Mobilità

DrivePartner: sulla strada giusta e con nuove funzioni

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

L’offerta telematica DrivePartner di AXA è presente sul mercato da un anno. È tempo di tirare le somme e guardare al futuro.

Circa un anno fa AXA ha lanciato l’assistente auto smart. Il prodotto, messo a punto con il partner ryd, ha riscosso grande successo tra i clienti, che con DrivePartner usufruiscono di numerose funzioni per maggiore comfort e sicurezza. Mediante un semplice connettore e la relativa app anche i veicoli più datati possono diventare infatti delle smart car. «DrivePartner offre funzionalità di cui solo le nuove auto, connesse di serie, dispongono», dichiara Daniel Meier, responsabile Assicurazioni mobilità di AXA. Tra queste, l’attivazione automatica di una chiamata di emergenza dopo un incidente grave e la possibilità in caso di guasto di mettersi in contatto con AXA solo premendo un tasto, con trasmissione immediata della posizione geografica. «In questo modo incentiviamo la consapevolezza di una guida sicura e diventiamo il compagno di viaggio fidato dei nostri clienti non solo in caso di emergenza, ma anche nelle situazioni quotidiane al volante», precisa Meier.

Dal meccanico in un clic

Nel frattempo in DrivePartner sono state integrate altre funzioni utili. Tra queste il tool «Carhelper», che consente di fissare attraverso l’app un appuntamento presso un’officina nelle vicinanze, ad esempio per una revisione o un cambio gomme. Carhelper calcola i prezzi fissi vincolanti e permette un confronto immediato al cliente, che con pochi clic prenota il servizio presso il garage scelto. Basandosi sui dati già esistenti del veicolo e dell’utente, Carhelper può allestire automaticamente una proposta personalizzata, senza che sia necessario registrare marca, modello o chilometri percorsi. 

Il parcheggio si paga via app

Anche la nuova funzione «Parcheggio», lanciata da ryd in collaborazione con EasyPark, intende facilitare la vita di tutti i giorni. La novità permette al cliente di pagare il parcheggio comodamente con l’app, evitando perdite di tempo per arrivare al parchimetro e cercare le monetine da inserire. Un servizio particolarmente pratico: la ryd box registra il momento in cui il veicolo lascia il parcheggio e conclude automaticamente lo stazionamento. Al momento di riprendere l’auto il cliente quindi non deve utilizzare di nuovo l’app e paga solo il tempo effettivo di parcheggio. 

Il pieno con lo smartphone

Tramite «ryd pay» è possibile pagare in modalità mobile anche alla pompa di carburante. A inizio anno ryd è riuscita ad acquisire come investitori strategici l’offerente di servizi di pagamento Mastercard e una casa automobilistica. In questo modo in futuro sarà possibile effettuare pagamenti mobili presso i distributori di carburante di tutta Europa. In Svizzera la funzione non è ancora stata implementata, ma presto dovrebbe essere disponibile anche nelle aree di servizio nazionali, dato che la rete di distributori di carburante partner viene allargata continuamente.

Un lavoro incessante per aumentare la sicurezza

Come maggiore assicuratore auto in Svizzera, AXA ritiene che l’impegno per la sicurezza nella circolazione stradale sia parte della propria responsabilità sociale. AXA è infatti l’unica compagnia di assicurazioni svizzera ad avere un reparto interno specializzato nell’infortunistica e nella prevenzione. In questo ambito DrivePartner e le sue nuove funzioni svolgono un ruolo importante e ulteriori servizi finalizzati alla sicurezza sono pronti per essere implementati.

DrivePartner

DrivePartner è composto dalla ryd box e dalla ryd app. Attraverso lo smartphone possono essere visualizzati tutti i dati principali dell’auto, come su un computer di bordo; inoltre, in determinate situazioni, i clienti ricevono delle notifiche push con informazioni utili. In caso d’incidente possono, ad esempio, richiedere un’assistenza immediata o in futuro potranno pagare il parcheggio direttamente con lo smartphone. 

I giovani conducenti di età inferiore a 26 anni beneficiano di un ribasso del 15% sul premio della loro assicurazione veicoli a motore, sia per l’offerta DrivePartner che per quella Crash Recorder. L’installazione è molto semplice e generalmente può essere eseguita da soli. Nel caso in cui i clienti (circa il 25%) non riescano a effettuare il montaggio autonomamente possono rivolgersi alla ditta DESA, partner di AXA.

Protezione dei dati

La protezione dei dati è fondamentale sia per AXA che per ryd suisse. AXA non ha accesso ai dati rilevati dalla ryd box in quanto questi si trovano, cifrati e protetti, sul server ryd. Solo in tre casi eccezionali AXA riceve dati da ryd suisse: qualora la ryd box non risulti collegata nel veicolo, se si verifica un incidente o nel caso in cui il cliente condivida attivamente informazioni con l’app, ad esempio la posizione del proprio veicolo rimasto in panne.

Se attraverso l’app i clienti si avvalgono di prestazioni di terzi, AXA ha la facoltà di consultare i dati messi espressamente a disposizione. Questi possono servire ad ampliare ulteriormente le offerte e a fornire informazioni su offerte interessanti e convenienti legate al tema della mobilità.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati