Previdenza e salute

Perché non risparmiare 2000 franchi?

Foto: Getty Images
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Convididere per e-mail

I costi sanitari sono il cruccio di ogni famiglia. Ciononostante, la maggior parte di esse rinuncia a risparmiare proprio su questa voce di spesa. 

I costi sanitari ammontano a circa il 7% del budget di ogni famiglia, e in men che non si dica possono salire complessivamente fino a 700 franchi a persona – al mese. La parte del leone di questa spesa è costituita dai premi per l’assicurazione di base e per quelle complementari. Mentre per queste ultime a fare la differenza sono effettivamente le prestazioni, per la copertura obbligatoria di base non sussiste alcuna differenza. È infatti la legge a prescrivere nei confronti degli offerenti il catalogo delle prestazioni, che è quindi uguale per tutte le casse malati. Invece i costi presentano differenze in parte anche cospicue. Ogni assicurazione è tenuta ad accettare ogni abitante, a prescindere da età e stato di salute. Per questo motivo, in caso di cambio dell’assicurazione di base non viene effettuato alcun esame dello stato di salute.

Cercare la variante più conveniente

Poiché ogni anno in autunno le casse malati devono rendere noti i propri premi per l’anno successivo ed è consentito effettuare il cambio di cassa sino a fine novembre, è possibile scegliere di volta in volta l’assicurazione di base più conveniente. Ma perché non lo fa quasi nessuno? Per il 2017 soltanto l’8% circa della popolazione ha optato volontariamente per un cambio dell’assicurazione di base. Un simile andamento può risultare sorprendente, in quanto proprio l’aumento dei premi viene indicato come motivo principale per il passaggio a un’altra cassa. A ciò si aggiunge il fatto che anche il prossimo anno i premi aumenteranno in media del 4%.

Cambiare conviene

Secondo i calcoli effettuati da AXA, attraverso il solo cambio della propria assicurazione di base una famiglia di quattro persone può risparmiare fino a 2000 franchi l’anno – senza alcuna riduzione delle prestazioni. Ma perché le famiglie non vogliono cambiare la propria assicurazione di base e quindi risparmiare denaro? AXA ha posto questa domanda a delle giovani famiglie in una serie di interviste. Ebbene, gli interpellati sono intimoriti dall’onere amministrativo e temono problemi di coordinamento tra assicurazione di base e complementare.

Risparmiare grazie al Servizio cambio

Ed è proprio qui che il nuovo Servizio cambio di AXA fa la differenza: dietro richiesta, ogni anno AXA si fa carico per conto del cliente del passaggio a un’assicurazione di base più conveniente, senza peraltro ricevere alcuna provvigione dagli assicuratori di base. E affinché i clienti possano risparmiarsi l’onere amministrativo conseguente al passaggio, tutte le fatture possono essere inviate ad AXA, che si occupa poi della corretta ripartizione tra i diversi assicuratori. I clienti non hanno così alcuna incombenza supplementare, risparmiando invece diverse centinaia di franchi ogni anno.

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati