myAXA Login
In viaggio

La stanchezza al volante riduce la capacità di guida!

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Chi è troppo stanco non deve mettersi al volante. Per quanto questo principio suoni semplice, a volte è difficile da rispettare. Ma mettersi al volante quando si è riposati può salvare la vita: fino al 20 per cento dei decessi per incidenti stradali sono infatti da ricondurre alla stanchezza.

Fatti sulla guida in stato di stanchezza

La stanchezza ha lo stesso effetto dell’alcol
Chi si mette al volante stanco non riesce più a valutare correttamente il suo comportamento di guida. Già 17 ore senza sonno corrispondono a un tasso alcolemico dello 0,5 per mille. Chi si mette alla guida addirittura dopo 24 ore peggiora la sua performance come se avesse un tasso alcolemico di quasi l’1,0 per mille.

Prudenza di notte e dopo pranzo
Il nostro corpo ha un orologio interno che regola le fasi di sonno e di veglia. Il maggior bisogno di sonno si registra tra le 2 e le 5 di mattina e intorno alle 14. È proprio in questi frangenti che si verifica il maggior numero di incidenti dovuti alla stanchezza. Chi si mette alla guida in quegli orari dovrebbe essere particolarmente riposato.

I colpi di sonno possono avere conseguenze fatali
Molti credono di potersi accorgere quando stanno per addormentarsi mentre guidano. Un errore fatale. Per quanto ci si accorga di essere stanchi, il momento esatto in cui ci si addormenta non si può prevedere, arriva all’improvviso. I conducenti che hanno provocato un incidente spesso avevano sottovalutato quanto avessero sonno. E già un secondo di sonno al volante può avere conseguenze letali.

Caffè, energy drink, musica alta, finestrini aperti
Molti conducenti cercano di dribblare la stanchezza. Ma la musica ad alto volume o un finestrino aperto possono fare poco per contrastarla. Energy drink o caffè possono aiutare per via del loro contenuto di caffeina, ma solo a breve termine, e sono privi di efficacia contro una grande stanchezza. E non appena cessa l’effetto della caffeina, si ha di solito più sonno di prima.

Ecco i rimedi efficaci contro la stanchezza al volante

La migliore prevenzione contro la stanchezza al volante: mettersi al volante solo dopo aver dormito a sufficienza e con un tasso alcolemico pari a zero!

  • Rinunciate a guidare se siete stanchi o se dovreste rientrare a notte fonda.
  • Se possibile non guidate nella seconda metà della notte, quando il corpo è nella fase del sonno.
  • Bere alcol e mangiare pesante provoca stanchezza – rinunciate a farlo prima di un lungo viaggio.
  • Se vi viene sonno, fermatevi immediatamente. Muovetevi, allungatevi e rilassatevi. Concedetevi un sonnellino di 15 minuti. Parlate con un medico di eventuali disturbi del sonno. Russamento o stanchezza durante il giorno potrebbero essere segnali di apnea del sonno.
  • Non guidate più di due ore consecutive.
  • Prima di partire in auto per le vacanze dormite a sufficienza – e non guidate di notte in un orario in cui normalmente dormite.

Fonte: Ufficio prevenzione infortuni (upi), ADAC Monaco

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati