myAXA Login
Previdenza

Digital Health: queste tre tendenze cambieranno anche la vostra salute?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

In linea con la prima giornata digitale ufficiale della Svizzera vi illustriamo quali sono le tre tendenze che rivoluzioneranno la vostra personale gestione della salute.

Tendenza 1: promozione digitale della salute e prevenzione

Si comincia con il tracking: la misurazione digitale del battito cardiaco, dei passi e delle attività sportive rientra ormai da tempo nello standard. Nuove applicazioni vanno ancora oltre. Dacadoo, ad esempio, registra ulteriori dati quali valori ematici, peso, stress o alimentazione. Partendo da questi dati il tool calcola continuamente il personale «Health Score» – un valore relativo allo stato generale di forma fisica e di salute. Kenzen è ancora più preciso. Il suo biosensore «Smart Patch» monitora costantemente mediante l'analisi del sudore l'idratazione del corpo o le funzioni vitali. Una soluzione interessante per chi pratica attivamente sport ma anche per chi è affetto da patologie croniche. Ma molti offerenti non solo sono in grado di misurare dati specifici, bensì aiutano anche a conseguire obiettivi personali. Con la app britannica Ourpath è possibile ad esempio modificare le abitudini alimentari. Con l'aiuto di un tracker e di una bilancia Bluetooth, un coach personale aiuta per sei settimane ad eliminare i nostri vizi alimentari e a mantenere così il peso ideale nel lungo termine.

Tendenza 2: autodiagnosi e diagnosi remota

L'autodiagnosi diventa sempre più spesso la tappa preliminare di un'eventuale visita medica. Il symptom checker Citizen Doc ad esempio guida i pazienti attraverso un questionario. In caso di disturbi quotidiani offre consigli per il trattamento e valuta la necessità di una visita medica. Altri offerenti vanno oltre i meri disturbi fisici. Moodpath verifica ogni giorno con apposite domande se esiste il rischio di un burn-out o di una depressione. Dopo due settimane Moodpath valuta i dati e offre consigli in tema di autoaiuto. Simili app non si propongono di sostituire il colloquio con un medico. Per questo esistono anche offerenti che combinano tra loro autodiagnosi e diagnosi remota. La app britannica Babylon, ad esempio, dopo un symptom checker offre mediante chatbot un videocolloquio con un medico. Il medico di famiglia è accessibile tramite video anche per gli svizzeri – ad esempio con l'aiuto della nuova offerta eedoctors.

Tendenza 3: comfort e raffronto trasparente

Il medico ha prescritto un medicinale? Anche qui la digitalizzazione offre nuove vie. Mentre prima ci si trascinava malati in farmacia, oggi si possono ordinare medicinali comodamente online e vederseli consegnare a casa. Ad esempio dalla Versandapotheke zur Rose, farmacia di vendita per corrispondenza. Chi cerca alternative convenienti a un medicinale – i cosiddetti generici – le trova su Mymedi. La digitalizzazione aiuta anche in tema di discrezione. Con MyLAB Box è possibile effettuare tra le proprie quattro mura un test per le più frequenti malattie sessualmente trasmesse. E se la degenza ospedaliera fosse inevitabile, il comparatore di ospedali Spitalfinder aiuta a fare la scelta giusta.

Il viaggio prosegue

Negli ultimi due anni il numero delle app per la salute è raddoppiato. Già oltre 318'000 offerte sono oggi disponibili nell'App Store a livello mondiale. Ci teniamo aggiornati e continueremo a informarvi su interessanti novità sul mercato della salute.

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati