Work@AXA

La sede principale di AXA è una della prime «Aree 2000 watt in trasformazione»

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

La sede principale di AXA a Winterthur, con i suoi cinque edifici costruiti su una superficie complessiva di 32’000 metri quadrati, ottiene da SvizzeraEnergia la certificazione «Aree 2000 watt in trasformazione». 

Le aree 2000 watt, come ad esempio il Freilager di Zurigo, soddisfano i requisiti previsti dalla Società a 2000 watt (vedi riquadro) e hanno pertanto ottenuto la corrispondente certificazione da parte di SvizzeraEnergia. Per la prima volta ora la certificazione è stata assegnata a delle aree che perseguono questo obiettivo e che sono in grado di comprovare il loro impegno in tal senso. All’inizio di maggio anche ad AXA è stata conferita la certificazione «Area 2000 watt in trasformazione» per la sua sede principale a Winterthur.

I cinque edifici (di cui uno è il ristorante per il personale), che si estendono su una superficie di 32'000 metri quadrati, sono stati costruiti fra il 1931 e il 1965 e in parte sono considerati monumenti storici. Nel 2011 AXA con la sua sede principale ha avviato le procedure che le consentiranno di essere definitivamente annoverata fra le Aree 200 watt. All’epoca è stato risanato l’edificio della General-Guisan-Strasse; ora è la volta dello stabile della Römerstrasse. Entrambi gli interventi di risanamento sono stati effettuati in collaborazione con l’Ufficio di tutela dei monumenti ottimizzando, per quanto possibile, l’efficienza energetica degli immobili. L’incremento della qualità degli immobili e la rinuncia alla costruzione di nuovi edifici riducono notevolmente il consumo di energia grigia.

Nuova corrente ecologica certificata

Il teleriscaldamento prodotto dall’impianto di incenerimento dei rifiuti di Winterthur fornisce il calore necessario e sui tetti degli edifici viene generata corrente elettrica. Il resto della corrente utilizzata è idroelettrica e in futuro le sarà conferito il più importante marchio di qualità ecologica, «naturemade star». L’illuminazione viene in parte sostituita con moduli LED. 

La certificazione tuttavia non si riferisce solo alla produzione energetica e al risanamento degli edifici, bensì tiene conto anche di altri fattori quali gestione, comunicazione, mobilità, utilizzo dell’area e approvvigionamento. Già oggi AXA dispone di un’organizzazione consolidata che adotta le procedure necessarie, come ad esempio il monitoraggio del consumo energetico. I collaboratori di AXA vengono regolarmente informati in merito alle attività e alle novità e invitati ad analizzare con spirito critico il loro comportamento ed eventualmente modificarlo.

Risparmio energetico grazie a brevi tragitti

La posizione centrale dell’area consente a pendolari, pedoni e ciclisti di recarsi facilmente al lavoro, con brevi tragitti. I collaboratori hanno la possibilità di pranzare nel ristorante per il personale. AXA incentiva inoltre la mobilità ecologica dei collaboratori, mettendo loro a disposizione delle biciclette per gli spostamenti in città. I viaggi d’affari devono  possibilmente prevedere l’uso dei mezzi pubblici e le emissioni di sostanze tossiche vengono compensate. Presso la sede principale sono disponibili delle stazioni di ricarica per le auto elettriche e i veicoli Mobility.

Lavoro flessibile a tutela dell’ambiente

«Nell’ambito del processo di trasformazione rappresentano una sfida particolare l’impossibilità di intervenire in modo sostanziale sugli edifici storici e il fatto che gli altri stabili sono di costruzione piuttosto recente e pertanto un eventuale risanamento risulterebbe inopportuno, dal punto di vista economico ed ecologico. Stiamo quindi tentando di raggiungere gli obiettivi prefissati soprattutto ottimizzando i processi», spiega Christian Joos, responsabile Facility Management e Centro di calcolo di AXA.

Tra queste ottimizzazioni rientra anche la postazione di lavoro. Con la messa in opera dell’edificio nella Römerstrasse, AXA intende imprimere un ulteriore impulso all’attuazione del progetto «Flexwork»: i collaboratori non sono più legati a una postazione fissa, ma possono lavorare ovunque. L’uso più efficace delle postazioni di lavoro comporta ovviamente una riduzione del consumo energetico. 

AXA sta lavorando costantemente alle procedure di ottimizzazione per poter ottenere il certificato «Area da 2000 watt» entro il 2031. A tale scopo, ogni quattro anni l’associazione incaricata esegue i necessari controlli.

  • La sede principale di AXA al centro di Winterthur, è ben raggiungibile.

    Immagine: AXA

  • L’area risponde ai criteri ecologici.

    Immagine: AXA

  • L’edificio nella General-Guisan-Strasse è stato risanato nel 2011.

    Immagine: AXA

  • L’edificio nella Römerstrasse è attualmente sottoposto a risanamento; a sinistra, il ristorante per il personale.

    Immagine: AXA

  • Vista su quattro dei cinque edifici ubicati nell’area.

    Immagine: AXA

Società a 2000 watt

EnergiaSvizzera, il programma dell’Ufficio federale dell’energia (UFE) per la promozione dell’efficienza energetica e dell’energia rinnovabile, ha creato il certificato «Area 2000 watt». Il marchio è un chiaro riferimento all’idea della Società a 2000 watt che unisce gli obiettivi di strategia energetica 2050 stabiliti dalla Confederazione, a quelli climatici fissati dalla conferenza di Parigi. Il consumo di energia primaria pro capite dovrebbe a lungo termine essere ridotto a 2000 watt e a una tonnellata di CO2 per persona e anno.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati