A casa

Come fondare una comunità abitativa

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

C’è chi vede nella comunità abitativa una soluzione per contenere le spese di affitto e chi una questione di lifestyle. In entrambi i casi trovare una stanza rispondente alle proprie esigenze in un appartamento condiviso è spesso complicato. Perché allora non fondare una comunità abitativa? Qui trovate i nostri consigli su come muovervi.

Tanto per cominciare, è importante capire se quella della comunità abitativa è la soluzione giusta per voi. Non tutti sono nati per vivere in un appartamento condiviso. Ci sono infatti persone che, per quanto socievoli, stanno meglio per conto proprio. Magari perché hanno un particolare bisogno di tranquillità o non vogliono farsi condizionare troppo dal prossimo. O, ancora, perché hanno uno spiccato senso d’indipendenza. Le ragioni possono essere tante. Se però non vi riconoscete in questo ritratto, ci sono altrettante buone ragioni per optare per una comunità abitativa.

Vantaggi della comunità abitativa

  1. Ridotti costi fissi: le persone giovani e con limitate possibilità economiche non possono spendere troppo per l’affitto. E sotto questo aspetto la comunità abitativa rappresenta una soluzione imbattibile.
  2. Buona compagnia: staccarsi un po’ dai genitori va bene – ma è proprio necessario starsene per conto proprio dal mattino alla sera? Certo che no! I coinquilini possono essere una fantastica seconda famiglia.
  3. Risorse condivise: stoviglie e frullatore, tavolo e divano, Internet e Netflix: perché pagare tutto ciò per usufruirne da soli? Vivere in una comunità abitativa permette di condividere e risparmiare alla grande.
  4. Suddivisione dei compiti: cucinare, pulire, lavare e rassettare sono cose che si fanno in tutte le case. Se ci si può spartire il lavoro, tanto meglio. Vorrà dire che avranno tutti più tempo libero! 
  5. Ottimo esercizio di socialità: tolleranza, responsabilità, competenza sociale, comunicazione, capacità di gestire i conflitti: per chi ha voglia d’imparare, la vita in una comunità abitativa può essere una gran lezione.

Trovare coinquiline e coinquilini adatti

Fondare una comunità abitativa comporta un vantaggio decisivo: la libertà di scelta. Meglio una comunità di sole donne, di soli uomini o mista? Qual è la fascia d’età adatta? E quali i punti su cui non si può scendere a compromessi? Si possono cercare i potenziali coinquilini nella propria cerchia di amici e conoscenti, all’università oppure su social media e apposite piattaforme online. Per stabilire con chi volete convivere affidatevi all’istinto, ma non solo a quello.

Obiettivi comuni

Alla base della convivenza dovrebbero esserci obiettivi e aspettative comuni: coabitazione a scopo di risparmio o migliori amici per il resto della vita? Nido caldo e accogliente o moderno appartamento in stile minimalista? Soluzione temporanea o base per gli anni a venire? Improvvisazione o rigorosa organizzazione? Pensarla allo stesso modo su questi aspetti fa crescere le probabilità di una convivenza armoniosa.

Questione di feeling

Quando si condivide un’abitazione è importante nutrire una reciproca simpatia. Ma anche voler trascorrere del tempo insieme o, per lo meno, convivere pacificamente. Pur non essendo d’obbligo, l’affinità di idee politiche, hobby o interessi rappresenta un comune denominatore. Resta però un dato di fatto che a volte una cara collega può anche non essere una coinquilina piacevole.

Aspetti pratici

Le abitudini sono importanti. Per Céline il sonno è sacro, ma il mattino a Yan piace esercitarsi al violino. Mila fuma un pacchetto di sigarette al giorno, Loris è ipersensibile agli odori. Con questi presupposti è inevitabile che si creino delle tensioni. Anche feste, abitudini alimentari, igiene o animali domestici possono scatenare degli attriti. Per non parlare di fastidiose abitudini e manie. Essere assolutamente schietti aiuta a evitare conflitti – o a capire se una persona è incompatibile con le altre.

Trovare un appartamento adatto

Il numero di stanze è quello giusto, le spese di affitto sono accessibili, l’appartamento è carino e i vicini di casa simpatici? I presupposti sono buoni. Ma per una comunità abitativa perfetta ci vuole anche dell’altro.

  • Buona posizione: mezzi di trasporto pubblici, negozi, eventualmente parcheggi
  • Stanze adeguate: se possibile con la stessa metratura e ugualmente accoglienti
  • Più servizi igienico-sanitari: almeno un WC separato o, ancor meglio, due bagni
  • Ambienti ampi: spazio a sufficienza per l’utilizzo congiunto di ingresso, cucina, soggiorno ed eventualmente balcone
  • Tanto spazio contenitivo: armadi a muro, sgabuzzino, solaio, cantina ecc. valgono oro, soprattutto quando si condivide un appartamento con altre persone
  • Teaser Image
    Check-list per la prima abitazione

    Il primo appartamento è un passo importante nella vita. Con l’aiuto della check-list e alcuni preziosi consigli scoprirete quali sono gli aspetti da considerare per rendere (si spera) il passaggio il più agevole possibile.

    Blog

Aspetti giuridici ed economici

Contratto di locazione

Prima di firmare il contratto di locazione accertatevi che la padrona o il padrone di casa approvi l'idea della comunità abitativa. Volete subaffittare le singole stanze in veste di locatari principali? In tal caso vi assumete la responsabilità finanziaria per gli altri coinquilini. In compenso, se necessario potete disdire il contratto di subaffitto. Nella maggioranza dei casi i membri di una comunità abitativa figurano tutti come locatari principali e hanno gli stessi diritti e doveri.

I nostri consigli per la fondazione di una comunità abitativa:

  1. Specificate nel contratto di locazione i nomi di tutti i coinquilini OPPURE stipulate dei contratti di subaffitto
  2. Stabilite contrattualmente come vanno ripartite le spese di locazione e accessorie nonché la cauzione
  3. Definite le responsabilità individuali (obblighi finanziari, eventuali danni) 
  4. Chiarite con gli altri membri della comunità abitativa quali sono la durata della locazione e i termini di disdetta
  5. Mettete per iscritto tutti gli aspetti di rilievo (ad es. acquisti effettuati in comune, appartenenza dei singoli oggetti ecc.)

Assicurazioni

Quella della copertura assicurativa è una questione molto personale e ognuno dovrebbe regolarla per conto proprio. Un caso a parte è costituito dall’assicurazione responsabilità civile privata e mobilia domestica, che è meglio stipulare subito per l’intera comunità abitativa. Copre infatti tutti i coinquilini indicati nella polizza, i quali possono condividere la spesa per i premi e risparmiare così una cifra non trascurabile. Ricordate di segnalare tempestivamente all’assicurazione eventuali entrate e uscite dalla comunità abitativa.

  • Teaser Image
    Quali sono le assicurazioni necessarie?

    Un corso di formazione, dei viaggi, il primo appartamento o la prima auto: la giusta copertura assicurativa consente di partire con il piede giusto.

    Assicurazioni per giovani

Budget comune

Qualità o convenienza? Prodotti bio o convenzionali? Quella dei soldi è sempre una questione spinosa – anche in molte comunità abitative. E più differenze ci sono nel modo di gestire il denaro, più complicato diventa trovare un accordo circa la cassa comune. Questi i principali nodi da risolvere: 

  • Cosa acquistare insieme e condividere? Cosa no? (Prodotti per uso domestico, generi alimentari, articoli da toilette ecc.)
  • Versare tutti la stessa cifra o tenere conto della situazione personale? (Reddito, periodi di assenza, altre particolarità) 
  • Nell’appartamento ci sono stanze che costano più di altre? (Metratura, posizione, balcone ecc.)

Una volta chiariti gli aspetti essenziali, è bene concentrarsi su quelli più specifici, ossia le singole spese. 

Spese fisse: affitto, spese di riscaldamento e accessorie, assicurazione economia domestica, Serafe, Internet/TV, servizi di streaming 

Spese variabili: corrente elettrica, detergenti e detersivi, materiale di consumo come sacchetti per panini o carta igienica, sacchi per rifiuti tassati, generi alimentari, bevande ecc. 

Le spese fisse sono presto suddivise. Per pagare quelle variabili, invece, conviene attingere a una cassa comune. Un tempo si usava un portafogli condiviso, oggi invece i più optano per un conto della comunità abitativa. Per capire quanto versare nella cassa comune può volerci un po’. E molto dipende da chi si occupa principalmente della spesa...

Controllo semplificato del budget

Per tenere d’occhio i costi può essere utile servirsi di un’app per il controllo del budget. Tre esempi:

  • BudgetCH (un classico di Consulenza Budget Svizzera)
  • Flatastic (in tedesco, comprende lista della spesa e piano delle pulizie)
  • Splid (in tedesco, ottima anche per le vacanze insieme)

Vivere in armonia in una comunità abitativa

Casa è più di una semplice stanza in un appartamento condiviso: casa è là dove si sta bene. E proprio per questo le sorti di una comunità abitativa dipendono dai suoi componenti. Dal loro modo di essere, di comunicare e di organizzarsi.

Vicinanza e distanza

Per stare bene in una comunione domestica bisogna poter contare su una certa privacy. E sotto questo aspetto ognuno ha le proprie esigenze: c’è chi ha bisogno di molto tempo per sé e chi vorrebbe stare in compagnia 24 ore su 24. L’unica soluzione è imparare a conoscersi e accettare i rispettivi limiti. Utile in tal senso può essere bussare, chiudere le porte, stabilire i tempi di utilizzo del bagno, usare un calendario comune, uscire per una passeggiata all’aria aperta quando si fa una telefonata e così via... abitare con altre persone aiuta a diventare creativi!

Ordine e pulizia

Fino a che punto una casa è da definirsi come «vissuta»? E quando invece come «caotica»? Quanto deve essere pulita una casa pulita? Questi sono punti cruciali per ogni comunità abitativa, perché ognuno la pensa a modo suo. Ecco tre fattori che aiutano a mettersi d’accordo: 

  • Trasparenza e tolleranza: qualunque sia l’argomento di discussione, le strategie per una pacifica convivenza sono sempre le stesse: non far mistero dei propri desideri, confessare agli altri le proprie peculiarità, discutere eventuali differenze subito e con schiettezza. 
  • Ripartizione dei compiti: il classico «piano delle faccende domestiche» stabilisce quando pulire, rassettare, fare la spesa, cucinare e lavare: può darsi che qualcuno si offra subito di occuparsi di una di queste incombenze. In caso contrario, si fa a turno. Oppure si estrae a sorte.
  • Eventi di gruppo: le pulizie di primavera? Un’incombenza noiosa e per di più faticosa. Perché allora non organizzare un «pulizie-party»? Musica, pizza a domicilio e, a lavoro ultimato, ricco aperitivo e relax davanti a un bel film. Tutte cose divertenti e che rafforzano lo spirito di squadra.

Comunicazione e conflitti

Per finire, la madre di tutte le questioni. È infatti qui che si decide se i membri della comunità abitativa sono destinati a vivere tutti insieme felici e contenti o a prendere strade diverse dopo qualche tempo. Ecco qualche consiglio su come gettare le basi per una comunicazione efficace e chiara:

  1. Trascorrere del tempo insieme: confrontarsi con spontaneità, organizzare serate, gite o vacanze di gruppo ecc.
  2. Sfruttare i canali di comunicazione disponibili: chat di gruppo, app o calendario per l’organizzazione della comunità abitativa, liste della spesa condivise, bacheca ecc.
  3. Annotare gli accordi presi: sempre nero su bianco – su un quaderno o in uno spazio virtuale condivisi

Non tutti i problemi sono risolvibili con una buona organizzazione: ogni comunità abitativa deve fare i conti con sfide e divergenze d’opinione. Alla fine tutto dipende dalle competenze sociali delle singole persone. Più queste sono aperte, rispettose e pronte al compromesso e più le cose andranno bene. Nessuno è però perfetto. E va bene così: anche nei contesti un po’ spinosi una comunità abitativa può rivelarsi una cosa positiva. È quel che avviene quando i conflitti vengono visti come un’opportunità di crescita personale. Questo atteggiamento positivo è il presupposto migliore perché un giorno, pensando agli anni trascorsi in una comunità abitativa, possiate dire: «È stato il periodo più bello della mia vita».

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonarsi alla newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy