Salute

Incidente all'estero: come si svolge il rimpatrio?

Condividere su Facebook Condividere su Twitter ch.axa.i18.share.google Condividere su LinkedIn Condividere su Xing Condividere su Pinterest Convididere per e-mail

Vacanze in Cile in bicicletta: Paul cade e si ferisce gravemente. Deve rientrare in Svizzera per essere operato, perché l'assistenza medica sul posto è inadeguata. Ma come si svolge materialmente il rimpatrio e cosa succede da questo momento in poi?

Durante una vacanza in bicicletta sulle Ande cilene, Paul cade fratturandosi un braccio e batte violentemente il capo , con conseguente trauma cranio-cerebrale. Dall’ospedale telefona ad AXA: deve rientrare al più presto in patria. Paul viene messo in contatto con la centrale di emergenza per l'estero Medicall, che organizza immediatamente il suo rientro in Svizzera. Ma come funziona un rimpatrio e che cosa deve aspettarsi l’interessato?

Ne abbiamo parlato con Steffen Bohn, responsabile Assistenza medica presso Medicall.

Medicall organizza per conto di AXA il rimpatrio dei clienti malati o infortunati. Come si svolge il tutto esattamente?

A prescindere dalla diagnosi e dalla qualità dell'assistenza sul posto, dopo un infortunio o in caso di malattia lo stipulante dovrebbe sempre chiamare il numero di emergenza per l'estero di AXA. La chiamata arriva direttamente alla nostra centrale operativa, che mette subito in atto i provvedimenti necessari. Il rimpatrio del contraente e le sue modalità dipendono dalla diagnosi, dal Paese in cui egli si trova e dal tipo di trasporto di salvataggio necessario. Se il rimpatrio è necessario, il rientro viene organizzato entro 24 – 48 ore.

  • Teaser Image
    Emergenza all’estero?

    Chiamate il Servizio clienti: +41 58 218 11 11. Il numero viene gestito dal nostro partner Medicall.

    Maggiori informazioni su Medicall

Come si procede nel caso di Paul?

Innanzitutto informiamo l’assicurazione di base di Paul, la quale assume le spese ospedaliere, che il cliente ci ha contattati tramite il numero di emergenza AXA. Poiché si sta valutando l’opportunità del rimpatrio, la pratica viene presentata al nostro staff medico, che giudica se il rientro sia «medicalmente necessario» o «medicalmente opportuno». Il rimpatrio è «medicalmente necessario» se il cliente si trova in una regione in cui l'assistenza, secondo gli standard svizzeri, è inadeguata: è proprio il caso di Paul, che viene pertanto riportato in Svizzera per motivi necessari sul piano medico, in modo da poter essere curato. Un rimpatrio immediato tuttavia può essere anche giudicato «medicalmente opportuno»: se Paul ad esempio si fosse infortunato in Francia, avrebbe ricevuto adeguata assistenza sul posto, come in quasi tutti gli altri Paesi dell’Europa centrale. In tal caso avremmo consigliato a Paul di farsi operare nel Paese in cui si è verificato l’incidente. La proposta di non ricorrere al rimpatrio avviene sempre nell’interesse e per il benessere del paziente , ma se il soggetto vuole assolutamente tornare a casa, il rientro viene organizzato comunque.

Come si svolge quindi il rimpatrio?

Per la scelta del mezzo di trasporto è decisiva la distanza dalla Svizzera. Se il luogo in cui intervenire si trova entro un raggio di 750 km, Medicall predilige un recupero terrestre, cioè tramite ambulanza. Se si va oltre tale distanza andiamo a prendere il paziente in aereo. Ci sono due possibilità: volo di linea o aeroambulanza. È il nostro staff medico a decidere il tipo di assistenza medica di cui ha bisogno il paziente e se debba essere accompagnato in patria da un medico o da un operatore sanitario. In questo modo garantiamo un rientro medicalmente sicuro.

Il cliente può scegliere con che tipo di mezzo aereo rientrare?

No, dipende dalle lesioni. Ad esempio, in base alle condizioni cliniche, le lesioni di Paul porterebbero a un rimpatrio con volo di linea.
Le modalità di rientro in questo caso divergono fortemente a seconda della diagnosi, del Paese e delle lesioni. Per i voli intercontinentali si viaggia sempre in business class, in modo che il paziente abbia la possibilità di stare sdraiato. Per i voli europei si prenotano posti in economy, eventualmente con sedili aggiuntivi. Se invece un paziente ha subito un grave incidente stradale con varie lesioni, di cui una tale da metterne a repentaglio la vita, viene rimpatriato con l'aeroambulanza non appena trasportabile.

Che cosa avviene una volta che il cliente è rientrato in Svizzera?

A questo punto l’obiettivo è il trattamento specifico, perciò il paziente viene trasportato in una clinica adeguata. Paul verrebbe indirizzato verso un ospedale dotato di sala operatoria. I pazienti rimpatriati con volo di linea trovano ad aspettarli un’ambulanza davanti all’aeroporto, che li trasferisce all’ospedale di destinazione. Chi invece arriva con aeroambulanza viene atteso dal mezzo di trasferimento direttamente sulla pista. Il nostro personale di assistenza medica, che segue ogni rimpatrio, consegna quindi il paziente in ospedale al medico responsabile. Alla fine confermiamo ad AXA che il paziente è giunto all’ospedale di destinazione.

  • Teaser Image
    Il nostro partner per l'intervista

    Steffen Bohn, responsabile Assistenza medica presso Medicall

Articolo correlato

AXA e lei

Contatto Avviso sinistro Offerte di lavoro Media Broker myAXA Valutazioni dei clienti Portale officine Abbonare la newsletter

AXA nel mondo

AXA nel mondo

Restare in contatto

DE FR IT EN Avvertenze per l'utilizzazione Protezione dei dati © {YEAR} AXA Assicurazioni SA

Utilizziamo cookie e tool di analisi per migliorare la navigazione sulla pagina internet e personalizzare la pubblicità di AXA e dei partner pubblicitari. Maggiori informazioni: Protezione dei dati