myAXA Login
Fondazione e innovazione

LAINF: l'essenziale sull'assicurazione infortuni obbligatoria

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

L'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni (LAINF) protegge dipendenti e datori di lavoro dalle conseguenze finanziarie dovute a infortuni e malattie professionali e non professionali. La base di questa assicurazione è rappresentata dalla Legge federale sull’assicurazione contro gli infortuni (LAINF) e dalle relative ordinanze.

Chi è assicurato?

Sono assicurati obbligatoriamente tutti i dipendenti, inclusi i lavoratori a domicilio, i praticanti, i volontari e gli apprendisti. La LAINF prevede apposite disposizioni per i familiari occupati nell’impresa, i lavoratori nell’agricoltura, i dipendenti inviati all’estero e altri casi specificamente menzionati. In base a convenzioni speciali, i lavoratori indipendenti e i loro familiari non assicurati obbligatoriamente possono assicurarsi a titolo facoltativo.

Quali eventi sono assicurati?

Infortuni professionali (IP) e non professionali (INP); le malattie professionali sono equiparate agli infortuni professionali.

  Assicurati contro IP e INP
Assicurati solo contro IP
Chi sono le persone e gli eventi assicurati?
Tutti i dipendenti che in media lavorano almeno 8 ore settimanali per lo stesso datore di lavoro.
I dipendenti che in media lavorano meno di 8 ore settimanali per lo stesso datore di lavoro.
Quando ha inizio la copertura assicurativa?
L'assicurazione decorre dal giorno in cui il dipendente comincia o avrebbe dovuto cominciare il lavoro. Chi non ha concordato un giorno per l’inizio dell’attività lavorativa beneficia della copertura dalla prima volta che si reca sul posto di lavoro.
Dal momento in cui si intraprende il percorso verso il luogo di lavoro.
Quando cessa la copertura assicurativa?
Al termine del 31° giorno successivo a quello in cui cessa il diritto alla metà del salario.
Non appena il dipendente ha percorso il tragitto di ritorno dal luogo di lavoro.
Cosa bisogna fare al termine della copertura assicurativa?
  • Prorogare mediante accordo la copertura dell'assicurazione.
  • Informare la cassa malati (nel caso sia sospesa la copertura infortuni ai sensi della LAMal).
 

Le prestazioni della LAINF

Prestazioni sanitarie

  • Cure mediche adeguate ed economiche
  • Assunzione dei costi per:
    - trattamenti di medici e dentisti, nonché per medicinali, visite e analisi da questi prescritti
    - degenza ospedaliera in reparto comune

Si fa presente che all’estero le prestazioni assicurative per trattamenti di cura e i rimborsi delle spese hanno un importo limitato.

Indennità giornaliera

L’ammontare dell’indennità giornaliera è determinato dal grado d’inabilità al lavoro. In caso di totale inabilità al lavoro l'indennità giornaliera è pari all'80% del guadagno assicurato. Il diritto all’indennità giornaliera ha inizio dal terzo giorno successivo a quello dell’infortunio e cessa con il riacquisto della capacità lavorativa totale, con l’inizio della rendita d’invalidità o con il decesso dell’assicurato. Durante il ricovero in un istituto di cura viene applicata una trattenuta per le spese di vitto alle persone senza obblighi di sostentamento.

Rendita di invalidità

In caso di invalidità totale la rendita ammonta all'80% del guadagno assicurato, in caso di invalidità parziale il suo importo sarà ridotto in misura corrispondente. In concomitanza con le rendite AVS/AI, le prestazioni (rendita complementare) non possono ammontare a più del 90% del guadagno assicurato.

Rendite per i superstiti

Sono suddivise come segue:

  • 40% per la vedova/il vedovo
  • 15% per ogni orfano (di padre o di madre)
  • 25% per gli orfani di entrambi i genitori
  • max 70% per più superstiti insieme
  • max 90% del guadagno assicurato, considerando le rendite AVS e AI (rendite complementari)

Le rendite beneficiano delle indennità di rincaro. Le rendite per i superstiti sono adeguate all'indice nazionale dei prezzi al consumo con la stessa periodicità delle rendite AVS/AI.

Indennità per menomazione dell’integrità

La persona assicurata che, in seguito a un infortunio, ha subito una grave menomazione permanente dell'integrità fisica o mentale ha diritto a una adeguata indennità versata sotto forma di capitale.

Assegno per grandi invalidi

L’assicurato ha diritto all’assegno per grandi invalidi se, a causa dell’invalidità, ha bisogno in modo permanente dell’aiuto di terzi per compiere atti ordinari quotidiani, oppure se necessita di sorveglianza personale.

Guadagno assicurato/importo massimo

Le indennità giornaliere e le rendite sono calcolate in base al guadagno assicurato fino a concorrenza dell’importo massimo, il quale è attualmente pari a CHF 148 200.– per persona/anno, ovvero CHF 406.– per persona/giorno (stato 1.1.2016).

Disposizioni relative alla LAINF

Procedura in caso di infortunio

Gli infortunati o i loro familiari devono notificare tempestivamente l'infortunio al datore di lavoro. Questi a sua volta è tenuto a comunicare senza indugio l'infortunio all'assicuratore. In caso di omissione la legge prevede la riduzione o addirittura il rifiuto delle prestazioni. L'assicurato è tenuto a sottoporsi alle visite mediche prescritte, i cui costi vanno a carico dell'assicuratore.

Riduzione e rifiuto delle prestazioni assicurative

Infortunio intenzionale: nessun diritto alle prestazioni ad eccezione delle spese di sepoltura

  • Colpa grave: per quanto riguarda gli infortuni non professionali, l'assicurazione riduce l'indennità nei primi due anni susseguenti l'infortunio. Se un congiunto causa il decesso dell'assicurato per colpa grave, la rendita per i superstiti è ridotta o addirittura rifiutata in casi particolarmente gravi.
  • Delitto/crimine: le prestazioni in denaro possono essere ridotte o, in casi particolarmente gravi, rifiutate se l'assicurato ha subito l'infortunio mentre commetteva un delitto o un crimine.
  • Pericoli straordinari: tutte le prestazioni assicurative sono rifiutate per gli infortuni occorsi durante il servizio militare all’estero o in caso di partecipazione ad atti di guerra, di terrorismo o di banditismo. Per gli infortuni occorsi durante la partecipazione a risse, baruffe, atti provocatori o disordini, le prestazioni in denaro vengono ridotte di almeno il 50%.
  • Atti temerari: le prestazioni pecuniarie sono ridotte della metà o rifiutate in casi particolarmente gravi. In caso di azioni di salvataggio a favore di persone non viene applicata alcuna riduzione anche se viene compiuto un atto temerario.

Chi paga i premi per l’assicurazione infortuni obbligatoria?

Il debitore dei premi nei confronti dell’assicuratore è il datore di lavoro, il quale si fa carico del pagamento dei premi per gli infortuni professionali e le malattie professionali. I premi per gli infortuni non professionali sono invece a carico del lavoratore dipendente. Sono tuttavia possibili accordi derogatori a favore del lavoratore.

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati