Trend

Gli investimenti sostenibili premiano

Immagine: AXA/Marco Vara
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Da anni AXA punta sulla sostenibilità – anche nei suoi investimenti. Nell’intervista che segue Daniel Gussmann, Chief Investment Officer di AXA Svizzera, illustra quali priorità persegue AXA e quale valenza queste assumono per le decisioni d’investimento.

Daniel Gussmann, quale importanza rivestono gli investimenti sostenibili presso AXA? 

Come assicuratori siamo direttamente interessati dagli eventi climatici e da altri rischi globali, per cui ci dedichiamo già da lungo tempo e intensamente a queste tematiche. Prodigarci per un mondo sostenibile e sano rientra nel nostro più vivo e profondo interesse. L’impegno di AXA è quindi proteso a ricoprire un ruolo pionieristico in termini di sostenibilità. Siamo convinti che, nel lungo periodo, un utilizzo più responsabile e sostenibile di tutte le risorse crei un maggior valore aggiunto per tutti i partecipanti – sia per i nostri clienti, sia per la società nel suo insieme.

La sostenibilità non è semplicemente una necessità del nostro tempo? 

È effettivamente così. Oggi un’azienda non può sottrarsi alle discussioni in materia di sostenibilità. Vi sono tuttavia differenze molto profonde nell’incisività con la quale le aziende hanno integrato questo concetto nel loro modello di business. Se si è seriamente intenzionati a fare proprio il concetto di sostenibilità, non basta limitarsi a parlarne. 

Che cosa fa concretamente AXA?

Da anni il Gruppo AXA promuove con determinazione il tema e dispone di una strategia di sostenibilità a 360 gradi. Per misurarne a ciclo continuo l’efficacia e i progressi, AXA ha messo a punto un proprio sistema di misurazione, conosciuto come AXA for Progress Index. Il sistema è vincolante per tutte le unità AXA e valuta il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità di AXA come assicuratore, investitore e azienda esemplare in generale.

Cosa significa esattamente in ordine agli investimenti di AXA? 

In tutte le nostre decisioni d’investimento confluiscono i criteri relativi ad ambiente, dimensione sociale e governance, noti come criteri ESG (Environmental, Social, Governance); inoltre investiamo selettivamente in aziende che adottano un approccio economico improntato alla sostenibilità. I criteri di sostenibilità ricoprono quindi un ruolo cruciale nel processo d’investimento. Un’attività che non è sostenibile per noi non è accettabile. Peraltro quanto detto non si applica solo ai nostri investimenti, bensì anche nel settore assicurativo. 

Quali settori operativi sono particolarmente interessati? 

Tra i criteri di esclusione rientrano, tra l’altro, aziende produttrici di tabacco, produttori di olio di palma responsabili del disboscamento di foreste pluviali, società attive nella fabbricazione o nel commercio di armi e aziende che realizzano più del 20 per cento della loro cifra d’affari con la lavorazione di sabbie e scisto bituminosi, così come tutte le aziende il cui fatturato proviene per oltre il 20 per cento dall’estrazione del carbone o dalla produzione di energia basata su combustibili fossili. 

Le aziende che hanno imboccato la via della sostenibilità sono anche quelle economicamente più virtuose

Daniel Gussmann, Chief Investment Officer

Come implementate concretamente il tutto nelle vostre decisioni d’investimento? 

Valutiamo le aziende in virtù dei nostri standard ESG chiaramente definiti e seguiamo regolarmente l’evoluzione delle società. Se un’impresa non ottempera alle nostre direttive ESG e non si intravedono miglioramenti, l’azienda in parola viene inserita nella lista di esclusione ai fini del disinvestimento. Ciò significa che non investiremo più in questa società e che ci ritireremo da determinati comparti di attività. Questi standard vengono applicati sistematicamente, escludendo in parte o del tutto determinati settori e comparti. Al momento stiamo analizzando e valutando oltre 8000 aziende, di cui circa 720 figurano nella nostra lista di esclusione.

In più AXA è impegnata in un dialogo attivo con oltre 300 multinazionali e sta cercando di accompagnare e sostenere le aziende lungo il percorso verso un futuro più sostenibile.

Non tutte le grandi aziende utilizzano queste liste di esclusione?

In numerosi punti AXA si spinge decisamente oltre rispetto ad altre società. Alcuni gestori patrimoniali hanno solo qualche decina di imprese sulla lista di esclusione, da noi sono centinaia. Questo ruolo pionieristico va accreditato tra l’altro al fatto che il governo francese ha emanato norme sulla responsabilità delle aziende sensibilmente più stringenti di quanto previsto in genere da altri paesi europei. In quest’ottica, è un vantaggio per noi che la nostra casa madre sia in Francia. E il Gruppo AXA va persino ben oltre a quanto richiesto dallo Stato francese. 

L’assunzione di un ruolo di precursore in capo ad AXA in numerosi aspetti della sostenibilità trova espressione anche in rating indipendenti, come ad esempio il ranking «MSCI ESG Research», nel quale AXA ha ottenuto un rating AAA con 10/10 punti nel segmento «Investimenti sostenibili». 

  • Teaser Image
    Climate Report del Gruppo AXA

    Il Climate Report descrive le iniziative d’investimento e assicurative di AXA nella lotta contro il cambiamento climatico e misura i progressi compiuti dal Gruppo.

    2022 Climate and Biodiversity Report

La protezione del clima è il tema di sostenibilità più importante per AXA o l’attenzione è focalizzata altrove?

La protezione del clima è senz’altro uno dei punti prioritari della nostra strategia. Già nel 2005 AXA è stato il primo assicuratore a comunicare il progressivo ritiro dall’industria carbonifera. Il nostro obiettivo è un mondo con lo zero per cento di energia basata su combustibili fossili. L’uscita completa dal carbone sarà ultimata entro il 2030 nell’area OCSE ed entro il 2040 in tutto il mondo.

In linea con l’Accordo sul clima siglato a Parigi, ci siamo inoltre prefissati l’obiettivo di limitare entro il 2050 il potenziale di riscaldamento globale dei nostri impianti al di sotto di 1,5° C. Inoltre, entro il 2030 faremo certificare il 75% dei nostri immobili con un marchio di sostenibilità riconosciuto. Allo stesso tempo vengono messi in atto ulteriori sforzi, ad esempio AXA è membro della Fondazione Svizzera per il Clima e ha già notevolmente ridotto già il suo consumo energetico, in modo da essere oggi un’azienda a impatto climatico neutro.

Va da sé che la protezione del clima non è affatto il solo tema che assorbe la nostra attenzione: ci stanno a cuore anche questioni quali giustizia sociale, salute e prevenzione, che sono parte integrante della nostra strategia di sostenibilità. 

Quali obiettivi si è posta AXA per i prossimi anni?

Oltre all’uscita graduale dall’industria carbonifera e all’implementazione coerente delle direttive ESG, entro il 2023 il Gruppo AXA allocherà complessivamente 26 miliardi di euro in investimenti sostenibili, i cosiddetti Green Investment. AXA investe inoltre nei cosiddetti «Transition Bond», una classe di attivi innovativa ideata da AXA che, tra l’altro, affianca le aziende nella transizione da modelli di business ad alta intensità di carbonio a quelli a minore intensità.

Tuttavia nessuno da solo può ovviamente risolvere i quesiti più rilevanti. Per promuovere sviluppi positivi esercitiamo anche i nostri diritti di voto alle assemblee generali e degli azionisti delle aziende in cui abbiamo investito, inoltre cerchiamo il dialogo diretto per radicare più profondamente i criteri di sostenibilità. 

Da anni prendiamo parte a varie iniziative nazionali e internazionali, come UN PRI (United Nations Principles for Responsible Investment), UN Global Compact, Net-Zero Asset Owner Alliance o Swiss Sustainable Finance, e partecipiamo attivamente allo sviluppo di servizi finanziari sostenibili. 

AXA rinuncia anche al business a favore della sostenibilità. In che misura un’azienda deve anche potersi permettere di essere sostenibile? 

Da anni osserviamo che le aziende che hanno imboccato la via della sostenibilità sono anche quelle economicamente più virtuose. In proposito si evidenzia che i fattori di sostenibilità non sono semplicemente «nice to have», bensì possono anche accrescere il successo. Desideriamo dunque incoraggiare altre aziende a incamminarsi su questa strada. A conti fatti è nell’interesse di tutti tenere i rischi sotto controllo e vivere in un mondo sostenibile e sano.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy