Trend

«Vorrei un maggior riconoscimento per il calcio femminile»

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

L’italiana di nascita Antonia Lepore, Head of Marketing Communications presso AXA, il calcio ce l’ha nel sangue e di conseguenza si è entusiasmata dei gol segnati dalla Nazionale azzurra durante gli Europei.  Ma la sua passione è più accesa quando si tratta di calcio femminile svizzero. Affinché anche le loro partite e i gol altrettanto appassionanti ricevano l’attenzione che meritano, focalizzerà l’impegno sportivo di AXA sulla prossima stagione.  

 

È ormai un anno che AXA sostiene il calcio femminile svizzero. Cos’è cambiato concretamente per questo sport? E quali sono state le ricadute per AXA?

Grazie alla collaborazione con AXA il calcio femminile ha goduto di una visibilità nettamente superiore. Inoltre, con l’ingresso della SRG SSR, per la prima volta nella storia gli incontri del campionato femminile sono stati trasmessi in televisione, determinando un generale incremento dell’attenzione mediatica. Per quanto riguarda AXA ho la sensazione che la gente capisca ancora meglio il significato di «Know You Can», la promessa del nostro marchio. I feedback sulla collaborazione, tanto internamente quanto esternamente, sono oltremodo positivi. Sono giunte risposte incoraggianti non solo da tutto il territorio svizzero, bensì anche dal Gruppo AXA. E anche se la collaborazione non iniziava esattamente sotto i migliori auspici, a causa della pandemia da coronavirus, abbiamo deciso di perseverare con passione e di sostenere il calcio femminile svizzero. Non ci siamo pentiti.

 

Quali sono per te i momenti da ricordare della stagione trascorsa?

Ce ne sono tanti. A partire dalla conferenza stampa iniziale, che ha presentato AXA come sponsor, caratterizzandone il ruolo: non un semplice logo collocato in qualche punto a bordo campo, bensì un autentico partner operativo. Un elemento fondamentale è stato certamente anche la campagna televisiva e digitale che abbiamo lanciato lo scorso anno. La collaborazione con le vere giocatrici ha garantito grande autenticità. Senza dimenticare naturalmente la finale di Coppa a giugno che, nonostante il numero di spettatori ridotto, è stata un grande successo.

Che cosa ci attende il prossimo anno? Ci puoi già rivelare qualcosa?

Naturalmente resteremo sul pezzo con impegno e passione e valorizzeremo ulteriormente il concetto «Know You Can». Per questo ci siamo prefissati il grande obiettivo di battere il record di spettatori: radunare la più grande curva di tifosi mai vista nel calcio femminile svizzero sarebbe fantastico. Con la nuova formula dei playoff, che aumenterà l’incertezza sull’esito finale, ritengo che questo obiettivo sia del tutto alla nostra portata.

 

Pensi quindi che i playoff potranno far crescere ulteriormente l’interesse per il calcio femminile?

Sì, penso che con questa novità si potrà scegliere con superiore consapevolezza quali rilievi filmati trasmettere in televisione La nuova formula è pensata come progetto pilota per i prossimi cinque anni ed è un’iniziativa pionieristica per il calcio femminile. Si tratta di una novità assoluta. Inoltre l’AXA Women’s Super League passerà da otto a dieci squadre.

 

Che cosa ti auguri per il futuro del calcio femminile? Cosa si vorrebbe ottenere ancora insieme? 

Credo che siamo solamente all’inizio del viaggio. Abbiamo già raggiunto qualche traguardo, certo, ma ci sono ancora margini di miglioramento. Il calcio femminile deve arrivare ad avere lo stesso riconoscimento di quello maschile. Quando, sperabilmente a breve, la situazione pandemica tornerà ad allentarsi, potremo certo sfruttare ancora meglio il potenziale di questa collaborazione. La promessa del nostro marchio «Know You Can» sarà naturalmente la linea guida anche per il prossimo anno. Da questo punto di vista siamo lieti di continuare a collaborare con l’ASF e di poter perseguire attivamente una visione condivisa.

"Naturalmente resteremo sul pezzo con impegno e passione e valorizzeremo ulteriormente il concetto «Know You Can»": Antonia Lepore, Head of Marketing Communications di AXA.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy