myAXA Login
In viaggio

Sfatiamo alcune mezze verità sulla mobilità elettrica

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

La mobilità elettrica è ormai omnipresente: funzionano a energia elettrica automobili, moto, biciclette e addirittura scooter. Come si prospetta il futuro per la mobilità elettrica e quali falsi miti vengono raccontati?

Circa un terzo delle emissioni di CO2 in Svizzera è generato dal traffico stradale. La mobilità elettrica è quindi una tecnologia fondamentale per una mobilità più sostenibile. Secondo un sondaggio annuale rappresentativo condotto da Ernst Basler & Partner sulla mobilità in Svizzera, la preferenza per i veicoli elettrici ha subito un forte aumento. Ben l’8% degli intervistati ha affermato che il prossimo veicolo acquistato sarà completamente elettrico. Eppure molti automobilisti sono scettici perché confrontati costantemente con informazioni sulla mobilità elettrica che in realtà sono solo in parte vere. Noi ne correggiamo qui cinque:

Mezza verità 1: i veicoli elettrici non sono più ecocompatibili

Se guardiamo al ciclo di vita di un veicolo, in quelli a motore elettrico pesa soprattutto la produzione della batteria. Quanto più a lungo un veicolo viene usato, tanto migliore è l’ecobilancio rispetto a uno con motore a combustione interna. Determinante è il mix energetico. Generalmente un veicolo elettrico ha un impatto ambientale minore di uno a trazione convenzionale – purché l’energia elettrica sia al 100% da fonti rinnovabili.

Mezza verità 2: l’autonomia è limitata e i tempi di ricarica sono lunghi

Un'auto elettrica al 100% può percorrere tra i 100 e i 500 km prima di doversi collegare a una stazione di ricarica. Per più dell’80% delle normali giornate di uno svizzero medio questo raggio di percorrenza è più che sufficiente. Inoltre, per l’ordinario consumo giornaliero, esistono diverse possibilità di fare una (rapida) ricarica. Se si cerca una stazione di ricarica con l’app di swisscharge.ch si ha facile accesso a 10 000 stazioni di ricarica elettrica. E se vi doveste trovare per strada con la batteria scarica, come cliente AXA potete richiedere il servizio gratuito di soccorso stradale e traino di AXA Winterthur.

Mezza verità 3: le e-car sono troppo care

Non dovete pensare solo al prezzo di vendita, che magari è superiore a quello delle auto alimentate con carburanti convenzionali. Con un'auto elettrica, alle tariffe elettriche attuali, potete percorrere 100 km per meno di tre franchi. Inoltre, in alcune parti della Svizzera, i veicoli elettrici sono dispensati dal pagamento dell’imposta sugli autoveicoli, pari al 4% del prezzo di acquisto, e delle imposte sugli oli minerali e supplementi dato che non usano carburanti convenzionali.

Mezza verità 4: l’auto è troppo silenziosa

La causa più frequente degli incidenti non è la bassa udibilità delle e-car, quanto piuttosto manovre imprudenti e imprevedibili, proprio come per i mezzi di trasporto comuni. Va comunque considerato che le auto elettriche in circolazione sono ancora una minoranza, pertanto gli altri utenti della strada devono ancora abituarsi alla silenziosità delle basse velocità.

Mezza verità 5: i veicoli elettrici sono troppo poco sicuri

Un'auto elettrica è dotata di tutti i componenti noti di sicurezza e quindi in caso di incidente è sicura quanto un’auto simile con motore a combustione interna. E anche dagli studi sulla sicurezza stradale emerge che i motivi degli incidenti sono la mancanza di esperienza al volante, una velocità non adeguata o una concentrazione compromessa, e non il tipo di trazione.

Se state valutando di comprare un veicolo elettrico, riflettete prima sui seguenti punti:

  • Dove potete caricare il veicolo? Verificate se in casa o in ufficio avete delle stazioni di ricarica.
  • Fate assolutamente attenzione al mix energetico. I veicoli elettrici sono più ecocompatibili di quelli convenzionali soltanto se per il loro esercizio viene usata esclusivamente energia da fonti rinnovabili (sole, vento, acqua).
  • Quanti chilometri percorrete? I veicoli elettrici non hanno la stessa autonomia di quelli con altri combustibili.
  • Quale veicolo è quello giusto? Valutate le distanze che dovete coprire; con una e-bike o e-scooter potete tranquillamente percorrere 10 km senza essere un asso dello sport. Non dimenticate tuttavia i mezzi di trasporto pubblico, senz’altro la variante più ecologica ed economica.

Insieme agevoliamo l’accesso alla mobilità del futuro.

Circa un terzo delle emissioni di CO2 in Svizzera è generato dal traffico stradale. AXA Winterthur e swisscharge.ch uniscono i loro sforzi per promuovere un rapido sviluppo dell’elettromobilità:

sicuri sulla strada

I clienti di AXA Winterthur e swisscharge.ch beneficiano di un servizio gratuito di soccorso stradale in Svizzera e in Europa – anche in caso di batteria scarica.

Fitta rete di stazioni di ricarica

Prenotare, attivare, caricare, pagare – swisscharge.ch consente di accedere facilmente a 10 000 stazioni di ricarica elettrica in Svizzera e in Europa via app.

Stazioni di ricarica elettrica per i locatari

Dal 2017 si provvederà a dotare un determinato numero di parcheggi con stazioni di ricarica presso tutti gli edifici di nuova costruzione di proprietà di AXA Winterthur.

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati