrizioni sul piano sostanziale (p. es. il licenziamento non può essere abusivo o discriminatorio) e temporale (p. es. il licenziamento non può avvenire durante un periodo di malattia o d’infortunio). 

A chi può rivolgersi un datore di lavoro?

Per maggiori informazioni sull’assunzione di profughi provenienti dall’Ucraina è possibile rivolgersi alle autorità cantonali competenti in fatto di mercato del lavoro e migrazione nonché alla Segreteria di Stato della migrazione

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy