Altersvorsorge

Foto: Getty Images

Previdenza per la vecchiaia spesso trascurata durante la ricerca di un posto di lavoro

24 ottobre 2022

Quando sono alla ricerca di un posto di lavoro, raramente i giovani adulti attribuiscono molta importanza ai temi legati alla previdenza. Lo dimostra un sondaggio rappresentativo svolto da AXA Investment Managers. Ma proprio i giovani farebbero bene a chinarsi per tempo sulla questione previdenza per la vecchiaia e a concentrarsi, quando cercano un impiego, non solo sul salario ma anche sulle prestazioni di cassa pensione. 

Per assicurarsi l’indipendenza finanziaria nella vecchiaia è molto importante il 2° pilastro, ossia la cassa pensione, perché è con essa che verrà finanziata una parte preponderante della futura rendita per la vecchiaia. A seconda della cassa pensione si avranno migliori o peggiori prospettive per un pensionamento senza pensieri. In Svizzera finora non esiste la libera scelta della cassa pensione: in qualità di dipendenti si è automaticamente assicurati presso la cassa di previdenza del datore di lavoro. Ciononostante, molte persone nel nostro Paese riservano scarsa attenzione alle prestazioni di cassa pensione del futuro datore di lavoro quando cercano un impiego.   

Meno della metà si informa sulle prestazioni di cassa pensione

Come dimostrato da un sondaggio rappresentativo di AXA Investment Managers (AXA IM) a cui hanno partecipato 949 lavoratrici e lavoratori svizzeri, il principale criterio per la scelta di un datore di lavoro sono mansioni di lavoro interessanti, seguito da colleghe e colleghi di lavoro simpatici e salario elevato. Si sono dimostrati rilevanti anche la cultura aziendale, l’immagine del datore di lavoro e il tragitto casa-lavoro. 

Nel sondaggio di AXA IM, le prestazioni della cassa pensione occupano il 7° posto su dodici criteri decisionali importanti.

Circa il 40 per cento degli interpellati ha dichiarato di informarsi esplicitamente sulle prestazioni della cassa pensione durante i colloqui di presentazione. A chiedere informazioni sono più frequentemente gli uomini, le persone in età più avanzata e quelle con maggiore potere di acquisto, mentre le donne, i giovani e le persone con minor potere d’acquisto lo fanno meno spesso.

«Durante le trattative salariali con un potenziale datore di lavoro è consigliabile tenere conto non solo del salario, ma anche dei contributi e delle prestazioni della cassa pensione, che possono essere praticamente considerati parte della remunerazione complessiva e che influiscono in modo determinante sull’ammontare della futura rendita di vecchiaia» afferma Daniela Bräm, specialista di casse pensione presso AXA Svizzera.

Differenze considerevoli a seconda della soluzione di cassa pensione 

Mentre molte aziende contribuiscono all’avere di vecchiaia solo con la quota prescritta dalla legge del 50 per cento, altre pagano volontariamente un importo più elevato. In questo modo i dipendenti, oltre a beneficiare di uno sgravio finanziario, riescono a incrementare l’avere di vecchiaia accumulato durante la loro vita professionale.  

Alcuni datori di lavoro offrono al proprio personale la facoltà di scegliere tra più opzioni di piano di risparmio per la cassa pensione. Le persone assicurate possono così decidere autonomamente se versare l’importo minimo previsto per il 2° pilastro o se pagare volontariamente un importo maggiore.

Diverse casse pensione prevedono la possibilità di risparmiare, oltre che nel regime obbligatorio, anche nel regime sovraobbligatorio. Anche questa opzione può fare una differenza sostanziale per la futura prestazione di vecchiaia. Nel regime obbligatorio sono assicurati al massimo circa 86 000 franchi del salario annuo – l’importo restante rientra nel regime sovraobbligatorio, sempre che la cassa pensione lo contempli. 

Soprattutto per le collaboratrici e i collaboratori a tempo parziale riveste inoltre particolare importanza l’ammontare della deduzione di coordinamento della cassa pensione. La legge prevede che circa 25 000 franchi del salario siano assicurati tramite il 1° pilastro. Questo importo viene pertanto detratto dal 2° pilastro come deduzione di coordinamento causando una riduzione sproporzionata del salario assicurato e lacune previdenziali, in particolare per dipendenti con salari e gradi di occupazione bassi. I datori di lavoro e la commissione di previdenza competente possono tuttavia definire volontariamente una deduzione di coordinamento ridotta o tenere in debita considerazione gradi di occupazione parziale, permettendo così di incrementare in modo tangibile il salario assicurato e accumulare un avere di vecchiaia maggiore.

«A seconda di quanto si lavora, di quanto si guadagna e di come si presenta nel complesso la situazione personale, si devono considerare diversi aspetti. In ogni caso vale la pena chinarsi sulla questione della previdenza per la vecchiaia già in giovane età», sostiene Daniela Bräm. 

In merito al sondaggio

Il sondaggio rappresentativo online si è svolto su incarico di AXA IM tra il 17 maggio e il 1° giugno 2022 e ha visto la partecipazione 1200 persone di età minima di 18 anni provenienti da tutte le regioni della Svizzera.

Su AXA

Circa due milioni di clienti in Svizzera confidano nel know-how di AXA per quanto riguarda le assicurazioni di persone, cose, responsabilità civile, protezione giudica e sulla vita come pure per la prevenzione e promozione della salute e per la previdenza professionale. Grazie a prodotti e servizi innovativi negli ambiti mobilità, salute, previdenza e imprenditoria nonché a semplici processi digitali, AXA è al fianco dei suoi clienti come partner e con la sua promessa di marchio «Know You Can» li incoraggia a credere in se stessi anche in situazioni difficili. È questo l’obiettivo a cui lavorano quotidianamente i circa 4500 collaboratori e i 3000 colleghi della Vendita. Con oltre 340 succursali, AXA dispone della rete di distribuzione più ampia e capillare del settore assicurativo in Svizzera. AXA Svizzera fa parte del Gruppo AXA e nel 2021 ha conseguito un volume d’affari pari a CHF 5,5 miliardi.

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonarsi alla newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy