Work@AXA

AXA Mapathon: collaboratori di AXA cartografano il Malawi per la CRS

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Insieme alla Croce Rossa Svizzera, collaboratori di AXA hanno cartografato 12 500 edifici e 14 000 strade nel Malawi. La Croce Rossa del paese africano ha bisogno di materiale cartografico aggiornato per poter raggiungere gli insediamenti più remoti con i suoi ambulatori mobili.

Nell’era di Google Maps ci si aspetterebbe che sulle carte geografiche compaiano anche le regioni e i villaggi più remoti. Ma così non è. Soprattutto in Africa, molte località non sono cartografate e le mappe disponibili sono spesso obsolete. L’iniziativa Humanitarian OpenStreetMap si ripropone pertanto di colmare questa lacuna. Perché a nulla valgono soccorsi e cooperazione allo sviluppo se chi ne ha bisogno non può poi beneficiarne perché vive in villaggi e insediamenti sconosciuti.

Mapathon: di che si tratta?

La mappatura ha inizio al computer: partendo da immagini satellitari, si segnano sulle mappe strade ed edifici. In molte regioni vengono oggi organizzati dei cosiddetti «mapathon», durante i quali dei volontari producono in breve tempo la maggior quantità possibile di materiale cartografico di buona qualità. Le mappe così realizzate vengono quindi controllate in loco, raffrontate con le situazioni territoriali locali e completate. In questo modo viene prodotto del materiale informativo importante per i collaboratori delle organizzazioni non governative (ONG). Ognuno dei volontari che aderiscono a queste iniziative di mappatura contribuisce in maniera significativa ad agevolare il lavoro svolto nei paesi in questione da organizzazioni non governative come, per esempio, la Croce Rossa Svizzera (CRS).

140 collaboratori di AXA impegnati nella mappatura del Malawi

Durante la settimana della sostenibilità promossa da AXA in tutto il mondo tra il 28 settembre e il 2 ottobre 2020 AXA Svizzera ha organizzato, di concerto con la CRS, otto mapathon da 2,5 ore ciascuno. Insieme, oltre 140 collaboratori hanno lavorato alla compilazione di mappe del Malawi, una delle dieci nazioni più povere del mondo. Qui più di due terzi della popolazione vivono con meno di 1,90 dollari USA al giorno in condizioni di povertà estrema. La malnutrizione dei bambini, malattie quali malaria o HIV/Aids e patologie conseguenti figurano tra i maggiori problemi sanitari del Paese. Non disponendo inoltre di riserve di sangue sufficienti per far fronte a eventuali complicazioni al momento del parto, tuttora il Malawi registra un elevato numero di decessi tra mamme e neonati.

Affinché gli ambulatori mobili possano raggiungere il maggior numero possibile di persone, abbiamo bisogno di materiale cartografico attendibile e aggiornato.

Isabelle Roos, Croce Rossa Svizzera

 

I mapathon agevolano il lavoro della CRS

Insieme alla Croce Rossa del Malawi (CRM), la Croce Rossa Svizzera contribuisce a migliorare l’assistenza medica, per esempio attraverso cliniche mobili o centri ematologici. «Affinché questi ambulatori mobili possano raggiungere il maggior numero possibile di persone, abbiamo bisogno di materiale cartografico attendibile e aggiornato» spiega Isabelle Roos, Account Manager Corporate Partnerships presso la Croce Rossa Svizzera. «Ogni mapathon è dunque direttamente utile per il nostro lavoro in Malawi» continua Isabelle Roos. «In una sola settimana i collaboratori di AXA hanno cartografato oltre 12 500 edifici e quasi 14 000 strade, superando abbondantemente l’obiettivo settimanale di 10 000 edifici» racconta entusiasta l’Account Manager. E se in apertura della settimana della sostenibilità la mappa era compilata per il 68%, al termine della stessa era già stata raggiunta quota 82%. «È stato compiuto un grande passo avanti verso l’obiettivo di una mappa completa» conclude soddisfatta Isabelle Roos.

 

Chiunque può dare una mano

I mapathon vengono organizzati da varie ONG. In collaborazione con queste ultime, privati e imprese possono promuovere eventi del genere tra i propri collaboratori o altri volontari.

 OpenStreetMap Foundation, per esempio, offre una piattaforma che consente di completare mappe dei Paesi in via di sviluppo.

 

 

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy