myAXA Login
Collaboratori e previdenza

«Sindrome post-vacanze» – come combatterla

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Al rientro dalle vacanze, molti collaboratori si sentono demotivati. Questa fase dura in media da due a tre giorni e quasi due terzi dei collaboratori la conoscono fin troppo bene. In qualità di imprenditori, potete adottare delle contromisure.

Le vacanze estive sono ormai un ricordo e l’umore è in cantina: gli scienziati definiscono questo stato di demotivazione dopo le vacanze «sindrome post-vacanze». Cosa potete fare in qualità di imprenditori per tenere alto il morale dei collaboratori?

Definite degli obiettivi e festeggiate i successi

Definire degli obiettivi è un buon metodo per accrescere la motivazione, soprattutto se prospettate un riconoscimento per chi li consegue. Stimoli quali ad esempio un bonus a fine anno o giorni di vacanza supplementari favoriscono una sana concorrenza tra i collaboratori. La collaborazione per raggiungere un obiettivo comune può avere effetti positivi sulla coesione del team.

Per dimostrare apprezzamento, non occorre tuttavia ricorrere sempre a complessi programmi bonus: spesso, piccoli gesti come ad esempio un gelato offerto in una calda giornata di lavoro fanno miracoli. In generale, a causa dello stress quotidiano ci si scorda spesso di mostrare stima: i collaboratori apprezzano un feedback positivo per le prestazioni fornite. Non solo una volta all’anno in occasione del colloquio personale, bensì anche di tanto in tanto.

Concedete delle pause

È dimostrato che, a lungo andare, lunghi orari di lavoro riducono la produttività. Assicuratevi che i vostri collaboratori possano fare delle pause. Incoraggiate il team a non consumare il pranzo alla scrivania, bensì nella sala pause o all’aperto. L’aria fresca e la luce del sole rinfrancano il corpo e la mente, creando tutte le premesse per un pomeriggio di lavoro produttivo. Un’altra possibilità per stimolare il team consiste ad esempio nell’organizzare pranzi mensili o grigliate occasionali, durante i quali potete anche discutere argomenti che non hanno nulla a che vedere con la quotidianità lavorativa.

Sostenete una buona causa

Sostenere assieme una buona causa in veste di team favorisce l’affiatamento tra i collaboratori. Inoltre, questo tipo di iniziative presenta una componente sociale che si riflette positivamente sulla reputazione della vostra azienda all’interno e all’esterno. Particolarmente indicata e molto amata è ad esempio la partecipazione a corse di beneficenza. Un ulteriore vantaggio di queste iniziative consiste nel contributo al management della salute in azienda derivante dall’allenamento comune in vista dell’evento.

Abbellite l’ambiente di lavoro

Qualche anno fa, da uno studio condotto in Gran Bretagna è emerso che la presenza di piante sul posto di lavoro può aumentare la produttività del 15 per cento. La vista del verde ha un effetto calmante e favorisce la concentrazione. Le piante sono dunque un investimento conveniente nella salute in azienda, in quanto forniscono un contributo sostanziale a un’atmosfera più rilassata in ufficio. Inoltre, potete incoraggiare i vostri collaboratori ad avanzare proposte personali per la riorganizzazione del posto di lavoro. Spesso, per abbellirlo sono sufficienti alcuni quadri gradevoli o un oggetto decorativo adatto.

Con questi consigli combattete la «sindrome post-vacanze» (in breve: SPV) e riducete al minimo le difficoltà iniziali dei vostri collaboratori al rientro dalle vacanze. Il metodo radicale – rinunciare del tutto alle vacanze in futuro – non rappresenta infatti un’alternativa.

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati