myAXA Login
In viaggio

Il think tank svizzero della mobilità elettrica

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

I muri dell’area industriale della Sulzer a Winterthur richiamano alla mente i tempi d’oro dell’industrializzazione. Qui, dove si è svolta una pagina importante della storia dell’economia, la ditta Designwerk lavora oggi alla mobilità elettrica di domani. Votati alla sostenibilità, il fondatore Tobias Wülser e il suo team sviluppano propulsori e caricabatterie innovativi per portare con successo sulle strade prototipi futuristici.

Smaltimento elettrificato a Murten

Nell’ambito del progetto Futuricum, 23 designer, elettricisti, tecnici elettronici, specialisti dell’automazione, meccanici di veicoli pesanti, programmatori, ingegneri, esperti di sistemi di trasmissione e commercianti progettano e sviluppano la prossima generazione di veicoli commerciali elettrici. In qualità di partner di SvizzeraEnergia, AXA ha avuto l’onore di seguire in modo documentario un progetto di cui Tobias Wülser va particolarmente fiero: l’elettrificazione completa di quattro veicoli per la raccolta dei rifiuti in Svizzera. Da poco più di un mese, il primo prototipo circola sulle pittoresche strade della cittadina di Murten, nei pressi di Fribourg. Il progetto pilota è orientato al futuro: «Siamo convinti che la logistica dei rifiuti sia predestinata all’elettrificazione, un processo che prenderà gradualmente piede in Svizzera», anticipa Wülser.

Meno emissioni, meno inquinamento acustico

Wülser motiva così l’attenzione posta sui veicoli per la raccolta dei rifiuti: «Si tratta della seconda categoria di veicoli commerciali maggiormente esposta a sollecitazioni. A causa delle continue soste e ripartenze e dell’impiego di notte e nelle prime ore del mattino, devono soddisfare requisiti estremamente elevati. Il nostro obiettivo consisteva nello sviluppare e portare sulle strade un veicolo commerciale elettrificato senza limitazioni rispetto ai tradizionali modelli con motore diesel». I valori target sono di tutto rispetto: «Stando alle nostre ultime stime, l’elettrificazione di un veicolo per la raccolta dei rifiuti consente di ridurre le emissioni annue di CO2 dalle 80 tonnellate dei modelli con motore diesel a sole 9 tonnellate». Il progetto viene sostenuto dall’Ufficio federale dell'energia nell’ambito del suo programma faro.

Con impegno verso il futuro

In cooperazione con SvizzeraEnergia, anche AXA si impegna come partner dell’ENERGY CHALLENGE, lanciando così un segnale forte a favore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili. In veste di compagnia di assicurazioni leader in Svizzera, AXA considera come uno dei propri compiti centrali l’assunzione di una piena responsabilità nei confronti dell’ambiente e la sensibilizzazione attiva sulla rilevanza di questo argomento. Per questo motivo AXA porrà fino al 2020 l’accento della propria responsabilità aziendale sul tema «Futuro energia», concretizzando poi questo impegno attraverso una serie di iniziative ambientali.

Nell’ambito della mobilità elettrica, le iniziative in corso sono attualmente le seguenti:

  • AXA coopera con swisscharge.ch per consentire ai propri clienti un facile accesso tramite app a circa 12 000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici in Svizzera e in tutta l’Europa.
  • Dal 2017, in tutti gli edifici di nuova costruzione di proprietà di AXA Winterthur numerosi parcheggi in affitto vengono dotati di stazioni di ricarica.
  • In veste di partner della Fondazione svizzera per il clima, AXA Winterthur sostiene inoltre le PMI che scelgono di passare alla mobilità elettrica con mille franchi per autovettura e duemila franchi per autocarro."

Ulteriori informazioni sulle iniziative ambientali di AXA sono disponibili qui.

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati