Management e finanze

Come conciliare famiglia e lavoro durante le vacanze estive

Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

Le temperature salgono. Il lago attira i bagnanti. Gli esami sono passati. La pausa di cinque settimane concessa agli scolari pone sfide notevoli ai genitori che lavorano da casa. Questi cinque consigli aiutano a gestire la situazione.

Non c’è dubbio, l’home-office garantisce più tranquillità, flessibilità e libertà di un ufficio open space. D’altro canto le distrazioni provocate dagli altri membri della famiglia possono annullare questi vantaggi. Una comunicazione chiara e accordi preliminari all’interno della famiglia sono presupposti essenziali per lavorare da casa senza discussioni. Ciò vale soprattutto durante le vacanze estive, quando i figli trascorrono la giornata giocando in casa. Ecco cinque consigli per un’estate senza problemi.

Consiglio 1: porre regole chiare

Anche il figlio appassionato di calcio deve rendersi conto che voi durante le vacanze continuate a lavorare e non vi trasformate improvvisamente in un allenatore. Questo fatto deve essere comunicato in anticipo in modo pacato ma chiaro. Una stanza adibita a ufficio con una porta delimita anche simbolicamente il confine fra vita familiare e lavoro.

Consiglio 2: strutturate le vostre giornate

Sono necessarie delle delimitazioni non solo spaziali ma anche temporali. Organizzate il vostro tempo in modo che possiate di volta in volta dedicarvi completamente o al lavoro o alla famiglia. Una separazione fra professione e privato netta e chiara aiuta le parti coinvolte a capire i confini e a rispettarli. Ma attenzione: nel tener conto di tutto e di tutti badate di non dimenticare voi stessi. Visto che siete impegnati su due fronti, avete bisogno anche di momenti per voi stessi, ad es. per fare un sonnellino o una passeggiata.

Consiglio 3: organizzate delle attività fuori casa

I bambini non sono macchine programmabili e non sempre rispettano le regole. Per questo è d’aiuto se sono occupati più a lungo possibile fuori casa, e questo nell’interesse di entrambi. Spesso i bambini trascorrono più volentieri il loro tempo con coetanei che con genitori scontenti. Parchi avventura, vacanze di tennis, corsi di pittura o circo – ci sono organizzazioni per ogni tipo di attività. 

Consiglio 4: parlatene con altri genitori

Vi renderete conto che gli altri genitori sono nella stessa situazione. Incontratevi con  vicini e conoscenti , raccogliete idee e proposte, assegnatevi reciprocamente compiti e anche le risorse necessarie. Affidate i vostri figli alla custodia di vicini fidati, per lavorare con meno preoccupazioni e in modo più efficiente.

Consiglio 5: cercatevi un secondo ufficio

Indipendentemente dalle vacanze estive, cambiare ambiente fa sempre bene e dà nuova ispirazione. Cercatevi per tempo un ufficio alternativo da utilizzare quando ne avete voglia. Che sia un caffè, uno spazio co-working o una biblioteca – in Svizzera i posti di lavoro flessibili sono sempre più richiesti.

In conclusione

Comunque trascorriate le settimane estive, pianificazione tempestiva, comunicazione e flessibilità sono l’essenziale per l’organizzazione del lavoro e delle vacanze. Molte cose possono essere sistemate in anticipo, per molte altre servono decisioni rapide, accortezza e apertura per il nuovo.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati