Mobilità

Sentirsi più sicuri grazie alla app di accompagnamento «WayGuard»

Immagine: AXA
Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Quasi ogni donna conosce la sgradevole sensazione di trovarsi per strada da sola, nel buio, a tarda sera: con l’innovativa app «WayGuard» il rientro a casa sarà più sicuro. 

Circa il 90 per cento delle donne avverte talvolta una sgradevole sensazione di insicurezza rientrando da sola a casa a tarda sera, dovendosi avventurare in un sottopassaggio o attraversando un bosco. È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di AXA presso 500 cittadini svizzeri di ambo i sessi fra i 15 e i 40 anni.

Le donne si sentono particolarmente a disagio soprattutto quando si accorgono che qualche estraneo cammina dietro di loro nell’oscurità. Oltre il 50 per cento in questi casi mette mano al telefono, molte accelerano il passo o prendono in mano un oggetto appuntito come una chiave, per sentirsi più sicure. 

E questo a ragion veduta: il 40 per cento delle donne intervistate ha già avuto esperienze negative quando si è trovata a spostarsi da sola, essendo ad esempio oggetto di attenzioni indesiderate, tentativi di approccio o volgari provocazioni. Il fatto di trovarsi a piedi è solo uno degli aspetti: circa il 75 per cento delle donne intervistate ha dichiarato di essersi sentita a disagio anche sui mezzi pubblici di trasporto. 

Assistenza professionale 24 ore su 24

Il team Innovazione di AXA Svizzera lancia ora un nuovo servizio con cui le donne possono farsi accompagnare fino alla porta di casa. L’app di accompagnamento «WayGuard» offre un’assistenza 24 ore su 24, che può essere utilizzata in funzione delle situazioni. Una volta attivata, la app resta operativa in background per l’intero percorso, dando sicurezza e consentendo di chiamare aiuto in caso di emergenza. 

La app è stata sviluppata nel 2016 da AXA Germania con il sostegno della polizia di Colonia e riscuote vivo interesse: nel Paese di origine conta già oltre 300 000 utenti registrati. Ora AXA offre gratuitamente questo straordinario servizio anche in Svizzera.

«Facendo parte del Gruppo AXA, siamo connessi con team di innovazione di tutto il mondo. È nostro desiderio offrire anche ai clienti svizzeri i servizi all’avanguardia che si sono affermati in altri Paesi», spiega Claudia Bienentreu, responsabile Open Innovation presso AXA Svizzera. 

Aiuto rapido con precisa chiamata di emergenza

La app riconosce la posizione esatta dell’utente e la trasmette in tempo reale e in modalità criptata a una centrale certificata che, in caso di bisogno, predispone un intervento adeguato da parte di operatori specializzati. In caso di effettiva emergenza WayGuard risolve un problema decisivo: in situazioni critiche molti non riescono a descrivere dove si trovano esattamente. Con i dati GPS, che vengono trasmessi in caso di chiamata di emergenza, la centrale operativa può invece coordinare un intervento rapido. In casi critici la chiamata di emergenza viene inoltrata alla centrale di polizia locale che, grazie alla localizzazione esatta, è in grado di agire immediatamente. 

Se desiderato, l’utente può essere messo in collegamento tramite la app anche con un referente privato della cerchia di amici o della famiglia, che vede la posizione esatta del soggetto, sempre tramite app. L’utente può addirittura chattare o parlare al telefono con tale soggetto. Inoltre la centrale operativa è reperibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, garantendo sempre una copertura, anche nei casi in cui il referente privato non avesse tempo o non lo si volesse disturbare. 

Tranquillità anche per amici e parenti

Una volta che l’utente è giunto in sicurezza a destinazione, tutti gli accompagnatori virtuali vengono informati. Perché, come mostra il sondaggio rappresentativo di AXA, anche amici e conoscenti talvolta si preoccupano quando i loro cari sono per strada da soli. Il 90 per cento delle donne e degli uomini intervistati ha affermato ad esempio di essersi preoccupato in passato per amici o parenti, soprattutto quando si trattava di una fidanzata, una collega o la partner. 

La app include inoltre consigli specifici per le donne che si spostano da sole, ad esempio su come scegliere correttamente la strada di casa oppure bloccare i soggetti troppo insistenti. 

La app di accompagnamento «WayGuard» per iPhone e Android è già disponibile gratuitamente in App Store e Play Store e può essere utilizzata da tutti gli interessati, quindi anche uomini, anziani o teenager e i loro genitori. 

La app inizialmente sarà disponibile solo in tedesco, In base al successo che avrà in Svizzera tedesca, AXA valuterà la realizzazione anche in lingua francese e italiana.

Anche gli uomini a volte si sentono insicuri

Come emerge dallo studio AXA, il disagio non è prerogativa delle donne quando si spostano da sole, ma anche degli uomini. Oltre tre quarti degli intervistati fra i 15 e i 40 anni avvertono talvolta insicurezza se rientrano a casa da soli a piedi. Come motivi hanno indicato in particolare la presenza di estranei alle loro spalle, gruppi di sconosciuti e le strade non illuminate. Quasi uno su tre ha effettivamente avuto esperienze negative. La app di accompagnamento «WayGuard» è a disposizione di tutti gli interessati, ivi inclusi uomini, anziani o teenager e i loro genitori. 

Studie:

Repräsentative Online-Umfrage der AXA Schweiz zur gefühlten Sicherheit im öffentlichen Raum, die zwischen dem 9. und 14. Oktober 2019 bei 500 Personen in der Deutschschweiz im Alter von 15-40 Jahren durchgeführt worden ist.  

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati