Work@AXA

La flessibilità rende possibili diversi scenari

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Patricia Kolly, originaria della Svizzera occidentale, ha maturato un’esperienza pluriennale nel Servizio esterno AXA: opera infatti da oltre 12 anni come consulente alla clientela e ama il suo lavoro. «Al momento mi sto preparando per l’attestato professionale federale di perito in assicurazione», spiega. Il suo esempio di madre single dimostra che una situazione lavorativa non deve necessariamente essere sconvolta da una condizione familiare che cambia. Patricia è impiegata al 100% dal 2006 – solo la sua postazione di lavoro cambia di tanto in tanto. Grazie allo Smart Working può lavorare in modo flessibile dove vuole. Essendo madre, questa flessibilità le offre la preziosa opportunità di trascorrere più tempo con il figlio, che oggi ha otto anni.

Imparare a suddividere con flessibilità l’orario lavorativo

Da quando Patricia è diventata madre, lavora in modo flessibile, in singoli giorni in remoto da casa: «A casa devo suddividere le mie ore di lavoro in po’ diversamente. Comincio molto presto la mattina. Spesso la sera smaltisco quello che si è andato accumulando durante il giorno, ad esempio redigo le offerte per i clienti o rispondo alle e-mail ricevute». Durante la giornata è reperibile per i suoi clienti, il datore di lavoro o i colleghi attraverso tutti i canali di comunicazione, anche tramite Teams.

  • Teaser Image
    Ritratto: Patricia Kolly

    Lavora dal 2006 come consulente assicurativa nell’agenzia generale di Losanna. Grazie al modello Smart Working di AXA, talvolta la sua postazione di lavoro è anche a casa, il che le consente di dedicare del tempo a suo figlio nonostante la sua occupazione al 100%.

Più autodisciplina nell’home office

Lo Smart Working però non cambia nulla al fatto che Patricia deve essere opportunamente organizzata e disciplinata. Dopo la scuola entrano regolarmente in azione i nonni; e anche il padre del bambino è coinvolto nell’accudimento. Anche per questo ad esempio la sua giornata di home office non ha una struttura fissa: «Devo concentrarmi anche sul mio impiego nel Servizio esterno ed essere in grado di reagire agli imprevisti».

Durante le giornate in cui lavora presso l'agenzia generale di Losanna, spesso Patricia si reca in visita ai clienti. «Quando sono in ufficio gestisco le proposte in sospeso. Quindi sfrutto l’occasione per affrontare le pratiche un po’ più complesse». E com’è lavorare per il Servizio esterno, in cui i clienti si aspettano di imbattersi sostanzialmente solo in consulenti assicurativi uomini? In determinati settori si avverte questa perplessità, ad esempio quando si devono affrontare trattative concrete. «In questi casi il cliente si aspetta effettivamente di vedere all’opera un collaboratore uomo», dichiara sorridendo Patricia. Ma tutto sta cambiando e ci sono sempre più donne che esercitano questa professione. Anche perché oggi lavoro e famiglia vengono considerate in maniera più unitaria ed esistono possibilità che un tempo erano impensabili.

 

Il mio posto di lavoro flessibile

Ho un impiego al 100% e lavoro almeno una volta alla settimana in modalità home office. Grazie a questo orario flessibile posso prendermi del tempo per mio figlio quando è necessario. Per me, in quanto genitore single, è un vantaggio.

Occorre molta disciplina nella gestione dei tempi e un chiaro ordine delle priorità. Questa flessibilità mi consente di gestire al meglio sia i miei clienti sia la mia famiglia. Senza Smart Working sarebbe complicato organizzare il quotidiano con mio figlio. Grazie a questo modello di lavoro riesco a destreggiarmi tra vita lavorativa e vita privata. E non solo: invece di rimanere bloccata nel traffico senza poter fare nulla, approfitto di queste ore per lavorare!

Il valore aggiunto per l’azienda

Opero come consulente assicurativa sin dal 2006. Anche adesso, come madre di un figlio in età scolare, posso continuare a impegnarmi al 100% e ad apportare le mie competenze. Naturalmente occorre anche fiducia dal proprio datore di lavoro. La flessibilità nel quotidiano lavorativo richiede maggiore autodisciplina, ma ha anche dei lati molto positivi.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy