Trend

Tutela da danni patrimoniali e reputazionali

Immagine: p.g.c.
Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Nessuna azienda, nemmeno quella meglio gestita, è al riparo da danni dovuti a illeciti commessi da collaboratori o da terzi. Azzerare completamente simili eventualità non è possibile, ma si possono coprire le conseguenze finanziarie.

Negli ultimi anni in Svizzera la criminalità economica è costantemente aumentata causando notevoli danni patrimoniali alle aziende. Reati quali frodi, falsità in documenti o appropriazioni indebite vengono commessi molto più spesso di quanto si pensi. «La mia ditta» ha chiesto a un’esperta come ci si può difendere da queste nuove forme di pirateria perpetrate da terzi.

Sonja Stirnimann, lei supporta le imprese nelle situazioni critiche e nei casi di criminalità economica, non compliance o cyberattacchi. Qual è il suo compito?

Accompagniamo le aziende in forma preventiva e reattiva – indipendentemente dal settore – quando è in gioco l’integrità degli organi responsabili e dell’impresa stessa. Una reputazione costruita in anni di duro lavoro può essere distrutta in pochi secondi. Il nostro compito principale consiste nel salvaguardare la capacità operativa.

Le PMI subiscono spesso questo tipo di aggressioni?

Le PMI ne sono vittime quanto le grandi società. Da studi in materia emerge però che i danni causati alle PMI da azioni di criminalità economica sono molto più ingenti. Quindi pensare che capiti solo «ai grandi gruppi» o in generale «agli altri» è sbagliato. Soprattutto per i cyberattacchi ormai la domanda che si pone non è più se si sarà presi di mira, bensì quando succederà. Le PMI sono vulnerabili in particolare per quanto riguarda i reati di social engineering.

Di che cosa si tratta esattamente?

Il social engineering è un metodo volto a indurre le persone a fare qualcosa che esula dal loro comportamento abituale e che può arrecare loro dei danni. La manipolazione ha lo scopo di carpire informazioni segrete o accedere a locali strategici.

Ci può fare un esempio concreto?

La cosiddetta «CEO fraud» è il caso più mediatizzato e più conosciuto. Per un periodo prolungato i social engineer hanno tenuto d’occhio un’azienda, annotando ogni minimo dettaglio del comportamento dei collaboratori. L’obiettivo era raccogliere il maggior numero possibile di informazioni sulle modalità di comunicazione interna. Una volta in possesso di questi dati, con l’aiuto delle tecniche più sofisticate è possibile, ad esempio, che il CFO trasmetta l’ordine per e-mail di versare una grossa somma, senza che il soggetto interessato si accorga dell’usurpazione d’identità. Altri social engineer si spacciano per fornitori o tecnici installatori per riuscire a entrare negli edifici aziendali.

Che cosa possono fare le PMI per autotutelarsi?

La migliore protezione è la prevenzione, ossia conoscere il problema, identificare i rischi e approntare le misure idonee. Per difendersi dagli hackeraggi esterni e riconoscere la non compliance interna, tutto il personale deve essere sensibilizzato. I rischi legati al fattore umano sono spesso sottovalutati proprio nelle PMI. La maggior parte dei crimini vengono commessi da collaboratori in servizio, da ex collaboratori o da freelance che lavorano per l’azienda. È pertanto indispensabile cominciare la prevenzione già dal momento dell’assunzione.          

 

La mia ditta

Structuul SA offre un supporto alle persone fisiche e giuridiche per trovare le migliori soluzioni alle questioni più delicate nel campo GRC (governance, risk & compliance). È specializzata nella prevenzione, individuazione ed elaborazione dei fenomeni di non compliance e criminalità economica all’interno delle aziende e nell’assistenza globale alle persone colpite.   

www.structuul.ch

 

Testo originale pubblicato in «La mia ditta», la rivista PMI di AXA.

  • Teaser Image
    Rivista per la clientela «La mia ditta»

    La rivista di AXA al servizio delle aziende vi informa tre volte all'anno su temi che interessano i piccoli imprenditori.

    NUMERO ATTUALE
  • Teaser Image
    Assicurazione contro gli abusi di fiducia

    Accade più spesso di quanto si pensi: appropriazione indebita, frode, calunnia o rivelazione di segreti commerciali. Questi e altri atti illeciti del vostro personale o danni causati da persone sconosciute possono nuocere gravemente alla vostra e ad altre aziende. Grazie all'assicurazione contro gli abusi di fiducia trasferite questi rischi ad AXA.

    SAPERE DI PIÙ

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati