Wald

Maggiore propensione per investimenti in energia nucleare, petrolio e gas e rifiuto sempre categorico di lavoro minorile e armi

Stando a un sondaggio condotto da AXA su un campione rappresentativo della popolazione svizzera, nell’ultimo anno l’interesse per l’investimento sostenibile dei fondi previdenziali è leggermente diminuito. Gran parte degli intervistati ha inoltre una fiducia limitata nell’effettiva sostenibilità di tali prodotti. Si registra un’avversione crescente per tabacco e alcol e un lieve aumento della propensione nei confronti di energia nucleare, petrolio e gas. 

Nel 2021 in Svizzera le persone interessate a un investimento sostenibile dei propri averi di previdenza erano circa due terzi (66%), contro poco più della metà (54%) del 2022. È quanto emerge da un sondaggio condotto da AXA Svizzera su un campione rappresentativo della popolazione elvetica composto da oltre 1000 abitanti della Svizzera tedesca e della Svizzera romanda. 

«Uno dei motivi di tale diminuzione va ricercato nel fatto che, in seguito all’invasione russa dell'Ucraina, in linea di massima il tema della sostenibilità è passato in secondo piano», afferma Daniel Gussmann, Chief Investment Officer di AXA Svizzera. 

Tuttavia, l’interesse per questa tipologia di investimenti continua a essere notevole nella fascia di età compresa tra i 18 e i 29 anni nonché nelle persone con un livello di istruzione elevato. 

Gli intervistati che mostrano una predilezione per gli investimenti sostenibili hanno a cuore soprattutto la gestione parsimoniosa delle risorse naturali, l’impiego delle energie rinnovabili, la salvaguardia della biodiversità e la tutela della natura, l’agricoltura sostenibile e la protezione del clima.

Rifiuto categorico di lavoro minorile e armi

Come lo scorso anno, gli interpellati si mostrano particolarmente critici verso gli investimenti legati allo sfruttamento del lavoro minorile o alla fabbricazione di armi messe al bando. Simili investimenti vengono rifiutati fermamente da oltre l’80 per cento, seguiti da quelli in aziende o paesi che violano i diritti umani e che operano nel campo della pornografia, dell’olio di palma e dell’estrazione del carbone.

Rispetto al 2021, si registra un atteggiamento più critico nei confronti di investimenti in produttori di tabacco e alcol e un lieve aumento della propensione per gli investimenti in energia nucleare, petrolio e gas.

«A causa della guerra in Ucraina i paesi occidentali sono alla ricerca di alternative al petrolio e al gas russo, il che contribuisce a spiegare l’atteggiamento più favorevole della popolazione svizzera, rispetto allo scorso anno, nei confronti degli investimenti nell’energia nucleare e in altri produttori di petrolio e gas», sostiene Daniel Gussmann. 

Fiducia limitata nei prodotti sostenibili 

La maggior parte degli intervistati ritiene che la responsabilità degli investimenti sostenibili sia condivisa da Stato, istituti finanziari e investitori (40%), mentre il resto degli interpellati la attribuisce innanzitutto agli istituti finanziari (22%) o agli investitori (20%) e solo una minoranza (10%) la assegna in via prioritaria alla Confederazione. 

Nel complesso la popolazione mostra una fiducia limitata nell’effettiva sostenibilità di tali investimenti: solo il 15 per cento piuttosto grande, il 25 per cento scarsa o nulla e il restante 60 per cento limitata.

Scarsa capacità di valutare le casse pensione 

Anche la sostenibilità delle casse pensione svizzere viene considerata mediocre. Quasi nessuno le ritiene davvero sostenibili (0,4%), il 4 per cento sostenibili e il 16 per cento abbastanza sostenibili. Molti non si sentono però assolutamente in grado di esprimere un giudizio in merito (26%).

Daniel Gussmann: «I provider di servizi finanziari e le casse pensione sono tenuti ad adottare strategie capaci di soddisfare le aspettative dei clienti in materia di sostenibilità e a garantire una maggiore trasparenza nell’attuazione pratica dei relativi criteri all’atto dell’investimento». 

Sondaggio

Su incarico di AXA Svizzera, tra l’11 e il 18 marzo 2022 è stato condotto un sondaggio online su un campione rappresentativo di 1014 persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni della Svizzera tedesca e della Svizzera romanda.

Su AXA

Circa due milioni di clienti in Svizzera confidano nel know-how di AXA per quanto riguarda le assicurazioni di persone, cose, responsabilità civile, protezione giudica e sulla vita come pure per la prevenzione e promozione della salute e per la previdenza professionale. Grazie a prodotti e servizi innovativi negli ambiti mobilità, salute, previdenza e imprenditoria nonché a semplici processi digitali, AXA è al fianco dei suoi clienti come partner e con la sua promessa di marchio «Know You Can» li incoraggia a credere in se stessi anche in situazioni difficili. È questo l’obiettivo a cui lavorano quotidianamente i circa 4500 collaboratori e i 3000 colleghi della Vendita. Con oltre 340 succursali, AXA dispone della rete di distribuzione più ampia e capillare del settore assicurativo in Svizzera. AXA Svizzera fa parte del Gruppo AXA e nel 2021 ha conseguito un volume d’affari pari a CHF 5,5 miliardi.

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonarsi alla newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy