Mobilità

Ladri di biciclette: un classico di primavera

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Non appena le temperature ricominciano a salire, tornano a fiorire anche le denunce dei furti di biciclette. Nonostante la mobilità limitata a causa della pandemia da coronavirus, i risarcimenti versati da AXA, a fronte di un totale sinistri pari a 11 milioni di franchi, sono cresciuti di circa 130 000 franchi rispetto all’anno precedente. 

Come le temperature primaverili, nei mesi di marzo, aprile e maggio aumentano anche le denunce per i furti di biciclette. Se a gennaio 2020 erano ancora circa 410, a maggio i casi denunciati erano già 695.  «Non appena comincia arrivare un po’ di tepore, le persone tornano a inforcare la bicicletta e l’offerta per i ladri aumenta di pari passo», spiega Stefan Müller, responsabile Sinistri Assicurazioni cose di AXA. 

Neanche la riduzione della mobilità sperimentata nel 2020 ha avuto effetti significativi sui numeri dei furti di biciclette: nel complesso ne sono stati denunciati ad AXA circa 300 in meno rispetto all’anno precedente, ma sono stati pur sempre 7800. E comunque l’onere complessivo per sinistri presso AXA è salito di 130 000 franchi, per un totale di circa 11 milioni, per il semplice motivo che i nuovi modelli di bicicletta spesso sono più costosi dei vecchi. Inoltre è nettamente aumentata la circolazione delle costose e sofisticate e-bike, un lucroso bottino per i ladri. Secondo una statistica aggiornata della polizia criminale, i furti di biciclette elettriche sono cresciuti del 37,5 per cento rispetto all’anno precedente.  

Negli ultimi 5 anni in AXA si è registrato un costante aumento dell’ammontare dei sinistri. Questo perché le biciclette sono in generale più costose e soprattutto vi è un maggiore utilizzo delle sofisticate e-bike.

Come proteggere la propria bicicletta dalle manileste

Il furto di una bicicletta o parti di essa è sempre motivo di estrema irritazione. Ma osservando alcune misure precauzionali è possibile perlomeno ridurre il rischio che l’amata due ruote ci venga sottratta. «Se possibile la bicicletta dovrebbe essere parcheggiata in un luogo sorvegliato o che si possa chiudere a chiave», consiglia Stefan Müller. Meglio inoltre legarla con un lucchetto a un elemento fisso, che non possa essere rimosso tanto facilmente insieme al nostro mezzo. Se la bicicletta viene comunque rubata, occorre denunciare al più presto il furto alla polizia. Conoscendo la marca, il modello esatto e il numero di telaio della bicicletta, si aumentano le possibilità di poter rivedere un giorno il proprio mezzo in caso di furto.

 

Sono particolarmente a rischio Zurigo, Basilea e Berna

In alcune città il rischio che la due ruote sparisca è molto più elevato che in altre: a Zurigo, Basilea e Berna i furti sono molto superiori alla media. In testa a questa poco onorevole graduatoria c’è Zurigo, con 810 casi, cioè quasi il doppio di Basilea, che si colloca al secondo posto con 435. In altre località, come ad esempio Bienne, San Gallo o Soletta, le probabilità di subire un furto sono decisamente inferiori. A Soletta nel 2020 ad esempio sono stati denunciati soltanto 60 casi di reato.

Copertura assicurativa per biciclette

  • Il furto della bicicletta a casa è coperto automaticamente dall’assicurazione mobilia domestica.
  • Anche la bicicletta rubata fuori casa è coperta dall’assicurazione mobilia domestica, a condizione che nella polizza sia stata inclusa la garanzia «Furto semplice fuori dall’abitazione».
  • I danni cagionati a terzi vengono assunti dall’assicurazione di responsabilità civile privata.
  • È anche possibile assicurarsi contro i danni alla bicicletta, stipulando ad esempio con AXA la garanzia addizionale «Copertura ampliata per attrezzi per lo sport e il tempo libero»: l’opzione può essere conveniente soprattutto per le biciclette costose.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA Contatto & FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy