AXA Schweiz Hauptsitz Winterthur

Risultato d’esercizio 2020: flessione degli utili a causa della crisi del coronavirus, forte crescita degli affari LPP

25.02.2021
  • Nell’esercizio 2020 l’utile netto di AXA Svizzera si è ridotto del 33,4 per cento a 547 milioni di franchi a causa della crisi del coronavirus.
  • Oneri per sinistri più elevati nelle assicurazioni epidemie, protezione giuridica e viaggi hanno comportato un aumento del tasso sinistri / tasso costi al 92 per cento (+4,9 punti percentuali).
  • Il volume d’affari è aumentato dell’1,0 per cento a 5,7 miliardi di franchi, sostenuto da una forte crescita nella previdenza professionale (+6,6%) e nelle assicurazioni danni per il segmento della clientela commerciale (+3,4%).
  • Dopo la trasformazione perfezionata con successo della previdenza professionale, i nuovi affari in questo ambito hanno messo a segno una crescita record del 163,8 per cento.
  • La gestione patrimoniale per clienti terzi ha fatto registrare un progresso del 9,3 per cento a 33,2 miliardi di franchi, conseguendo performance d’investimento per i clienti fino al 6,5 per cento.

Fabrizio Petrillo, CEO di AXA Svizzera

«Il risultato di AXA Svizzera ha accusato il contraccolpo della crisi del coronavirus, che nel 2020 ha comportato un elevato numero di sinistri. La sola assicurazione viaggi ha coperto nel corso dell’anno i costi per le vacanze interrotte o saltate o per il rimpatrio di ben oltre 30 000 famiglie svizzere. Nonostante la temporanea contrazione degli utili, AXA Svizzera si riconferma un’azienda dalle solide fondamenta e in crescita, come appare evidente tra l’altro dall’andamento dei premi nel segmento fortemente competitivo della clientela commerciale e dal livello record dei nuovi affari LPP».

Il forte aumento degli oneri per sinistri e il risultato d’investimento più contenuto a seguito della crisi del coronavirus si sono tradotti nell’esercizio 2020 in una flessione dell’utile netto di 274 milioni a 547 milioni di franchi (-33,4%). Rispetto all’anno precedente i premi lordi hanno invece evidenziato un progresso dell’1,0 per cento a 5,7 miliardi di franchi.

Forte crescita nel segmento PMI, elevati oneri per sinistri a causa della pandemia da coronavirus

Il volume d’affari nelle assicurazioni danni è aumentato dell’1,4 per cento a 3,6 miliardi di franchi. Mentre la raccolta premi nelle attività con i clienti privati si è ridotta leggermente dello 0,3 per cento a 1,9 miliardi di franchi a causa della forte contrazione delle nuove immatricolazioni nell’assicurazione di veicoli a motore, le attività con i clienti commerciali hanno fatto segnare un andamento molto soddisfacente, con una crescita del 3,4 per cento a 1,8 miliardi di franchi.
Il tasso sinistri / tasso costi è aumentato di 4,9 punti percentuali a causa della crisi del coronavirus, attestandosi al 92 per cento. Oneri aggiuntivi si sono registrati soprattutto nelle assicurazioni viaggi, protezione giuridica ed epidemie.

Lo scorso anno l’assicurazione viaggi «Intertours» si è fatta carico per oltre 30 000 famiglie svizzere delle spese per viaggi che, a causa della pandemia da coronavirus, non hanno potuto essere intrapresi o proseguiti.

Rispetto all’anno precedente l’assicurazione di protezione giuridica di AXA-ARAG ha fornito una consulenza legale a quasi il 20 per cento in più di clienti, aumento anche questo riconducibile all’emergenza coronavirus con le sue numerose e controverse questioni di carattere giuridico. 

Nell’assicurazione epidemie, nonostante la clausola di esclusione della pandemia, AXA è venuta incontro alle PMI colpite dal lockdown con soluzioni conciliative pragmatiche, al fine di evitare annose controversie giuridiche alla luce della difficile situazione economica in cui si trovavano. Oltre il 95 per cento delle imprese assicurate ha effettivamente usufruito di questa offerta.

Con le esenzioni dei canoni di locazione e le riduzioni degli stessi per gli spazi chiusi per disposizione delle autorità nei suoi immobili commerciali, AXA ha inoltre attuato per tempo di propria iniziativa almeno le regolamentazioni originariamente predisposte dalla Confederazione, consentendo ai locatari coinvolti di avere rapidamente una sicurezza concreta per le proprie attività di pianificazione. Ad esempio, durante il lockdown i lavoratori indipendenti e le piccole aziende sono stati esonerati integralmente dal pagamento dei canoni di locazione fino a 5000 franchi al mese.

Dominique Kasper, responsabile Assicurazioni danni AXA Svizzera

«La pandemia da coronavirus ha comportato un fortissimo incremento delle notifiche di sinistri e di altre richieste dei clienti nell’assicurazione viaggi, ma anche in numerosi altri rami assicurativi. Nonostante l’elevata complessità dovuta alla situazione in continuo divenire, assieme alle nostre oltre 340 agenzie siamo riusciti ad assistere i nostri clienti in modo semplice e rapido. L’andamento degli affari nelle assicurazioni danni ha evidenziato un’evoluzione molto positiva soprattutto nel segmento della clientela commerciale».

Elevata remunerazione negli affari LPP

Le attività nella previdenza professionale hanno fatto registrare un andamento estremamente soddisfacente anche nel secondo anno successivo alla trasformazione nel modello semiautonomo. Rispetto all’esercizio precedente il volume dei premi è cresciuto del 6,6 per cento, passando da 997 milioni a 1062 milioni di franchi. I nuovi affari (APE) hanno registrato un incremento di 430 milioni di franchi a 692 milioni di franchi (+163,8%). Nell’esercizio 2020 le nuove fondazioni collettive semiautonome di AXA hanno potuto versare agli assicurati complessivamente 406 milioni di franchi in più rispetto a quanto sarebbe stato possibile con un’assicurazione completa. Grazie a una gestione patrimoniale oculata e a una struttura di età favorevole, le fondazioni semiautonome di AXA hanno raggiunto un grado di copertura di mediamente circa il 110 per cento a remunerazione avvenuta. 

Nella previdenza privata è stata registrata una contrazione sia per il volume di premi (-6,1%), sia per i nuovi affari (APE, -13,9%), per effetto dei premi unici ancora in calo a seguito del perdurare dello scenario di bassi tassi d’interesse. L’innovativo prodotto previdenziale SmartFlex ha invece ottenuto ottimi riscontri, contribuendo a partire dal lancio nel novembre 2019 a oltre l’80 per cento dei nuovi affari complessivi. SmartFlex consente ai clienti di definire individualmente il punto di equilibrio tra investimento azionario e protezione garantita, con la possibilità di adeguare tale rapporto in qualsiasi momento e in modo gratuito. I fondi azionari lanciati a tale scopo hanno conseguito lo scorso anno un rendimento medio del 9,5 per cento.

Anche i prodotti di Prevenzione e promozione salute, lanciati a luglio 2017, hanno fatto registrare una forte domanda. Mentre la raccolta premi è cresciuta dell’84,1 per cento a 32,8 milioni di franchi rispetto all’esercizio precedente, la platea degli assicurati è salita a oltre 75 000 clienti.

Thomas Gerber, responsabile Previdenza AXA Svizzera

«Le nostre nuove soluzioni previdenziali semiautonome convincono non soltanto negli anni di borsa propizi, come ad esempio il 2019, ma anche in frangenti di volatilità più pronunciata dei mercati come quelli che stiamo vivendo. Questi risultati sono la riprova che le soluzioni semiautonome sono più vantaggiose, eque e flessibili in qualsiasi contesto e, grazie a una solida dotazione finanziaria, offrono un elevato grado di sicurezza anche nei periodi di maggiore turbolenza. Grazie a pietre miliari come il passaggio al modello semiautonomo nella previdenza professionale, il piano di previdenza individuale e flessibile nella previdenza privata e la creazione coronata da successo del settore Prevenzione e promozione salute, negli scorsi anni abbiamo posto le basi strategiche per un modello operativo sostenibile e all’avanguardia nel campo della previdenza».

AXA Svizzera come gestore patrimoniale di successo per clienti terzi 

Nell’Asset Management è stato possibile accrescere il volume dei patrimoni amministrati per conto di clienti terzi di 3 miliardi a 33,2 miliardi di franchi (+9,3%). Grazie a una strategia d’investimento equilibrata e a una buona gestione di portafoglio, lo scorso anno l’Asset Management ha potuto conseguire per i propri clienti rendimenti fino al 6,5 per cento nonostante le forti oscillazioni delle borse.

Daniel Gussmann, Chief Investment Officer di AXA Svizzera

«Come assicuratore e gestore patrimoniale AXA dispone di un know-how pluriennale che anche in periodi difficili le consente di investire le somme relative a premi e averi di previdenza in modo sicuro, ma allo stesso tempo redditizio. Al fine di conseguire rendimenti solidi in una prospettiva di lungo periodo, adottiamo un approccio d’investimento consapevole dei rischi, in base al principio best in class e secondo rigorosi criteri di sostenibilità».

La sostenibilità riveste un ruolo chiave nel processo d’investimento di AXA. Il successo di questa strategia trova riscontro tra l’altro nel Dow Jones Sustainability Index (DJSI), l’indice che valuta le maggiori aziende a livello mondiale sotto il profilo della sostenibilità. Per il 2020 AXA ha conseguito 88 punti sui 100 possibili, con una crescita di 5 punti rispetto all’anno precedente. AXA ha potuto così migliorare il proprio ranking nel settore assicurativo dal 3° posto del 2019 al 2° posto nel 2020 su un totale di 129 compagnie di assicurazione a livello mondiale.

Cifre salienti di AXA Svizzera

1) Per raffigurare su base comparabile i premi lordi prima e dopo la trasformazione delle attività nella previdenza professionale le cifre relative al FY 2019 sono state ridotte di CHF 1153 milioni (aggiunta fatta il 15.3.2021); 2) utile netto meno il risultato da investimenti di capitale generato dalle partecipazioni

Su AXA

Circa due milioni di clienti in Svizzera confidano nel know-how di AXA per quanto riguarda le assicurazioni di persone, cose, responsabilità civile, protezione giudica e sulla vita come pure per la prevenzione e promozione della salute e per la previdenza professionale. Grazie a prodotti e servizi innovativi negli ambiti mobilità, salute, previdenza e imprenditoria nonché a semplici processi digitali, AXA è al fianco dei suoi clienti come partner e con la sua promessa di marchio «Know You Can» li incoraggia a credere in se stessi anche in situazioni difficili. È questo l’obiettivo a cui lavorano quotidianamente i circa 4500 collaboratori e i 3000 colleghi della Vendita. Con oltre 340 succursali, AXA dispone della rete di distribuzione più ampia e capillare del settore assicurativo in Svizzera. AXA Svizzera fa parte del Gruppo AXA e nel 2020 ha conseguito un volume d’affari pari a CHF 5,7 miliardi.

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Login Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter myAXA FAQ

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati / Cookie Policy © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

I cookie e tool di analisi che utilizziamo ci permettono di migliorare la vostra fruizione del sito, personalizzare la pubblicità di AXA e dei suoi partner pubblicitari e mettere a disposizione funzioni social media. Purtroppo con Internet Explorer 11 non è possibile modificare le impostazioni cookie dal nostro Centro preferenze cookie. Se desiderate modificare tali impostazioni vi preghiamo di usare un browser aggiornato. Utilizzando il nostro sito Internet con questo browser acconsentite all’utilizzo di cookie. Protezione dei dati / Cookie Policy