3° pilastro: i giovani puntano sul risparmio in titoli sostenibile

19.07.2022

  • Secondo il nuovo studio sulla previdenza di AXA i giovani svizzeri continuano a trascurare la previdenza privata. 
  • Oltre la metà delle persone sotto i 30 anni non ha ancora un terzo pilastro e nella maggior parte dei casi ciò non è dovuto alla mancanza di mezzi finanziari, bensì all’impressione che sia ancora troppo presto. 
  • Tra coloro che hanno deciso di investire nel pilastro 3a molti prediligono soluzioni in titoli sostenibili.

Oltre la metà degli under 30 non ha ancora un terzo pilastro: è questa la conclusione a cui è giunto lo studio sulla previdenza* di AXA Svizzera, svolto quest'anno per la terza volta consecutiva. Secondo i risultati, inoltre, lo scarso interesse mostrato dai giovani in questo ambito non è dovuto esclusivamente alle loro possibilità economiche. Anzi, il 66 per cento ritiene che sia troppo presto per pensare alla previdenza privata. «Quando si parla di previdenza per la vecchiaia non è mai troppo presto per iniziare a risparmiare», fa notare Shelley Niederhauser, consulente previdenziale e finanziaria dell’agenzia generale Previdenza & Patrimonio di Burgdorf. «È importante capire cosa si può investire a lungo termine nella previdenza già alla fine del tirocinio professionale o una volta conclusi gli studi.» Infatti, anche se da giovani non ci si pensa ancora, un pilastro 3a può anche aiutare a finanziare l’acquisto di una casa o essere utilizzato per fondare una ditta propria.

Il risparmio in titoli è più diffuso tra i giovani che tra le persone d'età superiore ai 30 anni

Il 57 per cento degli under 30 opta per una soluzione in titoli, cifra che scende al 38 per cento quando si tratta di persone più in là con gli anni, che investono molto più spesso in pilastri 3a classici (62%). In generale i risparmi in titoli sono più diffusi tra i giovani che tra gli over 30; infatti i primi hanno già avuto contatto almeno una volta con questo tipo di investimento (40%) anche se non sono ancora titolari di una soluzione in titoli. «Vista l’attuale situazione economica, a lungo termine le classiche soluzioni di risparmio rappresentano una perdita. Le soluzioni d’investimento a basso rischio permettono almeno di contrastare l’effetto dell’inflazione», afferma Kristian Kanthak, responsabile Previdenza privata presso AXA. Egli consiglia quindi proprio ai giovani con un orizzonte di risparmio a lungo termine di scegliere in ogni caso una soluzione in titoli.

I giovani prediligono le soluzioni in titoli sostenibili

Dallo studio è inoltre emerso che nell’ambito delle soluzioni in titoli in generale gli under 30 ritengono importante investire il loro capitale previdenziale in prodotti finanziari sostenibili (58%). Come già rilevato negli anni precedenti, le loro soluzioni in titoli sostenibili non devono prevedere investimenti che danneggino l’ambiente e nuocciano al clima (83%). Oltretutto, per i giovani sotto i 30 anni gli investimenti sostenibili sono parte integrante di una strategia d’investimento al passo con i tempi (83%). Tuttavia, se questo tipo di allocazione ha una ripercussione troppo negativa sul portafoglio, anche i giovani perdono l’interesse: oltre la metà delle persone appartenenti a questo gruppo d’età che desiderano investire in modo sostenibile sarebbe pronta a rinunciare se il rendimento non fosse soddisfacente.

Gli offerenti affermati vincono sulle soluzioni interamente digitali

Un ulteriore aspetto considerato dallo studio sulla previdenza di AXA di quest’anno è la predilezione a stipulare le proprie soluzioni previdenziali in forma digitale, tendenza particolarmente marcata presso gli under 30: oltre la metà di loro sarebbe aperta a una stipulazione online. Per gli over 50 questa percentuale si riduce a un terzo. Gli under 30 preferiscono però comunque stipulare online prodotti previdenziali di offerenti assicurativi e bancari affermati (48%) rispetto a prodotti di nuovi offerenti puramente digitali (20%).

 

*Cos’è lo studio sulla previdenza di AXA: A inizio 2022 AXA Svizzera ha condotto la terza edizione consecutiva del suo studio sulla previdenza, interpellando tra l’11 e il 18 marzo 2022 un totale di 1014 persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni della Svizzera tedesca e della Svizzera romanda. Lo studio era costituito da un sondaggio online accessibile tramite l’Online Access Panel di intervista.

Ulteriori informazioni

  • Il nostro responsabile Previdenza privata Kristian Kanthak è a disposizione per interviste o colloqui. È possibile rivolgersi a noi anche in caso di domande sulla previdenza per Shelly Niederhauser, consulente previdenziale e finanziaria dell’agenzia generale Previdenza & Patrimonio di Burgdorf.
  • Per maggiori informazioni e curiosità sul tema degli investimenti sostenibili e sul loro ruolo presso AXA, invitiamo a consultare il nostro blog: Gli investimenti sostenibili premiano.

Su AXA

Circa due milioni di clienti in Svizzera confidano nel know-how di AXA per quanto riguarda le assicurazioni di persone, cose, responsabilità civile, protezione giudica e sulla vita come pure per la prevenzione e promozione della salute e per la previdenza professionale. Grazie a prodotti e servizi innovativi negli ambiti mobilità, salute, previdenza e imprenditoria nonché a semplici processi digitali, AXA è al fianco dei suoi clienti come partner e con la sua promessa di marchio «Know You Can» li incoraggia a credere in se stessi anche in situazioni difficili. È questo l’obiettivo a cui lavorano quotidianamente i circa 4500 collaboratori e i 3000 colleghi della Vendita. Con oltre 340 succursali, AXA dispone della rete di distribuzione più ampia e capillare del settore assicurativo in Svizzera. AXA Svizzera fa parte del Gruppo AXA e nel 2021 ha conseguito un volume d’affari pari a CHF 5,5 miliardi.

AXA e lei

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy